Giovedì 21 Marzo 2019 | 08:37

NEWS DALLA SEZIONE

Nel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
Casa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
Il Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
L'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
Le dichiarazioni
Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

 
Il caso
Trani, i 65 anni della Lampara festeggiati dai vandali: il locale resta chiuso

Trani, i 65 anni della Lampara festeggiati dai vandali: il locale resta chiuso

 
Operazione della Polizia
Barletta, 4 baby spacciatori in zona del Castello. In manette anche 25enne

Barletta, 4 baby spacciatori in zona del Castello. In manette anche 25enne

 
L'attentato
Trani, incendio doloso in studio commerciale: avvertimento?

Trani, incendio doloso in studio commerciale: avvertimento?

 
Cultura in pericolo
Trani, i libri di Palazzo Vischi assaliti dal degrado: «Bisogna salvarli»

Trani, i libri di Palazzo Vischi assaliti dal degrado: «Bisogna salvarli»

 
Nordbarese
Andria, 20mln di euro per lavori canale Ciappetta-Camaggio

Andria, 20mln di euro per lavori canale Ciappetta-Camaggio

 
Tragedia sfiorata
Il vento fa crollare impalcatura a Barletta: nessun ferito

Il vento fa crollare impalcatura a Barletta: nessun ferito

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

La proposta

Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

Il progetto a basso impatto ambientale sarà illustrato dall'ingegner Aldo Pinto il 16 agosto

Trani, in arrivo un passaggio pedonale alternativo per attraversare i binari

TRANI - Un sistema di passaggio alternativo, da una parte all’altra della strada ferrata. Un transito esclusivamente pedonale, inserito nel paesaggio, a basso impatto ambientale e, soprattutto, dai costi limitati.
È quello che l’ing. Aldo Pinto presenterà giovedì prossimo, 16 agosto, alle 18, presso l’infopoint turistico di piazza Trieste, nell’ambito di un incontro dal titolo «Pensare, immaginare insieme il collegamento del quartiere stadio».
Si parlerà, dunque, dell’alternativa all’ultimo passaggio a livello da sopprimere, quello di via De Robertis, nell’ambito del laboratorio di idee per la città di Trani elaborato dall’associazione, Architauri, di cui lo stesso Pinto è presidente, con la collaborazione di Legambiente, Pro Loco Turenum, Anima terrae, Ciclomurgia, Co.labory, Il colore degli anni e Comitato bene comune.

«Quello di cui parleremo - spiega Pinto - è un nodo nevralgico per il collegamento del quartiere Stadio. Alla luce del progetto approvato, che è quello di un sottopasso pedonale e carrabile ad unica corsia di marcia, in uscita, verso via Palmiro Togliatti, proponiamo un’alternativa a forte vocazione paesaggistica, che permetta di creare un passaggio ciclo/pedonale sopraelevato, inserito all’ interno di un parco verde che si collega con l’esistente di Villa Bini e via Annibale M. di Francia, con discesa pedonale anche su via de Robertis».

Il 4 maggio 2012 il sindaco dell’epoca, Pinuccio Tarantini, poco prima di terminare il suo mandato, inaugurò la confinante Villa Bini. Al suo fianco c’era il geometra Rino Pinto, papà dell’ingegnere autore del progetto: sarà un caso, ma in quell’occasione Tarantini abbozzò in pubblico un progetto di sorvolo della rete ferroviaria molto simile a quello che il professionista presenterà giovedì prossimo.

«Questa proposta renderebbe - spiega l’ingegner Pinto -, quello che adesso è un problema, una piacevole soluzione, verde. Attraversare un parco, piuttosto che un sottopassaggio, aiuterebbe il collegamento del quartiere stadio con il resto della città, creando un punto di forza per il quartiere stesso, un parco verde che funga da passerella ciclopedonale e si viva anche oltre il semplice “passaggio“».

A detta del professionista, inoltre, «questa tipologia di intervento si potrebbe replicare in altre parti della città, per congiungere zone “tagliate” dai binari attraverso parchi verdi sopraelevati e degradanti verso lo quota stradale, con terrazzamenti a gradoni».

Quanto agli automobilisti, che da questo progetto di sentirebbero danneggiati, «mostreremo anche un’ ipotesi di collegamento carrabile utilizzando il ponte di via Istria, con discesa su via Verdi, con lo studio della relativa viabilità».
Il laboratorio di idee viene definito «aperto a tutti, soprattutto a chiunque proponga modifiche costruttive, per valutarne insieme la fattibilità. Le associazioni che partecipano al progetto ed al laboratorio di idee - conclude Pinto -, sono a vocazione ambientale e, pertanto, si cercherà sempre più di sviluppare progetti considerando l’inserimento del verde in città».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400