Martedì 23 Ottobre 2018 | 13:41

NEWS DALLA SEZIONE

Tutela ambientale
Il ministro Costa «laurea» l'Ateneo di Foggia: è il primo «plastic free»

Il ministro Costa «laurea» l'Ateneo di Foggia: è il pri...

 
Il caso
Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della ...

 
A Foggia
Blogger e influencer raccontano il cibo: ecco la social dinner

Blogger e influencer raccontano il cibo: ecco la social...

 
Indaga la Polizia
Foggia, grave un ragazzo 18 anni«Pestato da buttafuori discoteca»

Foggia, grave un ragazzo 18 anni: «Pestato da buttafuor...

 
A Cerignola
Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

 
Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuo...

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari all'Asl dopo più di 10...

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà...

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
L'inchiesta
Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa per la pubblica incolumità»

Lucera, sequestrata sede giudice di pace: «È pericolosa...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

operazione cc

Arrestato latitante coinvolto nella faida del Gargano

Danilo Pietro Della Malva, 31enne di Mattinata, era ricercato dal 23 febbraio scorso

gargano il luogo dove è stato trovato il latitante

Il luogo dove è stato trovato il latitante

MATTINATA (FOGGIA) - Dopo oltre due mesi è terminata la latitanza del pluripregiudicato Danilo Pietro Della Malva, 31enne di Mattinata, ricercato dal 23 febbraio scorso.

Il malvivente riuscì a sottrarsi ad un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dalla magistratura foggiana nell’ambito delle indagini sulla cosca del Gargano capeggiata da Mario Luciano Romito, il boss ucciso nella strage del 9 agosto 2017 a San Marco in Lamis (Foggia) assieme al cognato e a due innocenti contadini colpevoli soltanto di aver assistito involontariamente all’uccisione del capocosca: per questo furono inseguiti e fucilati.

Della Malva è stato arrestato dai carabinieri in un casolare di Mattinata. Al pregiudicato è stato notificata l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per concorso in detenzione e porto di armi, ricettazione e tentata evasione, tutti reati commessi a Vieste. Nel corso dell’operazione i militari hanno arrestato in flagranza e posto ai domiciliari il 60enne Matteo La Pomarda, incensurato di Mattinata, con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, per essersi opposto all’operazione dei militari; favoreggiamento personale, per aver fornito vitto e alloggio al latitante; detenzione illegale di armi comuni da sparo, avendo la disponibilità di un fucile calibro 12. Un’altra persona, un 50enne incensurato, è stata denunciata per favoreggiamento personale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400