Martedì 21 Maggio 2019 | 00:24

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Foggia, contro i play out negati società farà ricorso al Tar

Foggia, contro i play out negati società farà ricorso al Tar

 
Retrocessione in C
Il Foggia calcio resta in trance: i tifosi vogliono giustizia

Il Foggia calcio resta in trance: i tifosi vogliono giustizia

 
Il punto
Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

Foggia retrocesso 2 volte: un golpe antisportivo da «repubblica delle banane»

 
La sentenza
Serie B: Palermo retrocede in Lega Pro, Foggia ripescato per i play-out

Serie B: Palermo retrocede in Lega Pro ma per il Foggia niente play-out

 
Serie B
Il Foggia di Grassadonia retrocede in C, non basta il gol di Iemmello

Il Foggia di Grassadonia retrocede in C, non basta il gol di Iemmello

 
Serie B
Rigore decisivo, Foggia batte Perugia 1-0

Rigore decisivo, Foggia batte Perugia 1-0

 
Ha vinto 3-1
Foggia batte la Salernitana, prosegue la corsa ai play out

Foggia batte la Salernitana, prosegue la corsa ai play out

 
Serie B
Il Foggia perde al 91esimo: trasferta amara a Cremona

Il Foggia perde al 91esimo: trasferta amara a Cremona

 
Serie B
Calcio, allo Zaccheria il Foggia pareggia con il Livorno: 2-2

Calcio, allo Zaccheria il Foggia pareggia con il Livorno: 2-2

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
BariL'evento
Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

 
BrindisiL'appello di Adelina
Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
BatSanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 
LecceIl sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
MateraAi domiciliari
Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

 

i più letti

La crisi

Foggia, Iemmello: «A Livorno gara da ultima spiaggia»

Il bomber strozza la felicità del gol ritrovato e difende il tecnico Grassadonia

Foggia, Iemmello: «A Livorno gara da ultima spiaggia»

Foto Maizzi

Nella notte amara del posticipo casalingo contro il Venezia, il ritorno al gol di Pietro Iemmello è stata una delle note liete da cui il Foggia deve ripartire e a cui può aggrapparsi per uscire dal tunnel dei pareggi in serie. Nella prima gara da titolare allo «Zaccheria», in B e in rossonero, l’attaccante catanzarese si è sbloccato procurandosi un rigore nel primo tempo e trasformandolo: un tiro imparabile, di interno destro all’incrocio dei pali. Anche il suo ultimo gol con il Foggia in Lega Pro, due anni fa, era arrivato dagli undici metri: nella finale di ritorno casalinga con il Pisa valida per la promozione in B, una partita pure quella terminata con un triste 1-1, che impedì ai «Satanelli» di accedere al torneo cadetto.
«E’ stata una gioia purtroppo effimera – racconta il bomber rossonero – perché è durata poco e non ci è servita a granché, in quanto non siamo riusciti a battere il Venezia. Una rete, comunque, che dedico alla mia famiglia, alla mia compagna Giulia e a mia figlia Violante, che mi sono state vicino nei mesi dell’infortunio. Contava vincere e non ci siamo riusciti, la felicità di aver ritrovato il gol è passata in secondo piano».


Il centravanti ex Benevento e Sassuolo ha poi sfiorato il raddoppio colpendo il palo in chiusura della prima frazione ed è andato vicino al gol anche nella ripresa, svariando su tutto il fronte d’attacco, senza risparmiarsi. «Sfortuna e legni non devono essere un alibi – afferma -. Ci sono momenti della gara in cui dobbiamo stare più concentrati, uniti, compatti, muoverci di più da squadra. Abbiamo disputato un’ottima prima frazione a mio modo di vedere. Nella ripresa, invece, c’è stato un calo evidente che ritengo di natura fisica. Non è la prima volta che ci accade in questo campionato. Dobbiamo rimboccarci le maniche, ripartire dalla prestazione del primo tempo e dare di più nella ripresa, capire le ragioni dei problemi che stiamo avendo e migliorare subito, perché non c’è più tempo da perdere».


Spiazzando Vicario dal dischetto, Iemmello ha realizzato il suo 54esimo gol in gare ufficiali con la maglia del Foggia: è nella top five dei goleador rossoneri di tutti i tempi. Reti segnate in Lega Pro (45), nella Coppa Italia di Serie C (8) e in B (1). La fine di un incubo, lunedì scorso, per la 26enne punta calabrese, dopo i 5 mesi di lontananza dai campi per l’intervento al ginocchio sinistro e gli oltre 7 mesi di digiuno dal gol. L’ultimo centro lo aveva siglato infatti ad aprile scorso in A, col Benevento, contro il Milan a San Siro. Al Foggia, che non vince da due mesi, serviranno anche i gol del suo numero 9 per sterzare, in un clima che non è dei migliori a causa della contestazione dei tifosi. «L’allenatore non c’entra, in campo andiamo noi e non dobbiamo trovare alibi – conclude Iemmello -. Fischi, cori e striscioni ci stanno: siamo penultimi. Foggia è una città esigente, a cui non piace, come è comprensibile, vedersi così giù in classifica. Domenica prossima, a Livorno, sarà per noi una gara da ultima spiaggia: bisognerà vincere a tutti i costi, altrimenti la situazione diventerà davvero complicata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400