Sabato 06 Marzo 2021 | 03:55

NEWS DALLA SEZIONE

La corsa per i playoff
Lecce, a Via Del Mare nulla di fatto contro l'Entella: finisce 0-0

Lecce, a Via Del Mare nulla di fatto contro l'Entella: finisce 0-0

 
Serie B
Parità (1-1) tra ra Pescara e Lecce nella 25esima giornata del campionato

Parità (1-1) tra Pescara e Lecce nella 25esima giornata del campionato

 
serie b
Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

 
Serie B
Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

 
Serie b
Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

 
giallorossi
Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

 
Serie b
Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

 
Serie B
Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

 
Il post-partita
Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

 
Serie B
Oggi (ore 21) al Via del Mare è di scena l'Ascoli: Corini spinge sull’acceleratore

Sconfitta per il Lecce contro l'Ascoli al Via del Mare: perde 2-1

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNuove proposte
Il foggiano Gaudiano trionfa a Sanremo Giovani

Sanremo 2021, il foggiano Gaudiano trionfa nella categoria giovani

 
BariMisure restrittive
Covid 19 a Bari, stop all'asporto dalle 18 nei fine settimana: l'ordinanza

Covid Bari, stop all'asporto nei fine settimana a partire dalle 18: l'ordinanza

 
PotenzaL'idea
Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

Basilicata, nozze in zona rossa: gli invitati ricevono il pranzo a casa

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
LecceLa curiosità
Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

Le si rompono le acque e partorisce di notte in treno: il bimbo nasce sull'Intercity Torino-Lecce

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

L'INTERVISTA

Lecce, sarà volata salvezza. Lucioni: «Ripartire da zero»

«La Serie A a porte chiuse sarà surreale. Il calcio è la passione dei tifosi»

Lecce, sarà volata salvezza. Lucioni: «Ripartire da zero»

LECCE - «Dopo il lunghissimo periodo di stop che abbiamo dovuto osservare, se si tornerà in campo sarà come ripartire da zero. Inoltre, ci saranno le incognite legate al fatto che, proprio la fase decisiva del torneo ci vedrà costretti ad un tour de force, per di più in un periodo caratterizzato dal caldo e da un elevato tasso di umidità. Ad essere determinante sarà in primo luogo il fattore mentale, ovvero la capacità di essere subito attenti, concentrati, determinati, reattivi. Poi conterà la condizione fisica del gruppo, in quanto saranno necessari, stanti gli impegni ravvicinati, degli avvicendamenti. Un altro aspetto-chiave sarà costituito dalla coesione dell’ambiente».

Parla dopo la terza settimana di allenamenti, il difensore centrale Fabio Lucioni, uno dei leader del Lecce, tra gli uomini simbolo della scalata dalla B alla A, uno dei più utilizzati in massima serie.

Ve la vedrete immediatamente con Milan e Juventus. Si tratta di un handicap o il ritorno in campo sarà una incognita più per rossoneri e bianconeri che per voi?

«Sono due compagine ricche di calciatori di altissimo livello. Pertanto, si tratterà di un avvio in salita. Al contempo, riprendere in cammino dopo tanto tempo riserverà delle insidie per chiunque e noi dovremo essere bravi a sfruttare ogni crepa che dovesse evidenziarsi nelle nostre rivali».

Decisivi saranno gli scontri diretti con le altre pericolanti?

«Dovremo affrontare la lunga e faticosa volata finale con l’idea che ogni partita potrebbe rivelarsi determinante, come se fossimo attesi da dodici finali. Conta mettere da parte i punti che mancano per raggiungere la quota-permanenza».

Si giocherà a porte chiuse.

«Mancherà la componente del tifo, della passione, che è quella che rende unico il calcio. È surreale giocare dinanzi a spalti deserti».

La lacuna del Lecce è stata costituita dai troppi gol incassati. Come contate di migliorare la fase di non possesso?

«Continuando a lavorarci su, analizzando gli errori commessi per cercare di non ripeterli, limando i difetti. Inoltre, serviranno tanta “fame” di risultati positivi, cattiveria agonistica e la percezione esatta del pericolo che si corre quando sono gli avversari ad attaccare. Se ciascuno di noi accrescerà la propria attenzione, concedendo meno spazio, tenendo sempre sotto controllo il proprio uomo, rammentando le caratteristiche di chi ha di fronte, allora sarà possibile limitare i danni. Il resto lo farà l’organizzazione tattica».

Quanto è stato complicato trovare con la società l’intesa sulla riduzione degli emolumenti?

«Quando c’è rispetto e fiducia reciproca come in casa del Lecce, tutto si può fare senza particolari problemi, venendosi incontro. Era giusto che anche noi calciatori rinunciassimo a qualcosa, in un periodo nel quale tutti i cittadini hanno dovuto farlo, subendo danni anche ingenti. Penso sia stato bello che i giocatori della prima squadra e la proprietà abbiamo voluto escludere dai tagli collaboratori, dipendenti e chi opera nel settore giovanile».

Una partitaro il cui esito proprio non è andato giù?

«Quello perso con la Lazio, all’Olimpico, per 4-2. Perché abbiamo giocato molto bene e perché avevamo ottenuto il 2-2 con Lapadula, ma il gol è stato annullato senza che ci sia stato consentito di ripetere il rigore dal quale era scaturito».

Cosa le resta dell’applauso riservatovi dai tifosi dopo la batosta per 7-2 subita al Via del Mare da’Atalanta?

«I brividi che ho avvertito quando il pubblico ci ha salutati così, dopo un risultato mortificante sul piano numerico. Nel primo tempo avevamo tenuto botta, rimontando dallo 0-2, e la nostra gente ha compreso che avevamo dato tutto, dal 1’ al 90’, anche se nella ripresa siamo crollati».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie