Lunedì 02 Agosto 2021 | 08:02

NEWS DALLA SEZIONE

controlli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 
violenza domestica
Picchia moglie e figlio minorenne disabile, 52enne in carcere

Picchia moglie e figlio minorenne disabile, 52enne in carcere

 
Il 28 Luglio 1980
Quarant'anni fa a Mosca Pietro Mennea diventava campione olimpico nei 200 m

Quarantuno anni fa a Mosca Pietro Mennea diventava campione olimpico nei 200 m

 
Il personaggio
Barletta, è morto Vito Cuonzo il partigiano tenace e cortese

Barletta, è morto Vito Cuonzo il partigiano tenace e cortese

 
La cerimonia
Trani, il ministro Lamorgese inaugura la caserma dei carabinieri

Trani, il ministro Lamorgese inaugura la caserma dei carabinieri

 
Ora è in cella
Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga

 
Ora è in cella
Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga in casa

Barletta, detenuto ai domiciliari coltivava droga in casa

 
La sentenza
Minacce ai testimoni, condanne dimezzate per due ex pm di Trani

Minacce ai testimoni, condanne dimezzate per due ex pm di Trani

 
Il caso
Barletta, «Esclusi dal confronto sul biomonitoraggio»

Barletta, «Esclusi dal confronto sul biomonitoraggio»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

Ambiente

Bat, continua la moria di tartarughe

Una ventina le carcasse spiaggiate nell'ultima settimana nel tratto di litorale compreso tra Margherita di Savoia e Trani

Bat, continua la moria di tartarughe

Foto d'archivio

Barletta - Continua la moria di tartarughe marine lungo le coste della Bat.
Sono almeno una ventina le carcasse spiaggiate nell'ultima settimana nel tratto di litorale compreso tra Margherita di Savoia e Trani. Era già accaduto negli anni scorsi ma quest'anno il fenomeno si sta ripetendo con numeri ancora peggiori: basti pensare che soltanto domenica scorsa il personale del Centro recupero Wwf di Molfetta ha recuperato le carcasse di 4 rettili, in avanzato stato di decomposizione, in due punti ben precisi: due nel lido dell’Esercito lungo il litorale di Levante e altre due nel tratto di costa vicino il poligono di tiro nei pressi della Fiumara.


Insomma, spiaggiamento straordinario di tartarughe marine, soprattutto esemplari di «Caretta caretta» che, giungono a riva spinti da una combinazione di vento e correnti marine.
«Saranno i veterinari ad accertare le cause della morte dei quattro esemplari recuperati di Caretta caretta, la tartaruga marina più comune, diffusa in molti mari del mondo, ma fortemente a rischio estinzione in tutto il bacino del mare Mediterraneo, anche se - spiega Pasquale Salvemini, coordinatore del Centro di recupero delle tartarughe marine controllato dal Wwf - sarà difficile risalire alle effettive cause dei decessi, dato l'avanzato stato di decomposizione delle carcasse». 


«Quando i pescatori trovano tartarughe impigliate nelle reti o già morte per asfissia da annegamento - spiega Salvemini -, le rigettano in mare e le correnti le spingono sino a spiaggiarle. Noi ci limitiamo a effettuare le verifiche per elaborare i dati».


Per gli esperti del Centro recupero Wwf di Molfetta, la principale causa di morte delle tartarughe marine è rappresentata dalla cattura accidentale con attrezzi da pesca, come reti a strascico, palangari e reti da posta (si tratta di reti fisse, radenti la costa lunghe cinque chilometri nelle quali le testuggini si vanno a infilare) ma anche dalle collisioni con le imbarcazioni.


Ma all’origine del triste fenomeno della moria di tartarughe marine c’è anche l'inquinamento da plastiche e microplastica. «Le tartarughe marine li scambiano per meduse, e quando li ingeriscono è troppo tardi per accorgersi che sono invece sacchetti di plastica. Questa - rimarca Salvemini - è la sorte che finora è toccata a molti di questi rettili recuperati ormai privi di vita».


I fattori antropici, dunque, oltre a quelli ambientali e infettivi, sono all’origine della lenta estinzione alla quale, purtroppo, sono condannati questi rettili antichissimi che popolano mari e oceani da milioni di anni.
«Purtroppo è così - conferma Pasquale Salvemini - . Per questo continuo a ribadire che l’impegno di ciascun cittadino è fondamentale per garantire la sopravvivenza delle tartarughe marine e non solo. Non possiamo sempre aspettare che siano gli altri a fare. Per cominciare, possiamo evitare di gettare plastica o altri rifiuti in mare e, se ne troviamo, possiamo raccoglierli, portarli a riva e gettarli negli appositi contenitori. Un sacchetto di plastica o una bottiglia possono essere scambiati per cibo da delfini e tartarughe e causarne la morte, e in ogni caso la plastica non si scioglie, si spezzetta in microparticelle che, mescolate all'acqua, costituiscono un pericolo perenne. E questo è solo un esempio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie