Martedì 23 Ottobre 2018 | 17:38

NEWS DALLA SEZIONE

Diritto negato
Bus non idoneo, la denuncia di un disabile di Fasano: «Così non posso frequentare l'Università»

Fasano, bus inadatto ai disabili
«Non posso andare all'Università»

 
clima d’odio
Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a Brindisi

Ronde anti-migranti in azione dopo doppio pestaggio a Brindisi

 
A Francavilla Fontana (Br)
Minaccia di uccidersi con la benzina per una ragazza: 20enne salvato dai cc

Minaccia di uccidersi con la benzina per una ragazza: 20enne salvato dai cc

 
A montalbano di Fasano
Dolmen imbrattato: balordi o c'è dietro una setta?

Dolmen imbrattato: balordi o c'è dietro una setta?

 
La denuncia: ronde razziste
Brindisi, raid xenofobo con mazzeferiti due migranti, uno è graveSventata altra aggressione

Brindisi, raid con mazze: feriti 2 migranti. 15enne: io aggredita da tre stranieri

 
In pieno giorno
Palpeggiano una 15enne, ricercati 3 extracomunitari

Palpeggiano una 15enne, ricercati 3 extracomunitari

 
Sanità
Emiliano: «Stabilizzati 132 precari Asl Brindisi»

Emiliano: «Stabilizzati 132 precari Asl Brindisi»

 
Razzia in via Bastioni
Brindisi, immigrato distrugge vetriauto in sosta in centro: arrestato

Brindisi, immigrato distrugge vetri auto in sosta in centro: arrestato

 
Sei denuciati
Latiani, maxi rissa tra 6 giovani:uno ruba il portafogli a un rivale

Latiano, maxi rissa tra 6 giovani:
uno ruba il portafogli a un rivale

 
A Francavilla Fontana
Rapina un bar, minaccia la barista con un sasso e lo lancia sulla vetrina: arrestato

Rapina un bar, minaccia la barista con un sasso e lo lancia sulle vetrine: arrestato VD

 
Ai ferri corti
Brindisi, il sindaco Rossi diffida Versalis e minaccia il fermo dell’impianto

Brindisi, sindaco diffida Versalis e minaccia fermo dell’impianto

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

La storia in tribunale

Brindisi, gli ormoni al compagno «sportivo» li pagava l'ex marito

L'uomo denuncia l'ex moglie per truffa (si faceva rimborsare gli scontrini spacciandoli per medicinali ai figlio) , l'atleta querela lui per diffamazione

La locandina del film «Moglie e Marito»

Moglie e Marito

Il marito querela la sua ex per truffa; il nuovo compagno della donna querela l’ex della sua compagna per diffamazione. E si finisce in tribunale. Quello che non ha creato la separazione, hanno potuto farlo degli scontrini per l’acquisto di Testovis, ormone maschile che viene utilizzato soprattutto per i maschi di una certa età per curare alcune disfunzioni, ma per alcune malattie molto gravi viene prescritto anche alle donne. Scontrini che la ex consegna, tra tanti altri, per la contribuzione da parte del marito per le spese sopportate nel mantenere il loro figlio di dieci anni.

La coppia è di Brindisi. Entrambi sui quarant’anni, lui dipendente di un ente pubblico. Si sono separati già da un po’ di tempo per rifarsi una vita dato che non riuscivano più ad essere in sintonia. Lei ha un nuovo compagno che pratica molto sport, frequentatore assiduo di palestre. Il marito controlla gli scontrini e ne trova alcuni di Testovis. Ma che c’entra questo farmaco con il figlio che ha dieci anni? si chiede l’uomo. La spiegazione dopo avere chiesto pareri medici sull’uso di questo farmaco la trova nella passione per lo sport del compagno della sua ex. Secondo lui quel farmaco la moglie lo ha acquistato per il compagno ed ha cercato di farlo pagare a lui sostenendo che lo aveva dovuto acquistare per il figlio. A suo parere questa è una truffa bella e buona. E sporge denuncia-querela depositando l’atto all’ufficio competente della Procura di Brindisi. Nella denuncia-querela contro la sua ex moglie, specifica che quel farmaco era per il compagno della moglie «per aumentare le prestazioni atletiche».

Lo «sportivo» apprende dalla sua compagna quello che il marito ha scritto nella querela, si sente diffamato e, a sua volta, sporge querela. I due ex finiscono in tribunale. La donna per truffa, il marito per diffamazione. Per la donna viene dichiarato il non luogo a procedere per la particolare tenuità del fatto (alla fine si trattava solo di due scontrini contestati). Lui invece viene rinviato a giudizio su richiesta del procuratore aggiunto Nicolangelo Ghizzardi e a affronta il processo dinanzi alla giudice di pace Nicoletta Erroi. Che lo assolve perché il fatto non costituisce reato, richiesta avanzata dal difensore, avvocato Paolo Antonio D’Amico, mentre il pubblico ministero di udienza aveva chiesto la condanna ad una multa, richiesta alla quale si era associato, l’avv. Oreste Marzo, per il querelante che si era costituito parte civile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400