Venerdì 14 Dicembre 2018 | 12:50

NEWS DALLA SEZIONE

Trasporti in Puglia
Ferrotramviaria, da gennaio riapre la Ruvo-Corato, per Andria servono 2 anni

Ferrotramviaria, da gennaio riapre la Ruvo-Corato

 
A S.Ferdinando di Puglia
Sparato al volto mentre guida il suo tir: muore un 48enne campano, forse rapina

Gli sparano in faccia mentre guida: ucciso camionista nella Bat, forse rapina

 
Fucilazione tedesca
Mancato massacro del '43 a Trani, morto l'ultimo superstite

Mancato massacro del '43 a Trani, morto l'ultimo superstite

 
Il caso
Topo in ospedale a Bisceglie, il sindaco: «Bisogna approfondire»

Topo in ospedale a Bisceglie, il sindaco: «Bisogna approfondire»

 
I fatti dal 2012 al 2014
«Commissioni fantasma» a Trani: in sei a giudizio

«Commissioni fantasma» a Trani: in sei a giudizio

 
Non è imminente
Bisceglie, sfuma finanziamento per riqualificare la costa

Bisceglie, sfuma finanziamento per riqualificare la costa

 
l’inchiesta
Andria, sicurezza nei locali pubblici: sale l'attenzione

Andria, sicurezza nei locali pubblici: sale l'attenzione

 
Il caso
Acqua di falda a Barletta: il monitoraggio difficile

Acqua di falda a Barletta: il monitoraggio difficile

 
La sentenza
Comunali Bisceglie, il Tar: ricontare i voti di consigliere mancato

Comunali Bisceglie, il Tar: ricontare i voti di consigliere mancato

 
Spaccio di droga
Andria, pene definitive per il clan Pesce-Pistillo: arresti nella notte

Andria, pene definitive per il clan Pesce-Pistillo: arresti nella notte VIDEO

 
Il caso a Trani
Il sostegno non c'è, niente scuola il mercoledì per disabile

Il sostegno non c'è, niente scuola il mercoledì per disabile

 

La sentenza

Duplice omicidio a Barletta, madre e figlio assolti: «Non hanno commesso il fatto»

La corte d'Assise d'appello di Bari ha assolto i due imputati, ribaltando di fatto la precedente condanna all’ergastolo. Il fatto risaliva al 2012

Palazzo di Giustizia di Bari

Palazzo di Giustizia di Bari

BARI - La Corte di Assise di Appello di Bari ha assolto «per non aver commesso il fatto», ribaltando la precedente condanna all’ergastolo, i due imputati, madre e figlio, accusati di aver ucciso due donne, una familiare e una sua amica. Le vittime, la 62enne Maria Diviccaro, disabile, cognata e zia degli imputati, e l’amica badante Maria Strafile di 65 anni, furono uccise con percosse e la prima soffocata nel letto con un cuscino, la seconda strangolata.

I fatti, accaduti nell’appartamento di una delle vittime a Barletta, risalgono al 15 marzo 2012. I due imputati, Grazia Fiore e il figlio Damiano Diviccaro, rispettivamente di 54 e 22 anni, in primo grado erano stati condannati con rito abbreviato nel luglio 2016 dal gup del Tribunale di Trani Angela Schiralli alla pena dell’ergastolo. Secondo l’accusa il movente del delitto risiedeva in una mancata eredità. Il processo secondo grado ha però ribaltato la sentenza, assolvendo con formula piena gli imputati, difesi dagli avvocati Tullio Bertolino, Giangregorio De Pascalis e Giancarlo Chiarello.

Revocati anche i risarcimenti danni alle costituite parti civili, i familiari di Maria Strafile. Le motivazioni della sentenza si conosceranno tra 90 giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400