Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 10:31

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Foggia, alla Sanitaservice 94 licenziamenti per decreto

Foggia, alla Sanitaservice 94 licenziamenti per decreto

 
Morti bianche
Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da pala meccanica

Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da una pala meccanica

 
La sicurezza in Capitanata
Foggia, le alluvioni una minaccia costante

Foggia, le alluvioni una minaccia costante

 
Nel Foggiano
Ruba latticini dal supermercato dove lavora: arrestato 41enne a San Severo

San Severo, ruba scamorze nel market in cui lavora: arrestato

 
Nel Foggiano
Fuoco in centro rifiuti a Monte S.Angelo, deposito distrutto

Fuoco in centro rifiuti a Monte S.Angelo, deposito distrutto

 
Nel Foggiano
Troia, centro di salute mentale: due ex ospiti diventano operatrici

Troia, centro di salute mentale: due ex ospiti diventano operatrici

 
Nel Foggiano
A casa di un'anziana confezionavano la droga: 4 arresti a San Severo

A casa di un'anziana confezionavano la droga: 4 arresti a San Severo

 
L'operazione dei cc
Foggia, dalla bomba alla pretesa di 50mila euro: arrestata «La tigre del Gargano»

Foggia, dalla bomba alla pretesa di 50mila euro: arrestata «La tigre del Gargano»

 
Inaugurata la struttura
Lucera, tornano visitabili dopo dieci anni i mosaici di San Giusto

Lucera, tornano visitabili dopo dieci anni i mosaici di San Giusto

 
Ambiente
Wwf denuncia: «Sventrata montagna Gargano per arrivare al mare»

Peschici, «sventrata» montagna per arrivare al mare: area sequestrata

 
Nel foggiano
In 8 mesi 4500 telefonate alla ex: divieto di avvicinamento a Manfredonia

In 8 mesi 4500 telefonate alla ex: divieto di avvicinamento a Manfredonia

 

La protesta

Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

L'imprenditore è convinto che le immagini circolate sui social lancino un cattivo messaggio all'opinione pubblica

Rapina Grandapulia, Sarni: «Le immagini non dovevano girare»

Rabbia e impotenza nelle parole di Antonio Sarni, l’imprenditore del GrandApulia che ha fatto i conti tre giorni fa con la brutalità della violenza e della sopraffazione di tre rapinatori: «Tutte quelle immagini della rapina rimbalzate sui social non mi sono piaciute affatto, hanno trasmesso un cattivo messaggio all’opinione pubblica», osserva dispiaciuto. Sarni se l’è ritrovate sul proprio smartphone «a pochi minuti dall’accaduto», sottolinea amareggiato. Vedere il proprio negozio svaligiato è stata probabilmente un’esperienza nuova anche per chi ha aperto attività commerciali in tutto il paese: «Di rapine così - osserva - ne abbiamo avute anche a Chieti, Sulmona. È però l’immediatezza di quelle immagini, il fatto che siano circolate così liberamente sui telefoni ad aver scatenato in me una rabbia indescrivibile». L’imprenditore non teme una recrudescenza del fenomeno, però avverte: «Quelle immagini svelano con quanta semplicità questi signori si siano introdotti nel centro commerciale per fare la loro razzìa.

È il messaggio che passa a preoccupare di più, il rischio è che osservando la dinamica di quanto per filo e per segno accaduto a qualcuno non venga in mente di emulare un gesto così. Immagini fin troppo eloquenti - aggiunge Sarni - quando era necessario preservarle solo per determinati scopi. Mi auguro che le forze dell’ordine arrivino presto all’individuazione dei responsabili, per noi il colpo è durissimo (150mila euro il bottino: ndr)». L’irruzione è stata fulminea, a un vigilantes all’ingresso sarebbe stata puntata una pistola alla tempia. L’intero furto è durato tre minuti, le immagini rivelano come i tre abbiano potuto muoversi piuttosto liberamente nella galleria tra i (fortunatamente pochi a quell’ora, 17.30) consumatori presenti, alcuni dei quali scappati appena hanno realizzato cosa stesse accadendo. «Sono sconcertato - lo sfogo di Sarni - capisco che siamo nell’era dei social network, ma credo che stiamo perdendo il senso della misura se anche le immagini di una rapina vengono passate da un telefonico all’altro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400