Venerdì 19 Ottobre 2018 | 19:57

NEWS DALLA SEZIONE

Presi dalla Polizia
Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in sala giochi

Andria, in cella due rapinatori: pestarono cliente in s...

 
la tragedia di Andria
Scontro treni, il gup chiama in causail Ministero e la Ferrotramviaria

Scontro treni, gup chiama in causa il Ministero e la Fe...

 
Il caso
Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito in tilt

Barletta, cantieri «a sorpresa» e il traffico va subito...

 
Il convegno
Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurezza a Canosa

Bat? Territorio fragile, ma lo Stato c'è: focus sicurez...

 
Il bilancio
Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

Vendemmia: un'ottima annata, +20% rispetto al 2017

 
La strage
Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

Cani morti in strada a Trani, mistero irrisolto

 
Ad Andria
Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Murgia

Sequestrate costruzioni abusive nel Parco Nazionale Mur...

 
Il caso
Domenica con beffa, chiuso il castello di Trani: «Famiglie state a casa»

Chiuso castello di Trani di domenica: «Famiglie a casa»

 
Sulla Corato-Altamura
Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salvi per miracolo

Furgone si ribalta a causa di cinghiali: ambulanti salv...

 
Dalla Polizia
Barletta, cede dose si marijuana: arrestato per spaccio un 18enne

Barletta, cede dose si marijuana: arrestato per spaccio...

 
Operazione dei Cc
Minervino, ex badante rubava soldi e gioielli a due anziani: arrestata insieme ad altri due

Minervino, ex badante rubava soldi e gioielli a due anz...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Maltempo

Canosa, l'Ofanto s'ingrossa
c'è timore per una «piena»

Canosa, l'Ofanto s'ingrossac'è timore per una «piena»

PAOLO PINNELLI

CANOSA - Crescono i timori per un’eventuale piena dopo le forti nevicate dei giorni scorsi ed anche dopo le copiose piogge nell’alto bacino.
Il livello del più importane fiume pugliese, del quale ci eravamo già occupati su queste pagine domenica scorsa, sale ogni giorno di più.
Il maggiore timore è per una ondata di piena in quanto nevicate particolarmente intense si sono registrate nella parte medio-alta del bacino idrografico del corso d’acqua e la situazione negli ultimi giorni si è aggravata per le abbondanti piogge.
Il bacino dell’unico vero fiume pugliese è di oltre 2.700 chilometri quadrati e comprende parte dell’Irpinia, parte del Potentino, il Melfese, la parte meridionale del Subappennino Dauno e parte della Murgia Nord occidentale.
Si tratta di zone dove lo strato di neve è stato particolarmente spesso e in cui si è registrata la nuova ondata di maltempo caratterizzata soprattutto da piogge intense.
I timore, soprattutto degli agricoltori che possiedono terreni adiacenti agli argini è che, come accaduto altre volte in passato, lo scioglimento della neve e l’acqua piovana caduta in abbondanza, si trasformi in un’ondata di piena che porti ad un’esondazione nella parte terminale del corso d’acqua.
All’altezza del ponte romano di Canosa il monitoraggio è costante e qui il livello del fiume appare già con molta evidenza al limite degli argini.
La situazione sembra particolarmente delicata almeno nelle zone in cui i terreni agricoli sono praticamente adiacenti agli argini. Zone che, in passato, hanno subito seri danni alle campagne e, in qualche caso, anche situazioni di grave pericolo con incidenti anche mortali per chi, incautamente, si è ritrovato a transitare lungo le strade che incrociavano i corsi d’acqua.
[paolo.pinnelli@gazzettamezzogiorno.it]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400