Sabato 17 Agosto 2019 | 23:15

NEWS DALLA SEZIONE

I numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
L'aggressione
«Quel pitbull senza guinzaglio stava sbranando il mio cagnolino», tragedia sfiorata a Barletta

«Quel pitbull senza guinzaglio stava sbranando il mio cagnolino», tragedia sfiorata a Barletta

 
Nel nordbarese
Andria, in un casolare abbandonato trovato materiale esplosivo

Andria, in un casolare abbandonato trovato materiale esplosivo

 
Denunciata una terza persona
Barletta, finge di vendere bibite, in realtà spaccia cocaina: arrestato con la moglie

Barletta, finge di vendere bibite, in realtà spaccia cocaina: arrestato con la moglie

 
La tragedia
Trani, annega un 63enne: forse stroncato da un malore

Trani, annega un 63enne: forse stroncato da un malore

 
Criminalità
Trani, rapinatori aggrediscono in casa una anziana a Capirro

Trani, rapinatori aggrediscono in casa una anziana a Capirro

 
L'episodio il 2 agosto
Canosa, picchiano un disabile ad una festa: arrestato 19enne

Canosa, branco picchia un disabile ad una festa: arrestato 19enne

 
Il caso
Trani, è caos per il 118, la denuncia: «Accordi stravolti»

Trani, è caos per il 118, la denuncia: «Accordi stravolti»

 
Nel centro storico
Andria, scoperto "taxi della cocaina": arrestato pusher

Andria, scoperto "taxi della cocaina": arrestato pusher

 
Il lavoro oltreoceano
Fuga di cervelli, da Bisceglie negli Usa: le storie di un medico e un musicista

Fuga di cervelli, da Bisceglie negli Usa: le storie di un medico e un musicista

 
Paura nel nordbarese
Bisceglie, gambiano con sospetta tbc scappa dall'ospedale: rintracciato

Bisceglie, gambiano con sospetta tbc scappa dall'ospedale: rintracciato

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl gesto per gelosia
Taranto, crede che lui abbia un'altra: 27enne gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

Taranto, crede che lui abbia un'altra: gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

 
LecceNel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
BariLo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

 
BatI numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
FoggiaIl caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 

i più letti

Rifiuti

Amiu di Trani, i camion perdono liquidi per strada, multati

La denuncia dei consiglieri baresi: sarebbe accaduto più volte ai camion compattatori dell'ex municpalizzata

Amiu di Trani, i camion perdono liquidi per strada, multati

«Amiu ripetutamente multata per la dispersione di percolato dai suoi camion compattatori sulla strada per Massafra». È quanto riferisce il consigliere comunale di minoranza indipendente, Anna Barresi, ex componente la coalizione di governo che sostiene il sindaco, Amedeo Bottaro, sostenendo le sue affermazioni con prove a suo dire inconfutabili.
In particolare, la Polizia locale di Massafra, secondo i dati in suo possesso, ha più volte sanzionato gli autisti di Amiu per avere disperso dai loro mezzi il liquido prodotto dalla fermentazione dei rifiuti. E questo sarebbe avvenuto nella fase finale del tragitto verso la discarica Cisa di Massafra, dove Amiu conferisce i rifiuti solidi urbani della città di Trani da novembre 2016.
Barresi, rivolgendosi pubblicamente all’assessore all’ambiente, Michele di Gregorio, gli chiede «che informi i cittadini sui fatti accaduti nei giorni 11 giugno, 18 giugno e 16 luglio 2018, quando i camion Amiu andavano a conferire i rifiuti in quel di Massafra e hanno perso percolato. L’assessore è al corrente di possibili aperture di procedimenti penali per violazione del testo unico ambientale? In questi casi la norma ammette la sola responsabilità dell’impresa e, quindi dei suoi attuali vertici, esclude ogni possibilità di oblazione e prescrive, invece, l’applicazione di condanne che vanno dai 6 mesi ai 2 anni e multe che vanno da un minimo di 2.600 ad un massimo di 26.000 euro.
Quanto ai fatti, «nove mezzi di Amiu sono stati fermati ai confini del Comune di Massafra e lungo il tragitto fino al sito - fa sapere Barresi -, perché perdevano un’enorme quantità di percolato. Le autorità locali hanno elevato pesanti multe e si è reso necessario e urgente l’intervento di una ditta specializzata che bonificasse interi tratti di asfalto percorsi dai mezzi Amiu, che perdevano quantità rilevanti di percolato durante la marcia».
A detta del consigliere comunale, «l’amministrazione comunale ha l’obbligo di vigilare e garantire sulle modalità con cui vengono trasportati i rifiuti a Massafra, nonché del fatto che vengano utilizzati compattatori non idonei, privi di vasche di raccolta del percolato. Infatti, sono gli stessi che raccolgono i rifiuti la mattina e poi percorrono 250 chilometri fino alla discarica di Massafra».
Barresi, inoltre, teme fortemente che «i notevoli costi delle operazioni di bonifica saranno addebitati, successivamente ad Amiu e al Comune di Trani: in tal caso, di chi saranno le responsabilità? E chi pagherà per questi gravi episodi?».
Nel frattempo, «sono stati sanzionati gli autisti - fa sapere il consigliere -, del tutto inconsapevoli, in quanto resisi responsabili di violazioni al Codice della strada per inquinamento. Ebbene, nessuno ha pagato le sanzioni dopo nei termini previsti per legge, e questo comporterà ulteriori addebiti a carico di noi cittadini. Tutto questo - conclude - denotano un modo poco attento e superficiale di condurre un’azienda così importante per la salute dei cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie