Martedì 11 Agosto 2020 | 17:56

NEWS DALLA SEZIONE

Le misure anticontagio
Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

 
RIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
Le immagini
Foggia, il video dell'assalto al portavalori tra sparatorie e auto in fiamme: A14 bloccata

Foggia, il video dell'assalto al portavalori tra sparatorie e auto in fiamme: A14 bloccata

 
Vip in Puglia
Bocelli alle Isole Tremiti: armato di fisarmonica per un concerto improvvisato

Bocelli alle Isole Tremiti: armato di fisarmonica per un concerto improvvisato

 
Nuovi contagi
Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzaone sono positivi al Coronavirus

Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzanone sono positivi al Coronavirus

 
ECONOMIA
Foggia, Imprese agricole in rosso ma si continua a investire

Foggia, Imprese agricole in rosso ma si continua a investire

 
a borgo mezzanone
Foggia, rapinano auto ad agricoltore e la incendiano

Foggia, rapinano auto ad agricoltore e la incendiano

 
tragedia
Biccari, perde controllo auto e si schianta contro muro: muore 55enne

Biccari, perde controllo auto e si schianta contro muro: muore 55enne

 
quest notte
Foggia, abbandonano auto rubata alla vista delle forze dell'ordine

Foggia, abbandonano auto rubata alla vista delle forze dell'ordine

 
Dopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLe misure anticontagio
Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

 
BariEmergenza al Policlinico
Coronavirus Bari, partoriente positiva i neo genitori: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

Coronavirus Bari, partoriente positiva i neo genitori: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

 
MateraIl caso
Matera, donna lancia una pietra contro un'auto: denunciata

Matera, donna lancia una pietra contro un'auto: denunciata

 
Leccel'emergenza
Coronavirus, sale a 7 il numero di salentini positivi dopo vacanza in Grecia

Coronavirus, sale a 7 il numero di salentini positivi dopo vacanza in Grecia

 
Batnella Bat
Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 

i più letti

La storia

Le restituiscono il portafogli: la lezione di civiltà delle nigeriane a Stornara

Le due ragazze hanno consegnato ai vigili urbani un portafogli ed un portadocumenti raccolto nelle vie del piccolo centro agricolo intatto, con tanto di documenti, carte di credito e denaro

Le restituiscono il portafogli: la lezione di civiltà delle nigeriane a Stornara

FOGGIA - Ordine e umanità possono convivere se si rinuncia al pregiudizio. Ed è il pregiudizio che ha portato una piccola e laboriosa comunità come quella di Stornara, collocata nel basso Tavoliere tra campi e lavoro da rompersi la schiena, a sorprendersi per il gesto di due ragazze nigeriane, catapultate non per caso lungo le strade della provincia di Foggia, che hanno consegnato ai vigili urbani di quel comune un portafogli ed un portadocumenti raccolto nelle vie del piccolo centro agricolo.
E sorpresa delle sorprese, quando la polizia municipale ha rintracciato la titolare di quella cartella, una farmacista del luogo, che aveva smarrito portafogli e portadocumenti, ecco la scoperta che ha tramutato un gesto di cortesia in qualcosa di più nobile: carta di credito, bancomat, documenti e soprattutto gli euro. Tutto intatto, nessuna sottrazione.
Di fronte a questa mossa delle nigeriane, due ragazze dell’età di venticinque anni secondo il ricordo dei vigili urbani, più che puntare il dito - come avviene spesso nel rapporto con gli extracomunitari - c’è da allargare le braccia, ma per mimare un pensiero positivo e sorprendersi, sorprendersi sì per la nostra scarsa fiducia nelle persone e quindi nel prossimo. 

Sbalorditi da un gesto di civiltà perché travolti da quel pregiudizio che tende a connettere impropriamente atteggiamenti da censurare con la presenza delle minoranze, in questo caso gli extracomunitari che ci invadono - e per fortuna - altrimenti i prodotti agricoli chi li va a raccogliere nelle campagne della Capitanata? Già, perché l’emotività - e le pulsioni - che accompagnano la gestione del fenomeno migratorio economico, dovrebbe indurre attori sociali e classe dirigente a dare l’esempio e a spiegare, senza inseguire i colpevoli da additare all’ira del popolo, che siamo nel pieno di una globalizzazione che riguarderà sempre di più le persone e persino in un piccolo centro come Stornara nell’area dei cosiddetti “reali siti” dove il 20% della popolazione residente è straniera.

Ora la farmacista, giustamente, vorrebbe rintracciare le due ragazze per un ringraziamento. Che potrebbe diventare anche una bella occasione per una riflessione di carattere generale sui rapporti con chi arriva alla disperata ricerca di un lavoro, nel migliore dei casi, o costretto dalla “tratta” a prostituirsi nelle strade di campagna. E assumere il ringraziamento come pretesto magari pe rmettere in gioco anche i propri interessi e le proprie responsabilità di fronte a certi comportamenti sociali, che vanno dallo sfruttamento nelle campagne di migliaia di lavoratori extracomunitari e neocomunitari, alle spallucce alzate di fronte alla schiavizzazione di tante donne, in alcuni casi giovanissime, costrette a pagare con lo sfruttamento del proprio corpo un “pizzo” per scontare i costi del trasferimento dall’Africa alla “civile” Italia, nel Tavoliere delle Puglie.

Ed allora la vicenda di Stornara, che suscita stupore e un sorriso benigno, va assunta come paradigmatica rispetto a quell’anarchia che caratterizza il rapporto con l’altro, magari minoritario e per giunta povero. Ovvero rivisitare i concetti di responsabilità, che non riguardano sempre gli altri. Anzi, dagli altri, dalle nigeriane di Stornara, a questo proposito è arrivata una bella lezione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie