Venerdì 22 Febbraio 2019 | 13:30

NEWS DALLA SEZIONE

Salute femminile
Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

 
Tecnologia
È Turi la città con la differenziata più «smart» di Puglia: schizza all'82,32%

È Turi la città con la differenziata più «smart» di Puglia: schizza all'82,32%

 
Dopo il comizio di martedì
Bari, Salvini querelato dai genitori del rapinatore ucciso da Balducci: «Ci ha offeso»

Bari, Salvini querelato dai genitori del rapinatore ucciso da Balducci:
«Ha offeso noi e Giacomo»

 
il fenomeno
Bari, reddito di cittadinanza: caos e disinformazione

Bari, reddito di cittadinanza: caos e disinformazione

 
Ambiente
Bari, in arrivo il Treno verde di Legambiente per misurare la qualità dell'aria

Bari, in arrivo il Treno verde di Legambiente per misurare la qualità dell'aria

 
I fatti nel 2017
Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

 
Premiato a Rimini
Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

 
L'iniziativa
Sconti di 250 euro per chi compra una bici: incentivi a Bari

Sconti di 250 euro per chi compra una bici: incentivi a Bari

 
Operazione dei cc
Maxisequestro di droga a Bari Vecchia, in manette anche un'anziana

Maxisequestro di droga a Bari Vecchia, in manette anche un'anziana

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeSalute femminile
Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

 
TarantoL'arresto
Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari un imprenditore tarantino

Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari un imprenditore tarantino

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
HomeLa scoperta della Gdf
Lecce, maxi frode fiscale di oltre 12 mln con gli imballaggi: 3 arresti

Lecce, maxi frode fiscale da 14 mln: 3 arresti, tra cui noto imprenditore di Presicce VD

 
PotenzaEconomia
Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

la denuncia

Amianto, a Bari
situazione allarmante
400 morti per la Fibronit

Ezio Bonanni

Ezio Bonanni

BARI - «La situazione pugliese ed in particolare quella di Bari è molto allarmante perché abbiamo riscontrato un’alta incidenza di mesoteliomi tra gli abitanti delle zone limitrofe l’ex azienda cementifera Fibronit». Lo ha spiegato Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio nazionale amianto, parlando oggi a Bari con i giornalisti durante la presentazione del Centro Studi sull'Amianto, creato in partnership tra l’Ona e il Dipartimento di Diritto del Lavoro dell’Università di Bari.

Dopo aver fatto tappa ieri a Brindisi e Taranto, l’Ona tocca tra oggi e domani anche Bari e Foggia, «città pugliesi che soffrono - ha ricordato Bonanni - di un alto numero di casi di patologie asbesto correlate». «A Bari stimiamo in 400 i decessi causati dall’amianto nella Fibronit tra i dipendenti e cittadini esposti intorno alla fabbrica - ha aggiunto Bonanni - ed in zona abbiamo registrato due nuovi casi di mesotelioma che hanno colpito un dipendente delle poste addetto alla consegna di pacchi ed un operatore ecologico». «Più in generale assistiamo ad un aumento dell’incidenza di patologie tumorali, respiratorie e cardiache. Ci sono due epicentri, Taranto e Bari, ed in parte poi anche Brindisi e Foggia. In Puglia poi - ha sottolineato - c'è anche un problema legato all’uso di amianto nelle condotte degli acquedotti».

«Quando parliamo della presenza d’indicatori di una futura pandemia ci riferiamo all’aumento del numero dei casi non solo di mesotelioma, ma anche di altri tumori e patologie. Siamo convinti che sia - ha evidenziato Bonanni - la prevenzione primaria, che mira a evitare l’insorgere delle malattie individuando ed eliminando i fattori causali, la strada giusta». «Anche il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, intervenendo ieri in video a Taranto - ha concluso - ha fatto propri i principi di prevenzione dell’Ona e di questo siamo grati, perché occorre evitare future esposizioni ai cancerogeni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400