Mercoledì 24 Luglio 2019 | 01:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

 
La manifestazione
Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

 
Secondo episodio
Lancio di pietre contro braccianti da un'auto in corsa: 3 feriti nel Foggiano

Lancio di pietre contro braccianti da un'auto in corsa: 3 feriti nel Foggiano. Due piste al vaglio degli inquirenti

 
Nella zona del santuario
S.Giovanni Rotondo, parcheggiatore abusivo in cella per tentata estorsione

S.Giovanni Rotondo, parcheggiatore abusivo in cella per tentata estorsione

 
L'operazione
Reati contro la P.A.: nel Foggiano 3 arresti e 12 misure interdittive, imprenditori e amministratori pubblici

Brogli in gare pubbliche ad Apricena, arrestato anche sindaco leghista VD

 
Sanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
Nel Foggiano
Auto in fiamme sulla A14 dopo tamponamento: una 34enne estratta viva dalle lamiere

Auto in fiamme sulla A14 dopo tamponamento: una 34enne estratta viva dalle lamiere

 
In via La Piccirella
Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

Foggia, furto in casa di una professionista, ladri via con 40mila euro di gioielli e orologi

 
La decisione
S.Giovanni Rotondo: Tar boccia la «tassa» sugli autobus dei pellegrini

S.Giovanni Rotondo: Tar boccia la «tassa» sugli autobus dei pellegrini

 
Tra Mattinata e Vieste
Resort senza autorizzazioni: sequestro nel Foggiano

Resort senza autorizzazioni: sequestro nel Foggiano

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
"Bari, campionato complicatoI tifosi faranno la differenza"

«Bari, campionato complicato. I tifosi faranno la differenza»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Torre dell'Orso
Dieci persone intossicate in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

Dieci intossicati in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

 
GdM.TVL'evento in piazza
«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

 
FoggiaIl caso
Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

 
TarantoNel Tarantino
Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

 
BrindisiNel Brindisino
Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

 
PotenzaIn frazione Ciccolecchia
Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

 
MateraLa decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
BatL'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 

i più letti

La decisione del Comune

Da Orsara un riconoscimento all'ex brigatista Curcio: dopo polemica evento annullato

La cerimonia sabato prossimo, in memoria dello zio partigiano. Ma Lega e FdI sono contro. L'Anpi prende le distanze

Da Orsara di Puglia un riconoscimento all'ex brigatista Curcio: è polemica

FOGGIA - È stato annullato l’incontro con l’ex brigatista Renato Curcio, che si sarebbe dovuto tenere sabato 15 dicembre ad Orsara di Puglia, comune del Foggiano. Lo rende noto il sindaco del paese pugliese, Tommaso Lecce. Curcio, come reso noto dal sindaco avrebbe dovuto ricevere una pergamena che ricorda il sacrificio di Armando Curcio, giovane partigiano morto in guerra, zio di Renato. 

Armando Curcio, nato a Orsara, militò nelle fila della «Divisione Garibaldi» e morì a 21 anni. Morì sul Montoso, a Bagnolo Piemonte, lottando per la libertà. Di Orsara di Puglia è anche la mamma di Renato Curcio, Renata. 

Una decisione che ha innescato una serie di polemiche da parte del deputato della Lega Rossano Sasso e di Fratelli d'Italia: «Apprendo con sgomento che il Comune di Orsara di Puglia ha concesso il patrocinio ad un evento che vede come protagonista Renato Curcio. Reputo ciò vergognoso». «La storia della Repubblica italiana - sottolinea Sasso - vede in questo nome una delle pagine più buie e sanguinose degli ultimi 50 anni, decine di omicidi, rapine, attentati. Non entro nel merito delle ragioni per cui gli organizzatori del convegno abbiano inteso avvalersi di un conferenziere simile, ma contesto vivamente che una istituzione democratica quale il Comune ne conceda il patrocinio».

«Curcio è ideologo, fondatore, animatore di un gruppo di criminali - continua Sasso - che ha insanguinato la nostra democrazia, non è giusto riconoscere a tale iniziativa il sostegno di una amministrazione pubblica. Esprimo solidarietà alle centinaia e centinaia di famigliari delle vittime delle brigate rosse, che devono sopportare tale dolorosa umiliazione, e chiedo alle autorità preposte di revocare il patrocinio a tale evento. Chi si riconosce nei valori democratici e costituzionali non dimentica».

«Il Comune di Orsara di Puglia e l'Anpi premiano le brigate rosse, il governo intervenga». Lo afferma in una nota il deputato pugliese di Fratelli d’Italia Marcello Gemmato in riferimento alla notizia secondo cui sabato prossimo, 15 dicembre, Renato Curcio ex brigatista e fondatore della cooperativa editoriale e sociale «Sensibili alle foglie», sarà ad Orsara di Puglia (Foggia) per ricevere dal sindaco, Tommaso Lecce, una pergamena dell’Associazione Partigiani d’Italia, un riconoscimento «per ricordare il sacrificio di Armando Curcio, giovane partigiano morto in guerra, zio di Renato».
«È sconcertante ed esprimo profonda indignazione - afferma Gemmato - per la scelta del sindaco di Orsara di Puglia di premiare il fondatore delle Brigate Rosse, Renato Curcio, con una pergamena dell’Anpi, per le gesta di suo zio partigiano. In un’epoca in cui si assiste alla caccia alle streghe e si condanna il ritorno di fantasmi del passato e ricostituzione di partiti ormai morti, giunge addirittura dalle istituzioni l'elogio e il premio a chi si è macchiato di efferati delitti anche nei confronti delle istituzioni stesse. Chiedo che il governo faccia luce sulla vicenda e che impedisca l’esaltazione di personaggi del calibro di Curcio che nulla devono insegnarci, ancor più in sedi accademiche».

LA PRESA DI DISTANZA DELL'ANPI - «Siamo completamente estranei a questa manifestazione. Il sindaco di Orsara può consegnare un riconoscimento come istituzione ma non come Anpi perché non ha nessuna legittimità a farlo. Il comportamento del Comune è scorretto. Rendiamo onore a questo partigiano che ha combattuto ma non sappiamo nulla della manifestazione e non siamo stati nemmeno invitati». Lo afferma Michele Galante, Presidente di Foggia dell’Anpi a proposito della pergamena che il comune di Orsara di Puglia consegnerà sabato all’ex Br Renato Curcio in memoria dello zio Armando, partigiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie