Sabato 23 Gennaio 2021 | 22:43

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariBurrasca in arrivo
Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

 
BrindisiIl caso
Presunti abusi al porto di Brindisi: 12 richieste a processo

Presunti abusi edilizi nel porto di Brindisi: chiesto il processo per 12 persone

 
LeccePuglia, cinema e tv
Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

 
TarantoIl caso
Taranto, poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati medici

Poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati i medici

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

la sentenza

Violentò donna incinta
5 anni di carcere al bruto

Il fatto avvenne a Canosa: imputato un 53enne romeno

Violentò donna incinta5 anni di carcere al bruto

TRANI - Il suo desiderio sessuale era diventata la compagna del figlio. Non s’interessò di quel vincolo, né del fatto che la donna fosse comunque al settimo mese di gravidanza. La violentò. Abusò di lei fino a consumare un rapporto sessuale completo, tappandole la bocca perché non si sentissero le sue grida d’aiuto.
A poco più di un anno da quella barbarie il tribunale collegiale di Trani (presidente Giulia Pavese) ha condannato a 5 anni ed 1 mese di reclusione un 53enne rumeno residente a Canosa di Puglia. L’uomo (di cui omettiamo le generalità per tutelare la vittima) è stato riconosciuto colpevole di violenza sessuale aggravata e di tentata violenza privata ed è stato perpetuamente interdetto dai pubblici uffici, dalla tutela e dalla curatela.

Il fattaccio avvenne il 12 giugno dell’anno scorso a Loconia, frazione di Canosa. Vittima una ventenne rumena, già madre di due figli avuti con un altro uomo. Poi quella relazione finì e la donna intraprese un’altra storia con un coetaneo connazionale di cui rimase pure incinta.

I due si guadagnavano da vivere lavorando a giornata nelle campagne, sperando però di trovare un lavoro più stabile. Oltre che col compagno, la donna da qualche giorno conviveva col “suocero”, che non esitò a dar sfogo ai propri istinti sessuali. Quel 12 giugno le si avvicinò, e non curandosi nemmeno dell’avanzato stato di gravidanza, la minacciò di morte dicendole “Sei una pu…come hai fatto due bambini con l’altro uomo li puoi fare anche con me”. Ed ancora: Non pensare a mio figlio, lo puoi fare anche con me”. La prese a schiaffi e le tappò la bocca per evitare che la giovane urlasse per chiamare aiuto. Poi la denudò ed abusò di lei. L’uomo fu arrestato qualche tempo dopo a seguito della denuncia della stessa vittima che raccontò ai Carabinieri il terribile episodio, a cui seguirono altre minacce. Da quella coraggiosa denuncia partirono, dunque, le indagini coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Trani Alessandro Pesce, sostituito dal collega Antonio Savasta nell’ultima udienza del processo immediato, culminato con la condanna del 53enne rumeno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie