Martedì 20 Agosto 2019 | 03:15

NEWS DALLA SEZIONE

Atti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 
L’operazione della Gdf
Fasano, sequestrati libri per oltre 1 mln di euro: messi in vendita da casa editrice fallita

Fasano, sequestrati libri per 1,3 mln: messi in vendita da casa editrice Schena fallita

 
Il caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
L'evento
S. Michele Salentino, il paese si racconta con le video proiezioni

S. Michele Salentino, il paese si racconta con le video proiezioni

 
Nel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
Nel Brindisino
Lineamediterranea: a Fasano si parte con il sacrificio virtuale di solidarietà all'Ulivo Monumentale della Puglia

Lineamediterranea: a Fasano si parte con il sacrificio virtuale di solidarietà all'Ulivo Monumentale della Puglia

 
decenni di violenze
Ostuni, maltratta la compagna per 20 anni: allontanato da casa

Ostuni, maltratta la compagna per 20 anni: allontanato da casa

 
L’operazione
Porto Brindisi, GdF sequestra 40mila scarpe Converse contraffatte

Porto Brindisi, GdF sequestra 40mila scarpe Converse contraffatte

 
L'episodio
Brindisi, distrugge un'auto parcheggiata a martellate: arrestata 37enne

Brindisi, distrugge un'auto parcheggiata a martellate: arrestata 37enne

 
Nel Brindisino
Mesagne: raid contro auto maresciallo dei cc, data alle fiamme sotto casa

Mesagne: raid contro auto maresciallo dei cc, data alle fiamme sotto casa

 
Storia a lieto fine
Brindisi, i medici del «Perrino» salvano le ferie di una turista francese

Brindisi, i medici del «Perrino» salvano le ferie di una turista francese

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa protesta
Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

Poste Taranto, Cgil: un mese di sciopero servizi aggiuntivi

 
LecceMalendugno
Torre dell'Orso, si tuffa dalla falesia e finisce sugli scogli: grave 16enne

Torre dell'Orso, si tuffa e batte la testa sugli scogli: grave 16enne

 
MateraDopo il rogo
Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

Bernalda, 14 braccianti in nero dormivano nella «Felandina»

 
PotenzaIl caso
Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

Riforma poli museali, la Basilicata è contraria a «sposare» la Puglia

 
BariIl restyling
Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

Bari, telecamere e luci led per la pineta di San Francesco: ottobre i lavori

 
BatIl caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza ammorba la città, cittadini si chiudono in casa. Sindaco: sono criminali

 
FoggiaGiovani e la musica
La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

La leggenda del pianista di Apricena: dalla Puglia a Morricone e alla Tv

 
BrindisiAtti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 

i più letti

contributo REGIONALE

Latiano, pronti 400mila euro
per la casa del Beato Bartolo Longo

casa di bartolo longo

LATIANO - L'appello dell'Associazione culturale "L'Isola che non c'è", è stato raccolto: la giunta regionale pugliese ha approvato ieri il contributo di 400 mila euro a favore del Comune di Latiano che così potrà nelle prossime ore esercitare il “Diritto di prelazione” sulla casa natale del Beato Bartolo Longo. L’atto finale di questa lunga battaglia dell’Associazione si esaurirà nelle prossime ore con i vari adempimenti amministrativi e la semplice approvazione del Consiglio comunale convocato per mercoledì 17 gennaio.

Si chiude così la più difficile delle procedure amministrative iniziate con la approvazione dell’articolo 29 della legge di Bilancio di previsione “per l’acquisizione di beni culturali”, quale appunto la casa Natale del Beato Bartolo Longo a Latiano, alla cui causa hanno aderito negli ultimi mesi - dopo l’appello della nostra Associazione rivolto al Ministro Franceschini e al governatore della Puglia Michele Emiliano, (“SALVIAMO LA CASA NATALE DI BARTOLO LONGO”) - il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo e infine l’assessore regionale al Bilancio Raffaele Piemontese. Il cui fondamentale contributo di quest’ultimo ha portato prima alla redazione di un apposito articolo nella legge di Bilancio (approvato lo scorso 23 dicembre dal Consiglio regionale) e nei giorni successivi alla accelerazione delle varie procedure amministrative per consentire al Comune di Latiano di poter esercitare il “Diritto di Prelazione” entro i 60 giorni dalla data di vendita del bene (avvenuto con un formale atto notarile il 20 novembre scorso): cioè entro il prossimo 19 gennaio.

«Una corsa contro il tempo che l' Associazione - spiega Marisa Caroli componente de “L'Isola che non c'è” - ha seguito passo passo durante i vari passaggi e che venerdì si sono conclusi con la approvazione da parte della Giunta regionale della delibera con il contributo pari alla intera somma per l’acquisizione».

«Nelle prossime ore toccherà adesso al nostro Comune adoperarsi per concludere gli atti amministrativi finali (e più semplici): recepire la somma; notificare l’atto con il quale si manifesta la volontà alle parti interessate: acquirente e alienanti. Infine approvare in Consiglio l’acquisizione al patrimonio comunale di quel bene».

«Un atto formale - si legge nella nota - quasi come scartare un regalo da parte dei Cittadini latianesi e (permettetecelo), della Associazione - che da anni conduce solitaria questa difficile battaglia, sul cui risultato nessuno fino a ieri ci credeva».

«Un atto semplice - conclude la nota - quasi come scartare un regalo da parte dei Cittadini latianesi e della Associazione che da anni conduce solitaria questa difficile battaglia, sul cui risultato nessuno fino a ieri ci credeva. Tranne pochissimi che ci sono stati sempre vicini e che ringrazieremo una volta conclusa questa operazione con una manifestazione pubblica alla quale inviteremo tutti i protagonisti di questa avventura (iniziata nel 2014 con la costituzione di un Comitato cittadino per la tutela del bene da parte della Soprintendenza che si era dimenticata di vincolarlo): da Al Bano Carrisi (a cui chiederemo venga assegnata la cittadinanza onoraria di Latiano), all’ex presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna, all’assessore regionale Piemontese, al presidente della Commissione bilancio della regione Fabiano Amati, al sindaco di Pompei, al sindaco di San Vito dei Normanni, al presidente di Federalberghi-Brindisi, Pierangelo Argentieri. Oltre che naturalmente i cittadini latianesi (e i fedeli devoti del Beato sparsi nel mondo) a cui finalmente verrà restituito questo importante simbolo della nostra Storia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie