Martedì 07 Aprile 2020 | 06:57

NEWS DALLA SEZIONE

L'ordinanza
Bari, sindaco ordina chiusura dei negozi a Pasqua e Pasquetta

Bari, sindaco ordina chiusura dei negozi a Pasqua e Pasquetta

 
La decisione
Popolare Bari, il Riesame: Jacobini registi degli affari illeciti

Popolare Bari, il Riesame: Jacobini registi degli affari illeciti. Difesa: nessuna motivazione sui gravi indizi

 
Coronavirus
Decaro frena su obbligo mascherine: «Non credo dipenda da un sindaco, spetta allo Stato»

Decaro frena su obbligo mascherine: «Non credo dipenda da un sindaco, spetta allo Stato»

 
L'annuncio
Emergenza Covid 19: Asl cerca medici volontari per il Miulli

Emergenza Covid 19: Asl Bari cerca medici volontari per il Miulli

 
Il video
Bari, i vigilantes del Policlinico in prima linea contro il Covid 19

Bari, i vigilantes del Policlinico in prima linea contro il Covid 19

 
La proposta
Tintarella addio? Macchè, c’è chi la soluzione ce l’ha

Coronavirus a Bari, dopo l'emergenza tintarella addio? Macchè, c’è chi la soluzione ce l’ha

 
Il caso
Coronavirus Bari, Copagri denuncia: «Agricoltore fermato mentre va nei campi»

Coronavirus Bari, Copagri denuncia: «Agricoltore fermato mentre va nei campi»

 
#Vogliamorespirare
Monopoli, microplastiche nell'aria e puzza: sequestrato opificio

Monopoli, microplastiche nell'aria e puzza: sequestrato opificio

 
L'iniziativa
Noci, cantastorie sui social, la quarantena passa in fretta

Noci, ex maestra diventa cantastorie sui social: la quarantena passa in fretta

 
Coronavirus
Bari, donate 3500 mascherine all'Oncologico. Laricchia a Emiliano: «Dpi davanti ai market»

Bari, donate 3500 mascherine all'Oncologico. Laricchia a Emiliano: «Dpi davanti ai market»

 

Il Biancorosso

Storia biancorossa
Il magico aprile del Bari di Klas

Il magico aprile del Bari di Klas

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'ordinanza
Bari, sindaco ordina chiusura dei negozi a Pasqua e Pasquetta

Bari, sindaco ordina chiusura dei negozi a Pasqua e Pasquetta

 
BrindisiSolidarietà
Coronavirus, Eni dona mascherine e respiratori ad Asl di Brindisi e Taranto

Coronavirus, Eni dona mascherine e respiratori ad Asl di Brindisi e Taranto

 
PotenzaL'emergenza
Potenza, muore 77enne al San Carlo per Covid: fu il primo potentino ricoverato

Potenza, muore 77enne al San Carlo per Covid: fu il primo potentino ricoverato

 
TarantoDa mercoledì
Castellaneta, chiude ospedale per sanificazione: oltre 30 contagiati tra personale sanitario

Castellaneta, chiude ospedale per sanificazione: oltre 30 contagiati tra personale sanitario

 
LecceIl virus
Coronavirus, salgono a 9 gli anziani morti in Rsa in Salento

Coronavirus, salgono a 9 gli anziani morti in Rsa di Soleto in Salento

 
FoggiaI controlli
Carapelle, taglio e piega in casa delle clienti: denunciata parrucchiera

Carapelle, taglio e piega in casa delle clienti: denunciata parrucchiera

 
BatL'idea
Barletta, #Uscirnesipuò parte l’asta di beneficenza anti Covid-19

Barletta, #Uscirnesipuò parte l’asta di beneficenza anti Covid-19

 
MateraOltre l’emergenza
Matera, Festa della Bruna «Solo il carro e i pezzi all’asta»

Matera, per la Festa della Bruna: «solo il carro e i pezzi all’asta»

 

i più letti

trasporti

Bari-Napoli in 3 ore e mezza: dal 28 marzo il treno diretto

Due coppie di collegamenti al giorno per sfidare gli autobus

Bari-Napoli in 3 ore e mezzo: dal 28 marzo il treno diretto

Due coppie di treni al giorno per collegare direttamente Bari e Napoli in tre ore e mezza. Con una scommessa: fare concorrenza ai bus, che sono il mezzo di trasporto di massa più utilizzato tra le due maggiori città del Sud continentale. Si parte il 28 marzo, come più o meno annunciato a dicembre dal ministro Paola De Micheli. La novità è, appunto, che ci saranno due coppie al giorno «no stop».
Trenitalia ha definito la programmazione che sarà caricata nei sistemi di vendita nei prossimi giorni ma che è già stata inserita nei turni del personale di condotta. La prima coppia partirà da Bari alle 6,50 con arrivo a Napoli alle 10,20 (prenderà la sigla Ic 640), e ripartirà alle 19,05 per tornare nel capoluogo pugliese alle 22,40 (Ic 641). La seconda coppia partirà da Napoli alle 7,06 con arrivo a Bari alle 10,41 (Ic 647), e ripartirà alle 18,30 arrivando alle 22,05 (Ic 642). Si tratterà di treni classificati come Intercity, e bisognerà capire con quali materiali verrà effettuata perché la linea tra Caserta e Napoli (oggi utilizzata solo dai treni regionali della Campania) ha alcune limitazioni.

L’ultimo treno diretto sulla relazione Bari-Napoli risale a fine anni ‘90: oggi per andare tra i due capoluoghi di regione è necessario cambiare a Caserta impiegando fino a 7 ore. Il motivo è, appunto, la scarsa appetibilità rispetto ai bus, che coprono il percorso in poco più di tre ore a costi molto competitivi e con un comfort elevato. Non è un caso se il nuovo treno «no stop» salterà la stazione di Foggia (utilizzando il «baffo» di Cervaro), perché dal capoluogo dauno è ritenuto di gran lunga più conveniente il percorso su gomma. Tuttavia il treno offre vantaggi evidenti soprattutto in condizioni di cattivo tempo, e una politica dei biglietti aggressiva potrebbe creare le condizioni giuste: anche perché le due coppie sono calibrate per la trasferta in giornata, una per chi parte da Bari e una per chi si muove da Napoli, e potrebbero avere una utilità anche in chiave turistica.
L’avvio del treno diretto è atteso da molti mesi. La prima ipotesi, poi sfumata a quanto sembra per l’indisponibilità di tracce (lo spazio sui binari) era che si partisse in dicembre. Tra gli sponsor principali c’è il sindaco di Bari, Antonio Decaro che ha fatto pressing sulla De Micheli: prima di Natale il ministro - preso un po’ in contropiede dall’appello pubblico di Decaro - annunciò appunto che si sarebbe partiti a marzo. Decaro è anche stato il principale sponsor del diretto Bari-Roma, ottenuto grazie al ministro Delrio e poi sostanzialmente eliminato un po’ per motivi di mercato un po’ per tenere conto di altre sensibilità politiche.

L’intervento da 6 miliardi per l’alta capacità ferroviaria tra Bari e Napoli (che riguarda quasi interamente il territorio campano) permetterà di aumentare la velocità di percorrenza fino a 250 km l’ora e quindi di coprire il percorso diretto in tre ore e mezza. L’attivazione entro il 2026, che è l’obiettivo ufficiale di Rfi, è però destinata a slittare per via dell’obiettiva complessità dell’intervento, in particolare della galleria sotto l’Irpinia che è il cuore del nuovo itinerario e richiede da sola circa 7 anni di lavori: dopo molte difficoltà il progetto è stato approvato, ma è in attesa del completamento della dotazione finanziaria che consentirà la pubblicazione della gara d’appalto. Nel frattempo l’unica possibilità resta l’utilizzo della linea attuale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie