Sabato 20 Aprile 2019 | 04:11

NEWS DALLA SEZIONE

È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Il personaggio

Trani, Costantino Baratta, l'eroe di Lampedusa torna nella sua città natale

Sta trascorrendo un periodo di vacanza con la famiglia

Costantino Baratta

Trani Per tutto il tempo della manifestazione non nomina mai Salvini, né fa menzione del governo in carica: si limita ad invocare comprensione ed accoglienza, piuttosto che odio e respingimento. Costantino Baratta, il muratore tranese che da 31 anni risiede a Lampedusa, e che il 3 ottobre 2013 salvò dodici persone dal tragico naufragio di quella mattina al largo dell’isola, è tornato nella sua città natale per trascorrervi una breve vacanza con la famiglia e per l’occasione - accompagnato dalla moglie, Rosa Maria -, è stato insignito della tessera di socio onorario dell’Inter club Trani, essendo da sempre tifoso neroazzurro.

La circostanza è diventata buona per ripercorrere la sua esperienza alla luce dei fatti di oggi, provando a rileggerli secondo un’ottica diversa rispetto alle tante, troppe cose scontate che si dicono e leggono ovunque.
«Ma l’Italia non si chiuderà mai agli immigrati - dice Baratta -, perché è gente che ha bisogno. Speriamo davvero che non si cavalchi quest’ odio, perché i migranti purtroppo scappano da guerre e persecuzioni. Io mi impegnerò sempre ad aiutarli, poi ognuno è libero di fare quello che vuole».

E l’ipotesi di aiutarli a casa loro? «Non è poi così semplice come sembra - risponde Baratta -, perché queste cose le sentivo dire già da ragazzo. Ma la verità è che i nostri governi mandavano sempre soldi in quei paesi, però finivano ai dittatori di turno. Quindi non aiutavano la povera gente che aveva bisogno, ma finanziavano i criminali, ed ecco perché tutti scappano dalle guerre. E poi - aggiunge Baratta -, anche noi italiani non dovremmo più vendere armi a quei paesi, e allora sì che si risolverebbe il problema dell’immigrazione: infatti, non vendendo armi, la gente non fuggirebbe della guerre».

E sempre per la serie “nulla è come sembra“, oggi Lampedusa è un’isola pienamente rilanciata anche dal punto di vista turistico: «La situazione è di totale calma - fa sapere Baratta -, con pochissimi arrivi al contrario di quello che vogliono far credere. A maggior ragione, mi chiedo come un barcone con cento persone oggi crei allarme, quando noi ne abbiamo avute a migliaia e non c’è quasi mai stato alcun allarme».

Oggi Costantino è in vacanza a Trani, ma spesso viaggia perché invitato da licei e scuole superiori di tutta Italia: «Sono stato a Verona, Firenze e Venezia, ad ottobre verranno a Lampedusa numerose scolaresche. Noi trasmettiamo loro l’accoglienza e la possibilità di guardare queste ragazze con occhi diversi. E soprattutto - aggiunge Baratta - raccontiamo loro le storie vere, quelle che noi abbiamo vissuto sulla nostra pelle e condiviso con questi ragazzi».

Storie vere contrapposte alle falsità, quelle che fanno infuriare Baratta: «Troppo facile parlare a distanza e commentare non conoscendo le storie. La ragazza che io ho salvato era stata violentata per tre mesi, ho visto personalmente le cicatrici sui corpi di altri ragazzi che salvai, perché anche loro venivano seviziati. Quando uno, come me, vede queste cose e ascolta queste storie non può esimersi dal raccontarle ed io andrò in giro per tutta l’Italia, se sarà possibile. Finora i ragazzi hanno sempre ascoltato in silenzio, con attenzione. Vuol dire che recepiscono il nostro messaggio di accoglienza: guardare ai migranti con occhi diversi».

Fra un mese sarà il quinto anniversario di quel giorno, di una tragedia diventata simbolo mondiale dell’immigrazione. Come la ricorda, oggi, Costantino Baratta? «Non potrò mai dimenticare quei ragazzi con gli occhi sgranati e fuori dalle orbite, le braccia alzate, le urla per invocare aiuto, tutti che gridavano “help me” e si aggrappavano a tutto ciò che galleggiava, fra bottiglie, pezzi di legno e bidoni vuoti. Ecco perché, a chi chiede di ributtarli in mare, rispondo di venire con noi in mare perché, trovandosi in scene del genere, anche loro avrebbero teso la mano per aiutarli».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400