Giovedì 25 Aprile 2019 | 08:35

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

la sentenza

Violentò donna incinta
5 anni di carcere al bruto

Il fatto avvenne a Canosa: imputato un 53enne romeno

Violentò donna incinta5 anni di carcere al bruto

TRANI - Il suo desiderio sessuale era diventata la compagna del figlio. Non s’interessò di quel vincolo, né del fatto che la donna fosse comunque al settimo mese di gravidanza. La violentò. Abusò di lei fino a consumare un rapporto sessuale completo, tappandole la bocca perché non si sentissero le sue grida d’aiuto.
A poco più di un anno da quella barbarie il tribunale collegiale di Trani (presidente Giulia Pavese) ha condannato a 5 anni ed 1 mese di reclusione un 53enne rumeno residente a Canosa di Puglia. L’uomo (di cui omettiamo le generalità per tutelare la vittima) è stato riconosciuto colpevole di violenza sessuale aggravata e di tentata violenza privata ed è stato perpetuamente interdetto dai pubblici uffici, dalla tutela e dalla curatela.

Il fattaccio avvenne il 12 giugno dell’anno scorso a Loconia, frazione di Canosa. Vittima una ventenne rumena, già madre di due figli avuti con un altro uomo. Poi quella relazione finì e la donna intraprese un’altra storia con un coetaneo connazionale di cui rimase pure incinta.

I due si guadagnavano da vivere lavorando a giornata nelle campagne, sperando però di trovare un lavoro più stabile. Oltre che col compagno, la donna da qualche giorno conviveva col “suocero”, che non esitò a dar sfogo ai propri istinti sessuali. Quel 12 giugno le si avvicinò, e non curandosi nemmeno dell’avanzato stato di gravidanza, la minacciò di morte dicendole “Sei una pu…come hai fatto due bambini con l’altro uomo li puoi fare anche con me”. Ed ancora: Non pensare a mio figlio, lo puoi fare anche con me”. La prese a schiaffi e le tappò la bocca per evitare che la giovane urlasse per chiamare aiuto. Poi la denudò ed abusò di lei. L’uomo fu arrestato qualche tempo dopo a seguito della denuncia della stessa vittima che raccontò ai Carabinieri il terribile episodio, a cui seguirono altre minacce. Da quella coraggiosa denuncia partirono, dunque, le indagini coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Trani Alessandro Pesce, sostituito dal collega Antonio Savasta nell’ultima udienza del processo immediato, culminato con la condanna del 53enne rumeno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400