Sabato 29 Febbraio 2020 | 08:48

NEWS DALLA SEZIONE

l'emergenza
Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

 
a picone
Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

 
Do ut des
Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolati»

Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolari»

 
Ironia sul web
Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata da Rimbamband e Renato Ciardo

Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata dalla Rimbamband

 
La recensione
Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

 
La curiosità
Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

 
La curiosità
Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

 
Le indagini
Bari, disposto incidente probaborio sui resti di Margherita, la 50enne polacca

Bari, disposto incidente probaborio sui resti di Margherita, la 50enne polacca

 
L'iniziativa
Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, Monopoli e Potenza: il secondo posto infiamma

Bari, Monopoli e Potenza: il secondo posto infiamma

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
Manfredonia, rubò fucili e gioielli da casa della ex, ma perse un bracciale durante il furto: preso insieme a un complice

Manfredonia, rubò fucili e gioielli da casa della ex, ma perse un bracciale durante il furto: preso insieme a un complice

 
LecceL'allarme
Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 
Materarifiuti
Matera, il grande pasticcio della differenziata

Matera, il grande pasticcio della differenziata

 

i più letti

l'iniziativa

Bari, la domenica a S.Croce una messa in inglese dedicata agli stranieri

Tra Bari e provincia al momento ci sono oltre 48mila stranieri

Bari, la domenica a S.Croce una messa in inglese dedicata agli stranieri

Inclusione è anche una messa celebrata in una lingua straniera. È quanto accade ogni domenica alla parrocchia di Santa Croce dove si tiene una funzione religiosa in inglese e poi si pranza tutti insieme. «Lo facciamo per 35 migranti che vivono così la nostra comunità», spiega con semplicità il parroco don Vito Marziliano.
Un abbraccio, una mano tesa quello che spesso serve per includere e non escludere, tanto che proprio Santa Croce è il luogo dove è stato presentato il XXVIII Rapporto Immigrazione a cura della Caritas diocesana e Fondazione Migrantes.
«Un rapporto che punta con i suoi numeri a rivedere un po' di stereotipi che ci sono stati serviti da una certa retorica», spiega il suo curatore Simone Varisco.

E uno dei concetti che vengono smontati subito è che no, non è in atto nessuna invasione dell'Italia e dell'Europa, tanto che i flussi migratori che si muovono nel Mediterraneo, e vedono spesso la Puglia in prima linea, non rientrano neanche tra i primi 5 corridoi internazionali attraverso cui transitano milioni di migranti tra Asia, Africa ed Americhe.
«Per essere più chiari tra Bari e provincia sono al momento residenti 48.058 cittadini stranieri che rappresentano il 3,4% della popolazione totale – sottolinea Varisco -. Stiamo parlando di stranieri regolarmente residenti, che hanno un lavoro, mandano i loro figli a scuola, usano il sistema sanitario, pagano le tasse. Il dato è ufficiale aggiornato al primo gennaio 2019 da rilevazioni Istat».
La percentuale barese è identica al dato regionale: in Puglia vivono 138.811 stranieri e la nostra regione è la 19ª su 21 per incidenza di stranieri sulla sua popolazione totale.

«Voglio sottolineare che questo Rapporto non ha conteggiato i flussi migratori che spesso troviamo sui giornali – spiega Varisco –, qui non ci sono i barconi e gli sbarchi. Invece stiamo parlando di tutti quei cittadini stranieri che vivono al nostro fianco da tempo, che troviamo accanto a noi quando andiamo al cinema, che sognano il loro presente e futuro in Italia. Abbiamo fatto una scelta in tal senso per documentare come, quando si parla di “stranieri” o “extracomunitari”, in realtà si parla di problemi generali. I concetti di povertà, lavoro, inclusione coinvolgono tutti noi. Ecco perché nel titolo di questo XXVIII Rapporto è specificato “Non si tratta solo di migranti” e nella copertina si trovano foto sorridenti di italiani e stranieri. Spesso questi “stranieri” vivono i nostri stessi problemi, di conseguenza comprendendo ed affrontando le loro difficoltà, di fatto significa risolvere i problemi di tutti noi, così come avviando percorsi di inclusione significa attrarre ricchezza anche per noi».
In Italia vivono poco più di 5 milioni di stranieri, quasi la stessa cifra di italiani che vivono stabilmente all'estero. La loro incidenza è l'8,7% rispetto alla popolazione totale (in Puglia e a Bari è solo il 3,4%).

Provengono prevalentemente dalla Romania, Albania, Marocco, Cina e Ucraina. In Puglia invece di cittadini ucraini è più massiccia la presenza di senegalesi.
«A questi 5 milioni si devono aggiungere circa 5-600mila immigrati irregolari – dice Varisco -. Anche solo questi numeri fanno capire che né l'Italia, né la Puglia vivono alcuna “invasione”. Il fenomeno migratorio è molto vario e se in questi ultimi anni è pressante il messaggio che i nostri territori sono presi d'assalto, in realtà non è così. Appartengono a gruppi come i romeni o gli albanesi, che vivono in Italia da anni, per il 60% lavorano con impieghi regolari, anche se spesso di tipologia inferiore rispetto ai loro titoli di studio. Hanno lauree non riconosciute nel nostro Paese e per questo motivo fanno le badanti, i pizzaioli o i camerieri. Un po' come succede ai nostri giovani all'estero e questo può creare stati di frustrazione. Per i lavori che svolgono vengono pagati meno degli italiani e questo scatena quelle guerre tra poveri, per le quali li si accusa di rubare il lavoro agli italiani. In realtà quello che manca è il controllo che tutto venga svolto secondo la legge».

Scorrendo le pagine del Rapporto emergono altri dati interessanti: in Puglia il 10% delle imprese sono rette da extracomunitari. «Si tratta di piccolissime realtà, commerciali o di servizio, spesso avviate per sfuggire allo sfruttamento».
«Mi rendo conto che leggere un Rapporto come questo può alimentare la noia di vedere tutti questi numeri – spiega Varisco -. I dati sono noiosi, non ci coinvolgono se non vengono spiegati, ma sono l'unica base certa per un ragionamento non ipotetico. In questi ultimi anni invece è cambiata un po' la sensibilità, si preferisce ragionare di pancia. È quello che accade sui social».
Il problema insomma non è nell'accoglienza, ma nella corretta gestione dell'accoglienza che non deve alimentare allarmi, ma coinvolgere tutti.
«Faccio un altro esempio: quando si affronta la povertà non si deve scatenare la polemica del “prima gli italiani”, ma prima i poveri. Se poi i poveri sono in parte i migranti non significa che rubano risorse, ma che semplicemente sono i più fragili a cui si deve tendere una mano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie