Domenica 31 Maggio 2020 | 05:50

NEWS DALLA SEZIONE

l'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
Traffico
Trani, parcheggi: torna in vigore la sosta a pagamento

Trani, parcheggi: torna in vigore la sosta a pagamento

 
La decisione
Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

Barletta, movida spericolata: chiuse due attività nel cuore della città

 
Commercio
Trani, dopo 15 anni trasloca il mercato settimanale di via Falcone

Trani, dopo 15 anni trasloca il mercato settimanale di via Falcone

 
nella bat
Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

 
Le proteste
Trani, «Nuovo padiglione, uno spreco»

Carcere di Trani: «Nuovo padiglione, uno spreco»

 
tragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
il disastro del 2016
Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

Andria, scontro treni, riprende il processo nell'auditorium di un oratorio

 
IL PREMIO
Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

Andria: «Cut cut JA», vado dal coiffeur con l’app dell’Itis Jannuzzi

 
il grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 
Ambiente
La discarica di Trani verso la bonifica

La discarica di Trani verso la bonifica: ora inquina di meno

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

Bari in campo a luglio per lo sprint e la B è un sogno di mezza estate

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
Bariemergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 
LecceIndustria
L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

L’automotive riparte dopo tre mesi si punta su tecnologie ibride ed elettriche

 
FoggiaLa lite
San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

San Severo, poliziotto aggredito e preso a calci nei genitali da 3 ragazzi

 
BariTemporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
Batl'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 
BrindisiLa decisione
Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

Fase 2, sindaco di Brindisi frena sulla movida: locali chiusi a mezzanotte

 

i più letti

L'altra emergenza sociale

Barletta, «Donne liberatevi dalla violenza»

L’appello lanciato da Tina Arbues dell’Osservatorio Giulia e Rossella - Centro antiviolenza

violenza sessuale

BARLETTA - Intorno alla vicenda Covid-19 c’è un’altra emergenza sociale che sfugge alla maggior parte dell’opinione pubblica. È quella relativa alla situazione di donne che continuano a vivere il loro dramma all’interno delle proprie famiglie. Ora, più che mai, per via delle restrizioni che impongono il «restate a casa» insieme a mariti e figli, giocoforza fermi dal lavoro e dalla scuola. Una condizione potenziale ed oggettiva che induce ad acuire quei rapporti di per sè già fragili in uno stato di convivenza h24, dove i casi di violenze, maltrattamenti e sopraffazioni si consumano nel chiuso delle stanze e che hanno poche possibilità di approdare a contatti con l’esterno.

LE STORIE - In questo periodo di quarantena non ci sono dati precisi, ma si registrano casi di donne che subiscono oltremodo la situazione di vivere in casa la violenza domestica più preoccupante e strisciante rispetto a quella che vivono nei periodi normali. Difatti, per molte donne, il marito che lavora e sta fuori casa le 8/10 ore rappresentava un momento di tranquillità che, ora, con la quarantena non c’è. Salvo quel poco di tempo per uscire a fare la spesa. «Abbiamo contatti con diverse donne»: ci riferisce Tina Arbues, presidente dell’Osservatorio Giulia e Rossella - Centro antiviolenza Onlus di Barletta, il primo operante in Puglia sin dal 1999. «Nonostante l’emergenza Coronavirus - prosegue e racconta - il centro resta attivo e operativo. Ci sono dei casi. Donne che ci hanno contattato e contattate esponendoci la loro condizione. Però, pur contente del nostro contatto attraverso i social e Skype, alcune hanno rifiutato il supporto perchè in questa situazione sono più esposte a ritorsioni. In alcune famiglie, inoltre, le cose peggiorano nel rapporto coi figli. Molti giovani non osservano le prescrizioni dell’emergenza, le madri li riprendono e di contro subiscono atti di violenza verbale e, in alcuni casi, di aggressione fisica. Ancora più critica la situazione di quelle donne con figli tossici, dove tenerli fermi è una tragedia».
Ma ci sono altri casi di donne in stato di disagio che contattano il centro per avere il supporto e la consulenza legale. Sono le donne che vivono separate, costrette a lavorare per mantenere i figli, considerata anche l’insufficienza dell’assegno di mantenimento. L’emergenza attuale le costringe a rimanere in casa, senza lavoro. E senza l’assegno perchè l’ex marito o ne approfitta per non darlo o non può mantenere l’impegno perchè a sua volta non lavora e non guadagna. A riguardo l’Osservatorio offre l’assistenza e il supporto per cercare di alleviare le difficoltà.

L’APPELLO - L’Osservatorio Giulia e Rossella, in soccorso alle donne in questa emergenza, ha lanciato in rete e sui social il seguente appello: «Carissime amiche e amici, questa emergenza sanitaria ci chiama a restrizioni che mai avremmo pensato. Da giorni i nostri sportelli sono chiusi, ma noi continuiamo a restare accanto alle nostre guerriere. Per le emergenze e le info, contattateci ai numeri telefonici di reperibilità h 24: 0883/310293 - 388/7504780 - 380/3473374. L’appello a tutte e a tutti è di restare a casa! Sappiamo che per tante, troppe donne la casa non è un nido sicuro, per questo noi continuiamo ad esserci, con le dovute precauzioni per la vostra e la nostra salute. È tempo di parlare a se stesse, di (ri)progettare la propria vita libere dalla violenza. Potete contattarci anche su Messenger: #unitesivince; #restiamoacasa; #centriantiviolenza; #1522».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie