Giovedì 25 Aprile 2019 | 08:09

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

premio a giovane chef

Se l'unicità della burrata
esalta il vero gusto del riso

riso e burrata

di MICHELE PIZZILLO

ANDRIA - Nel 1856, data di nascita di Riso Gallo, l’Italia non era ancora unita e, ad Andria, nessuno immaginava un formaggio come la burrata. L’unità d’Italia arriverà cinque anni dopo e la burrata negli anni Venti. Ci vorrà quasi un secolo perché riso e burrata si amalgamassero in una straordinaria finezza gustativa, grazie all’intuizione di un giovane chef nato in Perù e cresciuto professionalmente a Torino, Sergio Daniel Porras Salazar. Infatti questo 22enne professionista dei fornelli ha vinto il concorso «Premio Gallo, il risotto dell’anno» riservato agli chef emergenti e organizzato dall’azienda risicola fondata e tuttora di proprietà della famiglia Preve, con Bargiornale e Ristoranti, affidando la scelta ad una giuria tutta al femminile composta da giornaliste e cuoche stellate che hanno esaminato e degustato centinaia di piatti proposti da giovani chef tra i 18 e i 26 anni di età e da studenti degli istituti alberghieri. «Davanti al sublime risotto con burrata, trota affumicata, uova di trota, scorza di limone e shiso, devo dire che le giurate sono rimaste a dir poco estasiate», confida la direttrice di Bargiornale, Rossella De Stefano. Ma, «a rendere eccellente il piatto eccellente è la burrata – precisa il giovane vincitore del concorso – perché è l’unico formaggio che permette una perfetta mantecatura del riso e, nello stesso tempo, attenua il forte sapore della trota affumicata, rendendo equilibrato ed armonioso il piatto».

C’è voluto parecchio tempo prima di arrivare a quella che possiamo definire una ricetta perfetta. E, questo, grazie alla burrata «chi mi ha fatto scoprire un mio professore, originario di Bari, Alessandro Ricci», aggiunge Sergio durante la cerimonia di premiazione avvenuta nei saloni del Teatro alla Scala di Milano, dove è stato presentato anche il francobollo celebrativo delle riseria. Ed è stato subito amore o, addirittura ossessione, piacevole «perché metto la burrata dappertutto – aggiunge il giovane chef – e quando il prof. Ricci ha proposto di partecipare al concorso di Riso Gallo, ho subito pensato alla burrata come uno degli ingredienti base per avere un risotto unico. Un piatto che adesso preparo solo in occasioni particolari perché ne voglio conservare la sua grande preziosità».

E, così, dal concorso Riso Gallo e dalla bravura di un ragazzo peruviano, arriva la conferma dell’importanza della burrata nella cucina italiana e della considerazione che ne hanno i grandi chef che lavorano nei ristoranti stellati del Nord Italia. Tant’è vero che non c’è locale di Milano o di Torino, di Venezia o di Verona, che propone alta ristorazione che non ha in carta qualche piatto con la burrata come ingrediente. La burrata, però - è raro, purtroppo, trovare l’indicazione Andria affianco al nome del formaggio -. Peccato, perché con questo trend positivo per la burrata, per Andria sarebbe uno spot promozionale continuo nei grandi ristoranti del Nord, a costo zero oltretutto. Ne potrebbe nascere una sorta di turismo della burrata. E non solo.

Intanto il vincitore del concorso, che è stato in Puglia due anni fa, a San Pietro in Bevagna, non vede l’ora di poter visitare un caseificio di Andria per vivere dal vivo la produzione della burrata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400