Martedì 19 Gennaio 2021 | 10:30

NEWS DALLA SEZIONE

Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'emergenza
Covid, a Gallipoli paura per un focolaio in ospedale

Covid, a Gallipoli paura per un focolaio in ospedale

 
Foggianel Foggiano
Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

 
Barile indagini
Bari, inchiesta escort: in 5 rischiano processo per falsa testimonianza su serate con Berlusconi

Bari, inchiesta escort: in 5 rischiano processo per falsa testimonianza su serate con Berlusconi

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
Potenzala protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
MateraControlli della polizia
Pisticci, in auto con con la droga: arrestati due giovani pusher

Pisticci, in auto con la droga: arrestati due giovani pusher

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Dopo la tragedia di Genova

Trani, quel viadotto sulla 16 bis che va in malora: nessuno fa nulla

La Gazzetta ha denunciato più volte lo stato del ponte Lama esposto a un degrado visibile

Trani, quel viadotto sulla 16 bische va in malora: nessuno fa nulla

TRANI - La tragedia del ponte Morandi, a Genova, potrebbe determinare una sorta di psicosi tale da far sembrare pericoloso anche quello che non è. Ma è pur vero che la Gazzetta, lo scorso maggio, aveva rappresentato i potenziali pericoli di alcuni viadotti della strada statale 16 bis, nel tratto compreso fra il ponte Lama e lo svincolo Trani sud, esposti ad un degrado visibile a occhio nudo.

Il giornale, oltre a documentare lo stato dei luoghi, aveva anche interpellato un addetto ai lavori, l’ingegner Nicola Dieta, il cui parere, sebbene rilasciato semplicemente a supporto del lavoro del cronista, lasciava presagire rischi che, a maggior ragione alla luce di quanto accaduto nel capoluogo ligure, sarebbe preferibile non correre rischi procedendo ad un intervento preventivo che sgombri il campo da ogni dubbio.

«Siamo in presenza delle classiche patologie che colpiscono il calcestruzzo armato, in stato di avanzamento comunque preoccupante, dovuto alla mancata manutenzione ordinaria dell’opera». Così scriveva il professionista, esprimendo un parere tecnico in merito al degrado di quei viadotti.

In particolare tre sottovia, realizzati per garantire i percorsi rurali, mostrano i segni del tempo con armature fin troppo in vista in punti, probabilmente, anche abbastanza delicati. All’occhio non certo competente del cronista sembrò di comprendere che, da tempo, non si procedesse ad una manutenzione ordinaria e straordinaria di quei manufatti, circostanza confermata ed illustrata dal professionista.

«Il ponte presenta ammaloramenti diffusi sulle spalle e localizzati in campata - spiega l’ingegner Dieta -, dovuti essenzialmente a fenomeni di infiltrazione e percolazione delle acque provenienti dalla superficie viaria sovrastante. L’acqua, infiltratasi nel tempo attraverso punti di discontinuità della struttura, quali giunti e punti di ancoraggio delle barriere bordo ponte, e attraverso il manto stradale, probabilmente in cattivo stato, ha portato alla formazione di vistosi quadri umidi, con conseguente corrosione delle armature, il cui aumento di volume ha causato l’espulsione del copriferro. Conseguenza immediata è stata la fuoriuscita delle armature, la cui esposizione diretta agli attacchi ambientali ne ha accelerato la corrosione, che nel tempo, vista la conseguente graduale diminuzione della sezione delle stesse, potrebbe provocare rilevanti problemi strutturali dell’intero impalcato».

Sempre secondo quanto osserva il professionista, «questi fenomeni hanno interessato punti localizzati della soletta della campata e dei traversi di ripartizione, ma, apparentemente, non ancora le travi. Sui muri andatori e sulle spalle, invece, gli effetti di tali fenomeni sono più diffusi: infatti si notano, oltre ferri di armatura esposti, anche depositi di sali e vistose macchie scure costituite da sottili strati di alghe e muffe, nonché fenomeni di esfoliazione. In questo caso il degrado è favorito, oltre che dalle infiltrazioni attraverso i giunti, anche e soprattutto dal ruscellamento delle acque piovane provenienti dalla superficie stradale, dalla probabile risalita capillare delle acque dai terrapieni costituenti le scarpate e dalla maggiore esposizione di queste parti della struttura alle piogge e ai fenomeni di gelo e disgelo».

Dal punto di vista strutturale, invece, «non si notano particolari problematiche, visto che gli appoggi delle travi sulle spalle del ponte appaiono garantiti e le travi stesse non sono ancora soggette a fenomeni di degrado rilevanti. Il ponte presenta, quindi - conclude l’ingegner Dieta -, le classiche patologie che colpiscono il calcestruzzo armato, in stato di avanzamento comunque preoccupante, dovuto alla mancata manutenzione ordinaria dell’opera».

Poiché quei cavalcavia appartengono ad un’arteria stradale importante e ad alto tasso di traffico veicolare, anche pesante, secondo il professionista «urgono immediati interventi di ripristino per preservare la staticità e l’integrità della struttura. Si dovrebbe intervenire tramite la rimozione del calcestruzzo ammalorato, la passivazione dei ferri corrosi con idonee malte cementizie anticorrosive, previa spazzolatura e/o sabbiatura degli stessi, ed il ripristino volumetrico del calcestruzzo rimosso».
Cosa è stato fatto, nel frattempo?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie