Giovedì 27 Febbraio 2020 | 10:56

NEWS DALLA SEZIONE

La curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
Il caso
Amuchina «esentasse» e venduta a peso d’oro: multato commerciante a S. Vito dei Normanni

Amuchina «esentasse» e venduta a peso d’oro: multato commerciante a S. Vito dei Normanni

 
L'indagine
Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

 
La novità
Brindisi, il Comune apre una sezione info Coronavirus sul sito

Brindisi, il Comune apre una sezione info Coronavirus sul sito

 
La curiosità
Il sosia di Papa Francesco crea scompiglio al Carnevale di Ostuni

Il sosia di Papa Francesco crea scompiglio al Carnevale di Ostuni

 
Psicosi da coronavirus
Allarme a Brindisi: donna muore ma il test del tampone è negativo

Allarme a Brindisi: donna muore ma il test del tampone è negativo

 
La riserva
Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare:

Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare

 
Il paradosso
Coronavirus, operatori dell'Aeroporto di Brindisi senza guanti e mascherine

Coronavirus, operatori dell'Aeroporto di Brindisi senza guanti e mascherine

 
l'isolamento
S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

Coronavirus, S.Pancrazio Salentino, famiglia tornata dalla Cina: «Ecco la nostra quarantena»

 
Il caso
«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

«Rifiuti pericolosi sul traghetto partito da Brindisi», la denuncia di un giornalista

 
di s.v. dei normanni
In casa e in auto 5kg di droga tra marijuana e hashish: un arresto nel Brindisino

In casa e in auto 5kg di droga tra marijuana e hashish: un arresto nel Brindisino

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccelibri
«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

«Il gioco di Lollo», la giornalista Federica Angeli a Martano racconta la sua lotta contro la mafia

 
Baricolti in flagrante
Bari, rubano da distributori in scuola Santomauro: 2 arresti

Bari, rubano da distributori in scuola Santomauro: 2 arresti

 
Tarantol'allarme
Coronavirus a Taranto, Fim: «Sanificare ambienti ArcelorMittal»

Coronavirus a Taranto, Fim: «Sanificare ambienti ArcelorMittal»

 
Batevitare contagi
Coronavirus, nella Bat accessi regolamentati in ospedali; sospese attività studio al «Dimiccoli» di Barletta

Coronavirus, nella Bat accessi regolamentati in ospedali; sospese attività studio al «Dimiccoli» di Barletta

 
PotenzaMaltempo
Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

Nel Brindisino

Falchi, gufi, gabbiani e volpi: liberati 60 esemplari a Torre Guaceto

Sono stati rilasciati nell'Area protetta dopo essere stati curati

Falchi, gufi, gabbiani e volpi: liberati 60 esemplari a Torre Guaceto

Nel giro di un paio d’ore, 60 animali sono stati liberati nella Riserva naturale di Torre Guaceto, nel Brindisino. C'erano anche 20 falchi grillai, 1 occhione (raro esemplare di uccello notturno), 3 assioli, 2 gufi comuni, 8 gabbiani reali, 4 volpoche, 1 nitticora, 2 ricci e 2 volpi. Tutti esemplari che hanno rischiato la vita e sono stati curati all’Osservatorio faunistico regionale di Bitetto (Bari) diretto da Mariella Sinisi, con i veterinari dell’Università di Bari coordinati da Antonio Camarda: l’assistenza «spesso si protrae per mesi», ha spiegato Camarda, e liberarli è stata «un’emozione grandissima».

E’ stato il Centro di Bitetto a scegliere Torre Guaceto per la liberazione collettiva, perché l’area protetta ha le caratteristiche adeguate per tutti questi esemplari, con un ecosistema che si contraddistingue per gli habitat diversificati come zona umida con la palude, macchia mediterranea, zona marina e «spiagge particolarmente tranquille grazie al divieto di balneazione».

Inoltre, il numero di accessi è contingentato e, tra l’altro, il Consorzio monitora l’area protetta e le forze dell’Ordine si occupano dei controlli, riducendo così al minimo l'impatto antropico e i fattori di disturbo della fauna selvatica. La liberazione dei 60 esemplari è stata così un "esempio di collaborazione tra Amministrazioni», realizzata da Consorzio, Regione Puglia e Università di Bari. A Torre Guaceto, gli esemplari sono stati inanellati dagli esperti di Ispra, Torre Guaceto e Centro di Bitetto, per poter proseguire il monitoraggio faunistico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie