Mercoledì 24 Ottobre 2018 | 05:27

NEWS DALLA SEZIONE

Puglia
Regione, nuove accuse sugli appaltiLiviano: ai soliti. Capone: ora querelo. Pugliapromozione: smentito dai dati

Regione, nuove accuse sulle gare. Liviano: ai soliti. Capone: querelo. Pugliapromozione: ecco i dati

 
Al Libertà
Bari, picchia i vigili che multano donna per i rifiuti: «Chi siete voi?»

Bari, picchia i vigili che multano
donna per i rifiuti: «Chi siete voi?»

 
L'annuncio
Bari, per il ministero: «Giustizia più rapida con gestione digitale delle pratiche»

Palagiustizia, Ministero: «Processi più rapidi con le pratiche digitali»

 
Delinquenza minorile
Bari, scippano la borsa ad una donna in pieno giorno: denunciati 3 minorenni

Bari, scippano la borsa ad una donna in pieno giorno: denunciati 3 minorenni

 
Lo studio del Sole 24 ore
Crimini in calo fra Bari e provincia

Crimini in calo fra Bari e provincia

 
Denunciato un ristoratore
Polignano, nel menu tonno frescoA tavola prodotto scaduto e scongelato

Polignano, nel menu tonno fresco, a tavola prodotto scaduto e scongelato

 
L'ultimo saluto
Incidente a Libertà, muore 17enne: «Ciao Andrea, ci mancherà il tuo sorriso»

Incidente a Libertà, muore 17enne: «Ciao Andrea, ci mancherà il tuo sorriso»

 
emergenza roghi
Terra dei fuochi, in prima linea i comitati e le associazioni

Terra dei fuochi anche a Bari: in prima linea i comitati e le associazioni

 
Ad Altamura (Ba)
Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

Cava abusiva sequestrata nel Parco dell'Alta Murgia

 
Ad acquaviva delle fonti (Ba)
Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari un 34enne

Nascondeva eroina in un muretto a secco: ai domiciliari un 34enne

 
L'evento annullato
Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si farà e scoppia la polemica

Noci, «Bacco nelle Gnostre» non si fa, polemica

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

A Bari

Bloccato in Porto, commerciante
rischia estrazione in Tunisia

L'uomo, campano, non sapeva di essere ricercato per riciclaggio: era socio di minoranza di una società che commercializzava coralli. Per ora stop all'estradizione

porto di Bari

Un imprenditore campano rischia l'estradizione in Tunisia per presunti illeciti commessi quando, anni fa, era socio di una azienda specializzata nella compravendita di coralli. L’uomo, un 71enne della provincia di Avellino, è stato arrestato due giorni fa nel porto di Bari, dove si stava imbarcando per l’Albania in compagnia del figlio, perché destinatario di una richiesta di arresto da parte dell’autorità giudiziaria tunisina risalente all’aprile del 2013, nell’ambito di una indagine di cui fino a questo momento non sapeva nulla.
All’imprenditore, oggi in pensione, si contestano i reati di associazione per delinquere finalizzata a riciclaggio, truffa a falso. L’uomo fino a circa quattro anni fa era socio di minoranza di una società con sede a Tunisi che si occupava di compravendita di coralli ed era tornato definitivamente in Italia nel marzo del 2013.
Il 9 novembre scorso la Polizia di Frontiera gli ha notificato nel porto di Bari la richiesta di arresto ai fini di estradizione e lo ha condotto in carcere. La misura cautelare è stata poi convalidata ma, all’esito dell’interrogatorio nell’udienza dinanzi alla Corte di Appello di Bari per l'eventuale consenso all’estradizione, i giudici hanno disposto la scarcerazione del 71enne, sostituendo la misura con il divieto di espatrio e il sequestro del passaporto, l’obbligo di dimora nel suo Comune di residenza e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
L’imprenditore, difeso dall’avvocato Fabio Schino, si è infatti opposto all’estradizione - tra l’altro non prevista dagli accordi bilaterali fra Italia e Tunisia - e la questione sarà discussa nel merito solo dopo che l’autorità giudiziaria tunisina avrà inviato a Bari gli atti relativi al procedimento penale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400