Mercoledì 17 Luglio 2019 | 05:18

NEWS DALLA SEZIONE

Rifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
Il caso
Bisceglie, in 5 a giudizio per gestione Salsello, Procura di Lecce: «Accertamenti sull'indagine»

Bisceglie, in 5 a giudizio per gestione Salsello, Procura di Lecce: «Accertamenti sull'indagine»

 
Il caso
Barletta, sindaco insultato su Facebook sporge denuncia

Barletta, sindaco insultato su Facebook sporge denuncia

 
Arte in cucina
Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

 
La paura
Barletta, 50enne grave dopo puntura di vedova nera: salvato da antidoto

Barletta, 50enne grave dopo puntura di vedova nera: salvato da antidoto

 
Il festival
Trani è tutta un tango con Zotto e Guspero, tra i ballerini più bravi al mondo

Trani è tutta un tango con Zotto e Guspero, tra i ballerini più bravi al mondo

 
Rifiuti sospetti
Barletta, degrado in via Bellini: scatta denuncia al Noe

Barletta, degrado in via Bellini: scatta denuncia al Noe

 
Il bilancio
Maltempo, la grandinata distrugge le percoche di Loconia

Maltempo, la grandinata distrugge le percoche di Loconia

 
La nota
Bisceglie, chiusura ostetricia: Ministero smentisce Regione. «Mai chiesto stop»

Bisceglie, chiusura punto nascita, Ministero smentisce Regione: «Mai chiesto stop»

 
Dalla polizia
Barletta, a bordo di uno scooter rapinò 90enne facendolo cadere a terra: preso

Barletta, a bordo di uno scooter rapinò 90enne facendolo cadere a terra: preso

 
L'episodio
Festa da ballo non autorizzata a Bisceglie: cc interrompono lo spettacolo e sequestrano il locale

Festa da ballo non autorizzata a Bisceglie: cc interrompono lo show e sequestrano il locale

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVIl video
San Severo, la festa del Soccorso con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

San Severo, la festa del Carmelo con la corsa dei «fujenti» tra i petardi

 
TarantoMorti bianche
Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

Taranto, gruista ex Ilva morto in mare: in settimana i funerali

 
BatRifiuti
Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

Discarica di Canosa, Stea: «In arrivo 4,2 mln per chiusura definitiva»

 
BrindisiUn mistero di 2000 anni fa
Brindisi, dalla Germania archeologi setacciano il mare a caccia del disco di Nebra

Brindisi, dalla Germania archeologi in mare a caccia del disco di Nebra

 
MateraL'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
BariIl caso
Bari, dress code alle corsiste: al via interrogatorio dell'ex giudice Bellomo

Bari, dress code alle corsiste: dopo 9 ore di interrogatorio Bellomo nega tutto

 
LecceOrganizzato da Prog On
«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

«Canterbury Tales»: Martano capitale del Prog per una sera, con il concerto di Richard Sinclair

 
PotenzaDai carabinieri
Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

Merce pagata e mai consegnata: 4 denunce nel Potentino per truffe online

 

i più letti

Ferrotramviaria

Strage treni: Corte d'Appello Bari accoglie ricusazione dei giudici: «La Regione non è responsabile civile»

Il presidente del Tribunale di Trani dovrà ora nominare un nuovo collegio giudicante

incidente ferroviario Bari Nord

La Corte di appello di Bari (presidente Labellarte, relatore Piliego) ha accolto l’istanza di ricusazione dei giudici del Tribunale di Trani (Giulia Pavese presidente, Paola Angela De Santis e Filomena Sara De Rosa a latere) dinanzi ai quali è alle fasi preliminari il processo sul disastro ferroviario che il 12 luglio 2016, sulla tratta tra Andria e Corato, causò la morte di 23 persone e il ferimento di 51 passeggeri. Il presidente del Tribunale di Trani dovrà ora nominare un nuovo collegio giudicante.

Con provvedimento motivato depositato oggi, la Corte di appello ha condiviso l’istanza di ricusazione presentata da Ferrotramviaria, imputata e responsabile civile nel processo. Nell’atto, depositato il 6 giugno, la società evidenziava che il provvedimento di citazione della Regione Puglia come responsabile civile nel quale il Tribunale definito Ferrotramviaria «inaffidabile», costituisce «una irrituale ed illegittima anticipazione del giudizio in ordine alla responsabilità dell’ente».

La Corte d’Appello ha anche annullato l’ordinanza con cui il Tribunale di Trani aveva ammesso la costituzione dei parenti delle vittime nei confronti della Regione.

MINATA IMPARZIALITA' GIUDICI - «Deve fondatamente ritenersi la sussistenza della causa di ricusazione prospettata, consistente nella descritta indebita anticipazione di giudizio da parte del collegio giudicante tranese che ne ha minato definitivamente l'immagine di imparzialità». Così i giudici della Corte di appello di Bari motivano l’accoglimento dell’istanza di ricusazione dei giudici di Trani nel processo sul disastro ferroviario del luglio 2016 tra Andria e Corato, costato la vita a 23 persone.

Nel provvedimento con il quale ha accolto l’istanza della società Ferrotramviaria, imputata e responsabile civile nel processo, i giudici della Corte di appello spiegano che «il Tribunale non si è limitato a riportare il contenuto del capo d’imputazione, ma ha espresso delle valutazioni non richieste sulla ascrivibilità dell’ipotizzato reato al soggetto ricusante». Lo avrebbero fatto «in via diretta, - scrivono - attraverso l’aggettivo 'inaffidabile' implicante un giudizio, personale e soggettivo, in ordine alle condotte colpose cristallizzate nell’imputazione; in via indiretta, delineando eventuali profili di responsabilità della Regione Puglia per non aver mai revocato il contratto di affidamento della gestione del trasporto locale alla Ferrotranviaria spa lasciando, quindi, logicamente intendere la sussistenza di fondate ragioni in tal senso che l’ente locale avrebbe colposamente disatteso». "Trattasi di valutazioni indebite - prosegue la Corte di appello di Bari - in quanto non funzionali rispetto al segmento procedimentale relativo alla citazione del responsabile civile, la cui costituzione non richiede alcuna esposizione delle ragioni che giustificano la domanda».

Nel disporre che il presidente del Tribunale di Trani nomini un nuovo collegio giudicante, la Corte di appello «fa salvi tutti gli atti compiuti e i provvedimenti emessi, - conclude il provvedimento - fatta eccezione per l’ordinanza oggetto della richiesta di ricusazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie