Domenica 18 Novembre 2018 | 17:15

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta allo spaccio
Brindisi, nasconde la droga nella stanza giochi del figlio: arrestato

Brindisi, nasconde la droga nella stanza giochi dei figli: arrestato

 
Commercio in crisi
Brindisi, in città chiudono negozi al ritmo di dieci al mese

Brindisi, in città chiudono negozi al ritmo di dieci al mese

 
Controllo automatico
Mai passare col rosso: controllo attivo a Ceglie Messapica

Mai passare col rosso: controllo attivo a Ceglie Messapica

 
Operazione dei cc
Dall'Albania con 250kg di marijuana nel gommone, 6 arresti a Brindisi

Nei tubolari del gommone 250kg di droga dall'Albania, 6 arresti a Brindisi VD

 
A Carovigno
Brindisi, distributore ambulante di carburante illegale: scatta sequestro e denuncia

Brindisi, distributore ambulante di carburante: sequestro e denuncia

 
Il folle gesto
Brindisi, il rush finaledei 5 candidati sindaco

Brindisi, disoccupato minaccia di darsi fuoco davanti al Comune

 
A Cisternino
Brindisi, spacciava a 15 anni: preso vicino alla scuola

Brindisi, spacciava a 15 anni: preso vicino alla scuola

 
Premiato a Vienna
Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

Il miglior apprendista in Europa è un brindisino: lavora nell'Enel di Cerano

 
Abusi e violenze
Francavilla, nigeriano tormenta per anni una connazionale: arrestato

Francavilla Fontana, nigeriano tormenta per anni la sua ex: arrestato

 
Si chiamava Jaco
S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

S.Pietro Vernotico, morto il cane bruciato vivo perché abbaiava troppo

 
a Tuturano
Lite tra ex amiche: auto sfasciata a calci e minacce di morte

Lite tra ex amiche: auto sfasciata a calci e minacce di morte

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Vacanze

Valle d'Itria, turismo in aumento: parlano le cifre

Protocollo d'intesa fra i sei comuni. La sfida ora è fare quei numeri tutto l'anno

Valle d'Itria, turismo in aumento: parlano le cifre

La Puglia conferma anche nel 2018 la sua attrattività turistica e si riposiziona positivamente sui mercati esteri. Lo dicono i dati parziali resi noti da Pugliapromozione che analizzano i primi sette mesi dell’anno.
A livello provinciale è già possibile tracciare un primo bilancio dell’andamento 2018: Foggia cresce del +4,5% per gli arrivi e del +2% per le presenze, Bat +4% e +8%, Bari +4% e +6%, Brindisi -1% e +2%, Lecce +0,5% e -1,5% e infine Taranto con +3% gli arrivi e +6% le presenze. L’andamento comunale provvisorio conferma l’affermarsi di destinazioni turistiche alternative, anche dell’hinterland e caratterizzate da un mix di offerta balneare e culturale, quali Carovigno, San Giovanni Rotondo, Monopoli, Vieste, Polignano a Mare, Otranto, Conversano e la stessa Martina Franca.
La Valle d’Itria è ormai una destinazione turistica riconosciuta e apprezzata e gli arrivi e le presenze sono sempre in aumento. Nel 2017 Alberobello ha registrato oltre 116.000 arrivi, mentre Ostuni ben 400.000 presenze. Alberobello è regina per gli arrivi in Puglia. Ma come fare per intercettare i quasi 2 milioni di visitatori che lo scorso anno sono passati da Alberobello? È questa la vera sfida che i Comuni della Valle d’Itria devono cogliere. Uno strapotere turistico, quello della città dei trulli, forte del riconoscimento quale sito patrimonio dell’Unesco, ma anche da politiche attente di sviluppo che hanno consentito la distribuzione del flusso turistico su 10 mesi l’anno, in contraddizione con chi sostiene che il turismo in Puglia si possa fare solo sulle zone costiere. «La nuova sfida – ha ripetuto più volte il sindaco di Alberobello, Michele Longo – è quello di distribuire il flusso turistico anche nei due mesi all’anno che ci mancano e lavorare così su tutto l’anno».
La recente sottoscrizione del protocollo d’intesa per la promozione condivisa della Valle d’Itria tra i sei Comuni di Alberobello, Ceglie Messapica, Cisternino, Locorotondo, Ostuni e Martina Franca potrebbe certamente essere uno strumento utile, ma è necessario uno sforzo condiviso che dopo il solito entusiasmo di partenza sembra essersi assopito. In Puglia crescono gli arrivi e le presenze internazionali del +10% trainando il risultato provvisorio complessivo stimato nel +1,5% degli arrivi e nel +2% delle presenze. Il tasso d’internazionalizzazione ha raggiunto il 25,8%, ovvero ben 2,3 punti percentuali in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Risentono invece degli effetti del caro-carburante e di una contrazione del potere d’acquisto i turisti provenienti dall’Italia che registrano una riduzione del -2% degli arrivi e del -0,8% delle presenze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400