Martedì 11 Agosto 2020 | 17:29

NEWS DALLA SEZIONE

RIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
Le immagini
Foggia, il video dell'assalto al portavalori tra sparatorie e auto in fiamme: A14 bloccata

Foggia, il video dell'assalto al portavalori tra sparatorie e auto in fiamme: A14 bloccata

 
Vip in Puglia
Bocelli alle Isole Tremiti: armato di fisarmonica per un concerto improvvisato

Bocelli alle Isole Tremiti: armato di fisarmonica per un concerto improvvisato

 
Nuovi contagi
Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzaone sono positivi al Coronavirus

Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzanone sono positivi al Coronavirus

 
ECONOMIA
Foggia, Imprese agricole in rosso ma si continua a investire

Foggia, Imprese agricole in rosso ma si continua a investire

 
a borgo mezzanone
Foggia, rapinano auto ad agricoltore e la incendiano

Foggia, rapinano auto ad agricoltore e la incendiano

 
tragedia
Biccari, perde controllo auto e si schianta contro muro: muore 55enne

Biccari, perde controllo auto e si schianta contro muro: muore 55enne

 
quest notte
Foggia, abbandonano auto rubata alla vista delle forze dell'ordine

Foggia, abbandonano auto rubata alla vista delle forze dell'ordine

 
Dopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
Sanità
Foggia, l’Asl porta l'ospedale a domicilio

Foggia, la Asl porta l'ospedale a domicilio per chi non può muoversi

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariEmergenza al Policlinico
Coronavirus Bari, partoriente positiva i neo genitori: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

Coronavirus Bari, partoriente positiva i neo genitori: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

 
MateraIl caso
Matera, donna lancia una pietra contro un'auto: denunciata

Matera, donna lancia una pietra contro un'auto: denunciata

 
Leccel'emergenza
Coronavirus, sale a 7 il numero di salentini positivi dopo vacanza in Grecia

Coronavirus, sale a 7 il numero di salentini positivi dopo vacanza in Grecia

 
Batnella Bat
Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 

i più letti

La sentenza

Foggia, inflitti 5 anni al capo-clan Moretti per pizzo da 200mila euro

Un uomo fu intimato di ritirarsi dall’acquisto di terreni del Comune, rifiutò e fini sotto estorsione

Foggia, inflitti 5 anni al capo-clan Moretti per pizzo da 200mila euro

FOGGIA - Quattro condanne a complessivi 17 anni e 4 mesi (con 5 anni e 4 mesi inflitti al boss Rocco Moretti) con riconoscimento dell’aggravante della mafiosità; un’assoluzione; un rinvio a giudizio e un proscioglimento al termine del processo-abbreviato/udienza preliminare nei confronti di 7 foggiani accusati a vario titolo di 4 imputazioni: 3 di estorsione e una di armi. L’inchiesta è quella di Dda e carabinieri sul tentativo di estorsione ai danni di un imprenditore al quale la «Società foggiana» impose di ritirarsi dall’acquisto di terreni del Comune a borgo Incoronata; e che dopo il rifiuto cercò di estorcergli 200mila euro a titolo di... indennizzo: ci sono state 4 condanne e un rinvio a giudizio. Assoluzioni e proscioglimenti invece per l’estorsione sempre ai danni dello stesso imprenditore perché assumesse un imputato come escavatorista in una sua azienda; per il tentativo di estorsione per l’imposizione di una seconda assunzione; e per l’accusa di armi. La Dda aveva chiesto 2 rinvii a giudizio e la condanna dei 5 imputati del rito abbreviato a complessivi 56 anni di reclusione, con pene dai 10 ai 12 anni, per tutti i 4 capi d’imputazione. I fatti contestati vanno dal dicembre 2015 sino ai primi d’ottobre 2017.

Oltre 5 anni a Moretti Il gup di Bari Annachiara Mastrorilli tenendo conto dello sconto di un terzo della pena previsto dal giudizio abbreviato, ha condannato a 5 anni e 4 mesi di reclusione, e 6mila euro di multa, Rocco Moretti, foggiano di 68 anni, detto «il porco», capo storico della «Società foggiana», al vertice dell’omonimo clan, detenuto anche per questa imputazione dal 9 ottobre del 2017 quando fu fermato su decreto della Dda dai carabinieri del nucleo investigativo di Foggia. È stato riconosciuto colpevole d’essere il mandante del tentativo di estorsione da 200mila euro; e assolto dalle altre due imputazioni di estorsione perché il fatto non sussiste; e dall’accusa di concorso in porto illegale di armi anche da guerra utilizzate per intimidire la vittima per non aver commesso il fatto. Riconosciuta dal gup l’aggravante della mafiosità; il pm della Dda Federico Perrone Capano nell’udienza del 19 marzo scorso - il processo si è celebrato nell’aula bunker di Bionto - chiese la condanna di Moretti a 12 anni per tutti i capi d’imputazione.
Tre anni a Valentini Inflitti 3 anni e 4 mesi, e 3mila euro di multa, a Domenico Valentini, 46 anni, foggiano, ai domiciliari per questa vicenda, ritenuto un emissario di Moretti nel tentativo di estorsione da 200mila euro: il pm ne aveva chiesto la condanna a 10 anni. È stato l’unico condannato a ottenere la concessione delle attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti.

Il braccio destro del boss Quattro anni e 8 mesi, e 4mila euro di multa, la pena inflitta dal gup a Vincenzo Giuseppe La Piccirella, 61 anni, di San Severo (nel suo passato una condanna a 27 anni per mafia e omicidio finita di scontare nel 2014), ritenuto il braccio destro di Moretti su San Severo, a piede libero per questa vicenda, ma finito in cella il 6 giugno scorso nel blitz antimafia ed antidroga «Ares» (50 ordinanza cautelari, 47 eseguite) quale capo dell’omonimo clan. È stato riconosciuto colpevole di concorso nel tentativo di estorsione da 200mila euro aggravato dalla mafiosità; ed assolto dalle altre due estorsioni perché il fatto non sussiste; il pm aveva chiesto la condanna a 12 anni di La Piccirella. Quattro anni di carcere e 3mila euro di multa - a fronte di una richiesta di condanna di 10 anni - la pena inflitta a Carmine Delli Calici, 45 anni, sanseverese, a piede libero per questo processo, ma arrestato una settimana fa nel blitz «Ares»: anche per lui condanna per il tentativo di pizzo da 200mila euro aggravato dalla mafiosità; e assoluzione per le restanti due estorsioni.

L’unico assolto Assoluzione per Nicola Paradiso, 39 anni, di Torremaggiore, a piede libero per questo processo ed ai domiciliari per altra causa: era accusato di concorso con Moretti, La Piccirella, Delli Calici e Putignano nell’estorsione finalizzata proprio alla sua assunzione con le mansioni di escavatorista in un’azienda della parte offesa. II guha ha stabilito per lui e i coimputati che il fatto non sussiste; il pm aveva chiesto anche per Paradiso la condanna a 10 anni.

Risarcire vittima e fai I 4 imputati condannati per il ricatto da 200mila euro sono stati condannati dal gup anche a risarcire i danni all’imprenditore ed alla Fai (federazione antiracket italiana) costituitesi parte civile nel giudizio abbreviato: l’entità del risarcimento sarà quantificata - ha stabilito il giudice di primo grado - in una eventuale causa civile.

Uno a giudizio, uno prosciolto Dei 7 imputati dell’inchiesta, 5 hanno chiesto il rinvio a giudizio mentre per altri due la Dda chiedeva il rinvio a giudizio. Richiesta accolta dal gup per Giovanni Putignano, 41 anni di Torremaggiore, a piede libero per questa vicenda e ai domiciliari per altro, accusato di concorso nelle tre estorsioni oggetto dell’inchiesta: prima udienza del processo con rito ordinario il prossimo 3 dicembre davanti ai giudici del Tribunale di Foggia. Rigettata invece la richiesta del pm di rinvio a giudizio; e quindi proscioglimento per Marco Lombardi , 42 anni, foggiano ritenuto legato al clan Sinesi/Frencavilla, a piede libero: caduta nei suoi confronti l’accusa di concorso con Moretti, La Piccirella, Delli Calici e Putignano in tentata estorsione aggravata dalla mafiosità e tesa - diceva l’accusa - all’assunzione dello stesso Lombardi in un’azienda dell’imprenditore. A fronte delle richieste della Dda (2 rinvii a giudizio e 5 condanne per 56 anni complessivi) gli avvocati Luigi Marinelli, Ettore Censano, Francesco Santangelo, Rosario Marino, Giancarlo Chiariello sollecitavano assoluzioni e proscioglimenti, parlando di inattendibilità della vittima e di presunte incongruenze nel suo racconto; in subordine chiedevano l’esclusione dell’aggravante della mafiosità e condanne al minino della pena. L’avv. Marinelli si dichiara soddisfatto per l’assoluzione di Paradiso, si dice fiducioso che il processo in aula a Foggia a Putignano dimostrerà la sua estraneità al fatti, e annuncia appello contro la condanna di La Piccirella a 4 anni e 8 mesi di reclusione, pur a fronte delle assoluzione per due delle tre estorsioni contestate; come faranno appello i difensori degli altri tre condannati. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie