Lunedì 25 Marzo 2019 | 02:08

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Il caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Parla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 
Il caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
Analisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
È intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
Nel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
Casa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
Il Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
L'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
Le dichiarazioni
Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

 

Il Biancorosso

DOPO I 5 ANNI DI DASPO
La difesa dello steward della Turris"False accuse e tanta cattiveria"

La difesa dello steward della Turris
"False accuse e tanta cattiveria"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

La sentenza

Duplice omicidio a Barletta, madre e figlio assolti: «Non hanno commesso il fatto»

La corte d'Assise d'appello di Bari ha assolto i due imputati, ribaltando di fatto la precedente condanna all’ergastolo. Il fatto risaliva al 2012

Palazzo di Giustizia di Bari

Palazzo di Giustizia di Bari

BARI - La Corte di Assise di Appello di Bari ha assolto «per non aver commesso il fatto», ribaltando la precedente condanna all’ergastolo, i due imputati, madre e figlio, accusati di aver ucciso due donne, una familiare e una sua amica. Le vittime, la 62enne Maria Diviccaro, disabile, cognata e zia degli imputati, e l’amica badante Maria Strafile di 65 anni, furono uccise con percosse e la prima soffocata nel letto con un cuscino, la seconda strangolata.

I fatti, accaduti nell’appartamento di una delle vittime a Barletta, risalgono al 15 marzo 2012. I due imputati, Grazia Fiore e il figlio Damiano Diviccaro, rispettivamente di 54 e 22 anni, in primo grado erano stati condannati con rito abbreviato nel luglio 2016 dal gup del Tribunale di Trani Angela Schiralli alla pena dell’ergastolo. Secondo l’accusa il movente del delitto risiedeva in una mancata eredità. Il processo secondo grado ha però ribaltato la sentenza, assolvendo con formula piena gli imputati, difesi dagli avvocati Tullio Bertolino, Giangregorio De Pascalis e Giancarlo Chiarello.

Revocati anche i risarcimenti danni alle costituite parti civili, i familiari di Maria Strafile. Le motivazioni della sentenza si conosceranno tra 90 giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400