Sabato 24 Luglio 2021 | 15:50

NEWS DALLA SEZIONE

Liguria, Trentino e Friuli top in Ue per qualità della vita

Liguria, Trentino e Friuli top in Ue per qualità della vita

 
Ue, le calamità naturali costate 77 mld in 20 anni

Ue, le calamità naturali costate 77 mld in 20 anni

 
Da Ue piano d'azione a lungo termine per le aree rurali

Da Ue piano d'azione a lungo termine per le aree rurali

 
Corona Verde di Torino, esempio Ue contro consumo suolo

Corona Verde di Torino, esempio Ue contro consumo suolo

 
Italia terza in Ue per aumento rischio povertà

Italia terza in Ue per aumento rischio povertà

 
Regioni Ue, riprenda cooperazione transfrontaliera

Regioni Ue, riprenda cooperazione transfrontaliera

 
I fondi Ue motore della crescita intelligente delle Regioni italiane

I fondi Ue motore della crescita intelligente delle Regioni italiane

 
Regioni Ue chiedono meno burocrazia per avere fondi per il clima

Regioni Ue chiedono meno burocrazia per avere fondi per il clima

 
A scuola di valori grazie ai nuovi progetti Ue

A scuola di valori grazie ai nuovi progetti Ue

 
Iniziative locali nella gestione del Covid condizionate dai governi

Iniziative locali nella gestione del Covid condizionate dai governi

 
Eurocamera, ok a nuovo pacchetto Coesione da 243 mld

Eurocamera, ok a nuovo pacchetto Coesione da 243 mld

 

Il Biancorosso

serie c
Calcio: Bari, ritiro con allenamenti individuali

Calcio: Bari, ritiro con allenamenti individuali

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl bollettino regionale
Covid: in Basilicata 27 tamponi positivi su 800 esaminati

Covid: in Basilicata 27 tamponi positivi su 800 esaminati

 
Leccenel salento
Turismo, a Gallipoli caccia aperta agli abusivi

Turismo, a Gallipoli caccia aperta agli abusivi

 
Brindisiambiente
Brindisi, serbatoio Edison Gnl: No del Comune è danno per l’ambiente e la Puglia

Brindisi, serbatoio Edison Gnl: No del Comune è danno per l’ambiente e la Puglia

 
PotenzaGli ultimi dati
Basilicata, 27 tamponi positivi su 800 esaminati

Basilicata, 27 tamponi positivi su 800 esaminati

 
TarantoAmbiente
Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

Taranto, video-trappole in azione contro gli incivili

 
BariMonumenti e chiese
Conversano e Mesagne candidate come capitali italiane della Cultura

Conversano e Mesagne candidate come capitali italiane della Cultura

 
BatOra è in cella
Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

 

i più letti

Nuove norme Ue per gli aiuti di Stato alle Regioni, per l’Italia la copertura sale al 42%

Nuove norme Ue per gli aiuti di Stato alle Regioni, per l’Italia la copertura sale al 42%

Le disposizioni tengono per la prima volta conto del Green Deal e della digitalizzazione portando flessibilita? e semplificazione. Le italiane a beneficiarne passano da 5 a 7 con l’ingresso di Molise e Sardegna.

La Commissione europea ha messo a punto le nuove linee guida in materia di aiuti di Stato a finalita? regionale che indicano le condizioni in base alle quali gli Stati membri possono concedere aiuti alle imprese e sostenere cosi? lo sviluppo economico delle aree piu? svantaggiate. Le nuove disposizioni entreranno in vigore dal primo gennaio 2022 e lo resteranno fino al 2027. E per la prima volta terranno conto del Green deal europeo e la digitalizzazione.

Diverse le novita? introdotte. Innanzitutto, applicando le nuove linee guida la quota della popolazione Ue che potra? beneficiare degli aiuti sale dal 47 al 48%. Aumenta poi l’entita? degli aiuti che potranno essere erogati alle piccole e medie imprese, alle regioni ultraperiferiche, alle zone di confine, alle aree svantaggiate nella transizione energetica e a quelle che si stanno spopolando. In generale, viene semplificata la struttura degli aiuti.

Per l’Italia le regioni interessate al nuovo meccanismo passano da cinque a sette. Sardegna e Molise, a causa dell’andamento del Pil pro-capite dei loro abitanti, si vanno infatti ad aggiungere per i prossimi anni a Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Saranno cosi? quattro su dieci gli italiani che potranno beneficiare degli aiuti pubblici in base alle nuove norme Ue, con la copertura che sale dal 34 al 42%.

Il nostro Paese resta comunque sotto la media europea poiche? saranno sempre gli Stati membri piu? poveri quelli che potranno erogare piu? aiuti. A poter erogare maggiormente aiuti di Stato a finalita? regionale, sempre in termini di popolazione interessata, saranno dunque la Bulgaria, l’Estonia, la Lituania, la Lituania, la Croazia e l’Irlanda del Nord, dove la copertura si attesta al 100% dei rispettivi territori e quindi alla totalita? della popolazione.

All’estremo opposto si trovano la Danimarca e il Lussemburgo, dove soltanto il 7,5% delle persone potra? essere in qualche modo assistito dagli aiuti di Stato. Sempre in fondo alla lista, i Paesi Bassi (9%), Germania (18%) e Svezia (22%).

// var divElement = document.getElementById('viz1622738240429'); var vizElement = divElement.getElementsByTagName('object')[0]; if ( divElement.offsetWidth > 800 ) { vizElement.style.width='550px';vizElement.style.height='1027px';} else if ( divElement.offsetWidth > 500 ) { vizElement.style.width='550px';vizElement.style.height='1027px';} else { vizElement.style.width='100%';vizElement.style.height='727px';} var scriptElement = document.createElement('script'); scriptElement.src = 'https://public.tableau.com/javascripts/api/viz_v1.js'; vizElement.parentNode.insertBefore(scriptElement, vizElement); //

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie