Venerdì 05 Marzo 2021 | 14:44

NEWS DALLA SEZIONE

La corsa per i playoff
Lecce, a Via Del Mare nulla di fatto contro l'Entella: finisce 0-0

Lecce, a Via Del Mare nulla di fatto contro l'Entella: finisce 0-0

 
Serie B
Parità (1-1) tra ra Pescara e Lecce nella 25esima giornata del campionato

Parità (1-1) tra Pescara e Lecce nella 25esima giornata del campionato

 
serie b
Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

 
Serie B
Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

 
Serie b
Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

 
giallorossi
Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

 
Serie b
Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

 
Serie B
Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

 
Il post-partita
Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

 
Serie B
Oggi (ore 21) al Via del Mare è di scena l'Ascoli: Corini spinge sull’acceleratore

Sconfitta per il Lecce contro l'Ascoli al Via del Mare: perde 2-1

 

Il Biancorosso

Serie C
Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barila sentenza
Bari, sparò per vendicare morte del figlio: boss Montani condannato a 12 anni

Bari, sparò per vendicare morte del figlio: boss Montani condannato a 12 anni

 
PotenzaL'emergenza
Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

 
LecceEconomia
Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

Le imprese «rosa» del Salento più forti della crisi Covid

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 10 ordinanze

 
TarantoOperazione Taros
Taranto, operazione «Taros» dei carabinieri contro la Scu: 16 arresti

Mafia, droga e voto di scambio: blitz dei Cc a Taranto, 16 arresti e 31 indagati
Leporano, soldi per le elezioni 2019 /Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

La polemica

Inter-Lecce, tifosi giallorossi contro Conte: «Quell'esultanza fuori luogo...»

Secondo i sostenitori della squadra di Liverani, l'allenatore dei nerazzurri rinnega le sue radici

Inter-Lecce, tifosi giallorossi contro Conte: «Quell'esultanza fuori luogo...»

Polemiche feroci su Antonio Conte, con i supporter giallorossi che lo attaccano a spada tratta sui social. Lunedì, in occasione dei primi due gol rifilati dalla sua Inter al Lecce, il tecnico nerazzurro ha esultato in maniera apparsa ai più esagerata, stante il fatto che di fronte aveva la squadra della sua città, che quella giallorossa è una formazione neopromossa e che l’incontro non aveva certo l’importanza di una finale di Champions League.

«Proprio - ricordano i sostenitori giallorossi - come accadde il 31 agosto 1997, sotto il settore da noi occupato al “Delle Alpi” di Torino, nel corso del match Juventus-Lecce, quando l’ allora centrocampista bianconero firmò il gol del definitivo 2-0 in favore della propria compagine».

«Questa storia oramai va avanti da 22 anni - afferma Antonio Ricciato, presidente di “Salento Giallorosso”, che era al “Meazza” lunedì - da Conte non mi sarei aspettato nulla di diverso perché non ha mai rispettato le proprie radici. L’esultanza dopo la rete segnata con la maglia della Juventus e dopo i gol realizzati dall’Inter sono solo due episodi di una lunga serie. E’ una storia che si ripete. Del resto, cosa pensiamo di lui lo abbiamo urlato nei cori scanditi nel corso della gara».

Al “Mezza”, con i “Ringo’s Boys”, era presente anche Oronzo Valletta, tifoso giallorosso di vecchia data: «Probabilmente Conte soffre per l’astio riservatogli dalla sua gente, che però è stato determinato da suoi atteggiamenti. Ora siamo dinanzi ad un circolo vizioso. Prima di Inter-Lecce dal terzo anello occupato dai supporter salentini si sono levati slogan contro di lui, che a sua volta ha esultato in maniera spropositata dopo le prime due reti della sua formazione. Con una battuta, potremmo dire che lui è il Dante Alighieri del Salento, è la conferma del detto “nessuno è profeta in patria”».

Sull’argomento, Pinuccio Milli, storico frequentatore della curva Nord, è un fiume in piena. «Di norma, si fa risalire l’avversione dei sostenitori del Lecce nei confronti di Conte all’esultanza esagerata alla quale si lasciò andare quando fece centro contro l’undici giallorosso con la Juventus, il che è vero - nota - Ma ci sono stati altri due episodi ben più gravi che risalgono al periodo nel quale ha allenato il Bari. In occasione di una delle prime interviste rilasciate in questa veste ebbe a dire, da leccese, che per lui il derby è quello di Torino. Inoltre, una volta centrata la promozione in A a Piacenza, fece addirittura vestire la sua figlioletta di biancorosso, festeggiando sotto il settore occupato dai tifosi baresi. A Milano, lunedì, è stata scritta solo un’altra puntata della serie. E’ uno dei migliori allenatori al mondo, ma certi atteggiamenti sono inaccettabili». Milli racconta un episodio relativo ai primi mesi vissuti da Conte alla Juventus: «Su sua richiesta, fummo io e un amico in comune a portare il giovane Antonio nella sede dei “Drughi”, gli ultras bianconeri, nel periodo in cui lui non era ancora tenuto in grande considerazione da Trapattoni, grazie all’amicizia che mi legava e mi lega a Pino Leo, di Latiano, che era uno dei capi del gruppo e che resta un tifoso storico della “Vecchia Signora”. Evidentemente, a differenza di oggi, all’epoca Conte rispettava le sue origini salentine...».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie