Domenica 23 Settembre 2018 | 19:45

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Paradosso al cimitero

Foggia, ricorsi e burocrazia
fermano cappella da 40 anni

La grottesca vicenda tra pagamenti e contenziosi al Tar

Foggia, ricorsi e burocraziafermano cappella da 40 anni

cimitero foggia

«Attendere oltre quarant'anni l'assegnazione una cappella gentilizia nel cimitero di Foggia. E' l'esperienza kafkiana che mi è capitata e che sento il dovere di rendere pubblica.» Lo afferma l’avvocato Teodomiro Centola, suo malgrado al centro di questa vicenda. «Pur avendo affrontato tutto l'iter burocratico previsto dalla legge e pur avendo pagato, ormai da anni, l'ingente somma di 30.697 euro richiesta dal Comune per la concessione, mai avvenuta, di un suolo cimiteriale, non ho ancora un posto dove poter riposare dopo una vita di lavoro», dice Centola che aggiunge: «Nel 1978 inoltrai al sindaco di Foggia la richiesta di concessione di 20 metri quadri di suolo cimiteriale per edificare una cappella gentilizia. Nonostante i solleciti, solo tra il 2007 e il 2008, a 30 anni di distanza dalla prima istanza, fui invitato a confermare, cosa già fatta precedentemente, la richiesta e successivamente informato di occupare la posizione n.81 della graduatoria definitiva e invitato a versare, a titolo di acconto, 15 mila euro, somma superiore ai 5 mila euro previsti da una delibera comunale del 2008, e che comunque provvedevo a pagare. Solo nel 2012 mi informarono del prezzo di assegnazione del suolo cimiteriale: 1.529 euro al mq, prezzo sei volte maggiore di quello praticato ad altri richiedenti e poi assegnatari di suoli cimiteriali che avevano fatto richiesta come me nel 1978. Neanche allora però riuscii a chiudere la pratica. Nel 2012, infatti, mi informarono verbalmente dell'ampliamento ed adeguamento del cimitero comunale e dell'impossibilità di ottenere l'assegnazione del suolo cimiteriale nella zona del cosiddetto "cimitero preesistente" nonostante la mia domanda risalisse all'anno 1978 e vi fosse, e continui ad esserci tutt'ora, l'effettiva disponibilità di lotti di terreno.»

«Il rappresentante della Concessionaria del Comune fu però irremovibile e mi indusse ad accettare e sottoscrivere un contratto preliminare di assegnazione di un lotto diverso da quello da me richiesto, le cui condizioni, unilateralmente predisposte, non potevano essere modificate nel modo più assoluto. Firmai solo di fronte al rischio di perdere l'assegnazione attesa da circa 40 anni. Per questo, prima che decorressero otto giorni dalla data dell'incontro, contestai l'arbitraria assegnazione. Nel 2015 mi spinsero a versare altri 15.697, portando il prezzo complessivo a 30.697, somma di gran lunga superiore agli 8 milioni di lire pagata da altri privati che hanno avuto la fortuna di aver avuto l'assegnazione», dice ancora Centola che aggiunge: «Nello stesso anno, dopo tutto questo calvario, il segretario comunale si rifiutò di inserire nel contratto definitivo di assegnazione la clausola di salvaguardia dei diritti maturati con riserva delle azioni proposte e proponende per l'assenza del legale rappresentante della concessionaria, impegnandosi a fissare un nuovo incontro per la stipula. Il mancato rispetto dell'impegno mi spinse a promuovere azioni giudiziarie in sede penale e civile con esiti purtroppo molto deludenti, perché il Tribunale di Foggia il mese scorso ha incredibilmente sostenuto l'esistenza della giurisdizione esclusiva del Tar. Dovrò purtroppo affrontare un altro lungo calvario per vedere tutelato un sacrosanto diritto e per vedermi riconosciuto un posto dove poter riposare in pace dopo una vita di lavoro e di impegni.»

«Mi auguro che la pubblicazione di questa mia vicenda possa aiutare anche tante altre persone che, trovandosi nella stessa condizione, hanno diritto non solo ad una risposta concreta ed immediata ma anche, e soprattutto, a non dover più tollerare i soprusi, i ritardi ed il malgoverno delle autorità competenti», conclude Centola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Foggia, i braccianti africani: «Senza di noi i campi morirebbero»

Foggia, i braccianti africani:
«Senza di noi i campi morirebbero»

 
Vieste, cinque bombe in un locale: arrestato 25enne incensurato

Vieste, cinque bombe in un locale: arrestato 25enne incensurato

 
Manfredonia, spacciatore picchiae rapina donna lasciandola per strada

Manfredonia, spacciatore picchia e rapina donna lasciandola per strada

 
Manfredonia, ambulante abusivopicchia ragazzini: «Danno fastidio»

Manfredonia, ambulante abusivo picchia 14enni: «Danno fastidio»

 
Sfruttavano 15 connazionali, arrestati due presunti caporali bulgari

Sfruttavano 15 connazionali, arrestati due presunti caporali bulgari

 
San Nicandro Garganico, licenza sospesa per 30 giorni al «Circolo Escobar»

San Nicandro Garganico, licenza sospesa per 30 giorni al «Circolo Escobar»

 
Foggia, pomodoro etico al 100%: intesa tra Caritas e Princes

Foggia, pomodoro etico al 100%: intesa tra Caritas e Princes

 

GDM.TV

Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 

PHOTONEWS