Lunedì 20 Gennaio 2020 | 15:09

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Lecce - Inter: il match finisce in pareggio al Via del Mare

Lecce - Inter: il match finisce in pareggio al Via del Mare

 
Calcio serie A
Lecce-Inter: Conte: «Tornare nella mia città è una grande emozione»

Lecce-Inter: Conte: «Tornare nella mia città è una grande emozione»

 
calciomercato
Lecce, Falco in bilico: emergenza senza fine

Lecce, Falco in bilico: emergenza senza fine

 
mercato
Lecce, le mani su Acquah: un guerriero per Liverani

Lecce, le mani su Acquah: un guerriero per Liverani

 
Serie A
Lecce calcio, Tabanelli passa a titolo definitivo al Frosinone

Lecce calcio, Tabanelli passa a titolo definitivo al Frosinone

 
Serie A
Lecce calcio, Sticchi Damiani: «Difendere la Serie A a tutti i costi»

Lecce calcio, Sticchi Damiani: «Difendere la Serie A a tutti i costi»

 
Serie A
Lecce

Parma batte il Lecce 2-0 e prosegue la corsa alla zona europea

 
serie a
Lecce, addio a La Mantia: attaccante ceduto all'Empoli

Lecce, addio a La Mantia: attaccante ceduto all'Empoli

 
il caso
Lecce, ex bomber Chevanton a processo per evasione di un milione di euro

Lecce, ex Chevanton a processo per evasione di 1mln di euro

 
Calcio
Lecce, arriva dal Cagliari il centrocampista Deiola

Lecce, arriva dal Cagliari il centrocampista Deiola

 
Calcio
Lecce, Babacar, Lapadula e Tabanelli a rischio contro il Parma

Lecce, Babacar, Lapadula e Tabanelli a rischio contro il Parma

 

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baririciclaggio
Ecco come la criminalità cinese «lava» il denaro sporco

Ecco come la criminalità cinese «lava» il denaro sporco nel Barese

 
MateraLa consegna
Matera, l'altorilievo raffigurante l’Eterno Padre torna in cattedrale

Matera, l'altorilievo raffigurante l’Eterno Padre torna in cattedrale

 
LecceGiustizia
Lecce, distretto Corte d'Appello: in arrivo 12 magistrati

Lecce, distretto Corte d'Appello: in arrivo 12 magistrati

 
TarantoLa denuncia
Taranto, ladro in azione in farmacia immortalato dalle telecamere

Taranto, ladro in azione in farmacia immortalato dalle telecamere

 
HomeLa decisione
Lite tra tifoserie, muore un 33enne: 25 persone in carcere

Lite tra tifoserie, muore un 33enne: 25 persone in carcere

 
HomeMaxi operazione
Foggia al «setaccio»: fermi e perquisizioni in città

Foggia al «setaccio»: tre persone fermate e perquisizioni in città

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

La polemica

Inter-Lecce, tifosi giallorossi contro Conte: «Quell'esultanza fuori luogo...»

Secondo i sostenitori della squadra di Liverani, l'allenatore dei nerazzurri rinnega le sue radici

Inter-Lecce, tifosi giallorossi contro Conte: «Quell'esultanza fuori luogo...»

Polemiche feroci su Antonio Conte, con i supporter giallorossi che lo attaccano a spada tratta sui social. Lunedì, in occasione dei primi due gol rifilati dalla sua Inter al Lecce, il tecnico nerazzurro ha esultato in maniera apparsa ai più esagerata, stante il fatto che di fronte aveva la squadra della sua città, che quella giallorossa è una formazione neopromossa e che l’incontro non aveva certo l’importanza di una finale di Champions League.

«Proprio - ricordano i sostenitori giallorossi - come accadde il 31 agosto 1997, sotto il settore da noi occupato al “Delle Alpi” di Torino, nel corso del match Juventus-Lecce, quando l’ allora centrocampista bianconero firmò il gol del definitivo 2-0 in favore della propria compagine».

«Questa storia oramai va avanti da 22 anni - afferma Antonio Ricciato, presidente di “Salento Giallorosso”, che era al “Meazza” lunedì - da Conte non mi sarei aspettato nulla di diverso perché non ha mai rispettato le proprie radici. L’esultanza dopo la rete segnata con la maglia della Juventus e dopo i gol realizzati dall’Inter sono solo due episodi di una lunga serie. E’ una storia che si ripete. Del resto, cosa pensiamo di lui lo abbiamo urlato nei cori scanditi nel corso della gara».

Al “Mezza”, con i “Ringo’s Boys”, era presente anche Oronzo Valletta, tifoso giallorosso di vecchia data: «Probabilmente Conte soffre per l’astio riservatogli dalla sua gente, che però è stato determinato da suoi atteggiamenti. Ora siamo dinanzi ad un circolo vizioso. Prima di Inter-Lecce dal terzo anello occupato dai supporter salentini si sono levati slogan contro di lui, che a sua volta ha esultato in maniera spropositata dopo le prime due reti della sua formazione. Con una battuta, potremmo dire che lui è il Dante Alighieri del Salento, è la conferma del detto “nessuno è profeta in patria”».

Sull’argomento, Pinuccio Milli, storico frequentatore della curva Nord, è un fiume in piena. «Di norma, si fa risalire l’avversione dei sostenitori del Lecce nei confronti di Conte all’esultanza esagerata alla quale si lasciò andare quando fece centro contro l’undici giallorosso con la Juventus, il che è vero - nota - Ma ci sono stati altri due episodi ben più gravi che risalgono al periodo nel quale ha allenato il Bari. In occasione di una delle prime interviste rilasciate in questa veste ebbe a dire, da leccese, che per lui il derby è quello di Torino. Inoltre, una volta centrata la promozione in A a Piacenza, fece addirittura vestire la sua figlioletta di biancorosso, festeggiando sotto il settore occupato dai tifosi baresi. A Milano, lunedì, è stata scritta solo un’altra puntata della serie. E’ uno dei migliori allenatori al mondo, ma certi atteggiamenti sono inaccettabili». Milli racconta un episodio relativo ai primi mesi vissuti da Conte alla Juventus: «Su sua richiesta, fummo io e un amico in comune a portare il giovane Antonio nella sede dei “Drughi”, gli ultras bianconeri, nel periodo in cui lui non era ancora tenuto in grande considerazione da Trapattoni, grazie all’amicizia che mi legava e mi lega a Pino Leo, di Latiano, che era uno dei capi del gruppo e che resta un tifoso storico della “Vecchia Signora”. Evidentemente, a differenza di oggi, all’epoca Conte rispettava le sue origini salentine...».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie