Mercoledì 05 Agosto 2020 | 06:46

NEWS DALLA SEZIONE

CALCIO
Lecce guarda subito avanti

Lecce guarda subito avanti: Corvino direttore sportivo

 
calcio
La promessa solenne di Sticchi Damiani:«Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

Lecce, la promessa di Sticchi Damiani: «Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

 
SERIE A
Parma - Lecce

Nulla di fatto per il Lecce: 3-4 in casa col Parma e scende in B

 
Calcio
Lecce, notte batticuore. Ecco la partita della vita

Lecce, notte al cardiopalma: tutto pronto per la partita della vita

 
SERIE A
L'urlo di Sticchi Damiani: «Orgoglioso del Lecce»

L'urlo di Sticchi Damiani: «Orgoglioso del Lecce»

 
SERIE A
Il Lecce si aggrappa a nuovi eroi

Il Lecce si aggrappa a nuovi eroi, da Mancosu a Lapadula

 
L'invito
Comune Lecce espone bandiera giallorossa: «Fatelo tutti»

Comune Lecce e Arcivescovo Seccia espongono bandiera giallorossa: «Fatelo tutti»

 
Serie A
Udinese - Lecce finisce 2 a 1 per i giallorossi: la speranza di restare in A resta

Udinese - Lecce finisce 2 a 1 per i giallorossi: c'è speranza di restare in A

 
SERIE A
Il Lecce aggrappato alla matematica: vincere a Udine potrebbe non bastare

Il Lecce aggrappato alla matematica: vincere a Udine potrebbe non bastare

 
lecce
Liverani: «Domani a Udine daremo il massimo per non avere rimpianti»

Liverani: «Domani a Udine daremo il massimo per non avere rimpianti»

 
CALCIO
Lecce tra speranza e rammarico, il Var resta un argomento spinoso

Lecce tra speranza e rammarico, il Var resta un argomento spinoso

 

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare i piromani»

Roghi nelle campagne di Mola, Colonna: «Droni per scovare gli incendiari»

 
PotenzaIn Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
TarantoLa richiesta
Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi»

Arcelor Mittal, i sindacati: «Magazzini chiusi, difficile reperire Dpi». Aziende lamentano ritardi nei pagamenti

 
MateraLa novità
Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

Rete 5G: a Matera nascerà la Casa delle Tecnologie

 
LecceIL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
Batl'operazione
Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

La polemica

Inter-Lecce, tifosi giallorossi contro Conte: «Quell'esultanza fuori luogo...»

Secondo i sostenitori della squadra di Liverani, l'allenatore dei nerazzurri rinnega le sue radici

Inter-Lecce, tifosi giallorossi contro Conte: «Quell'esultanza fuori luogo...»

Polemiche feroci su Antonio Conte, con i supporter giallorossi che lo attaccano a spada tratta sui social. Lunedì, in occasione dei primi due gol rifilati dalla sua Inter al Lecce, il tecnico nerazzurro ha esultato in maniera apparsa ai più esagerata, stante il fatto che di fronte aveva la squadra della sua città, che quella giallorossa è una formazione neopromossa e che l’incontro non aveva certo l’importanza di una finale di Champions League.

«Proprio - ricordano i sostenitori giallorossi - come accadde il 31 agosto 1997, sotto il settore da noi occupato al “Delle Alpi” di Torino, nel corso del match Juventus-Lecce, quando l’ allora centrocampista bianconero firmò il gol del definitivo 2-0 in favore della propria compagine».

«Questa storia oramai va avanti da 22 anni - afferma Antonio Ricciato, presidente di “Salento Giallorosso”, che era al “Meazza” lunedì - da Conte non mi sarei aspettato nulla di diverso perché non ha mai rispettato le proprie radici. L’esultanza dopo la rete segnata con la maglia della Juventus e dopo i gol realizzati dall’Inter sono solo due episodi di una lunga serie. E’ una storia che si ripete. Del resto, cosa pensiamo di lui lo abbiamo urlato nei cori scanditi nel corso della gara».

Al “Mezza”, con i “Ringo’s Boys”, era presente anche Oronzo Valletta, tifoso giallorosso di vecchia data: «Probabilmente Conte soffre per l’astio riservatogli dalla sua gente, che però è stato determinato da suoi atteggiamenti. Ora siamo dinanzi ad un circolo vizioso. Prima di Inter-Lecce dal terzo anello occupato dai supporter salentini si sono levati slogan contro di lui, che a sua volta ha esultato in maniera spropositata dopo le prime due reti della sua formazione. Con una battuta, potremmo dire che lui è il Dante Alighieri del Salento, è la conferma del detto “nessuno è profeta in patria”».

Sull’argomento, Pinuccio Milli, storico frequentatore della curva Nord, è un fiume in piena. «Di norma, si fa risalire l’avversione dei sostenitori del Lecce nei confronti di Conte all’esultanza esagerata alla quale si lasciò andare quando fece centro contro l’undici giallorosso con la Juventus, il che è vero - nota - Ma ci sono stati altri due episodi ben più gravi che risalgono al periodo nel quale ha allenato il Bari. In occasione di una delle prime interviste rilasciate in questa veste ebbe a dire, da leccese, che per lui il derby è quello di Torino. Inoltre, una volta centrata la promozione in A a Piacenza, fece addirittura vestire la sua figlioletta di biancorosso, festeggiando sotto il settore occupato dai tifosi baresi. A Milano, lunedì, è stata scritta solo un’altra puntata della serie. E’ uno dei migliori allenatori al mondo, ma certi atteggiamenti sono inaccettabili». Milli racconta un episodio relativo ai primi mesi vissuti da Conte alla Juventus: «Su sua richiesta, fummo io e un amico in comune a portare il giovane Antonio nella sede dei “Drughi”, gli ultras bianconeri, nel periodo in cui lui non era ancora tenuto in grande considerazione da Trapattoni, grazie all’amicizia che mi legava e mi lega a Pino Leo, di Latiano, che era uno dei capi del gruppo e che resta un tifoso storico della “Vecchia Signora”. Evidentemente, a differenza di oggi, all’epoca Conte rispettava le sue origini salentine...».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie