Lunedì 09 Dicembre 2019 | 16:34

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Bari, tenta di truffare il Fondo per le vittime di estorsione: ristoratore rinviato a giudizio

Bari, tenta di truffare il Fondo per le vittime di estorsione: ristoratore rinviato a giudizio

 
nel Barese
Bitonto, passeggia in centro con la droga nella borsa della spesa: arrestato

Bitonto, passeggia in centro con la droga nella borsa della spesa: arrestato

 
Lo spostamento
Bari, rinviato al prossimo 4 gennaio il concerto di Massimo Ranieri

Bari, rinviato al prossimo 4 gennaio il concerto di Massimo Ranieri

 
il macchinario
Xylella, Uniba presenta macchinario che elimina dal terreno uova sputacchina

Xylella, un getto di vapore per eliminare la sputacchina: progetto Uniba

 
La cena del cuore
Metti una sera a cena con i bimbi autistici dietro i fornelli

Metti una sera a cena a Bari con i bimbi autistici dietro i fornelli

 
Blitz nella notte
Bari, sosta selvaggia per la movida: 50 multe nella zona Umbertina

Bari, sosta selvaggia per la movida: 50 multe nella zona Umbertina

 
L'iniziativa
Musica al Petruzzelli: ecco la Notte di San Nicola per i ragazzi

Bari, musica al Petruzzelli: ecco la Notte di San Nicola per i ragazzi

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Il Bari aggancia il Potenza: la partita giocata in casa finisce 2-1

Il Bari aggancia il Potenza: il match finisce 2-1. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaSanità
«San Carlo» Potenza, c'è la copertura finanziaria 2020 per tutto il personale

«San Carlo» Potenza, c'è la copertura finanziaria 2020 per tutto il personale

 
BariLa decisione
Bari, tenta di truffare il Fondo per le vittime di estorsione: ristoratore rinviato a giudizio

Bari, tenta di truffare il Fondo per le vittime di estorsione: ristoratore rinviato a giudizio

 
Leccecrolli nel salento
San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

 
FoggiaL'estorsione
Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

 
Batnordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

la sentenza

«Il boss barese può vedere la tv fino a notte fonda»: Cassazione, i reclusi al 41bis hanno diritto a informarsi

Mimmo Strisciuglio, recluso a Sassari, aveva contestato il regolamento interno del carcere, ma il ministero ha fatto ricorso

«Il boss barese può vedere la tv fino a notte fonda»: Cassazione, i reclusi al 41bis hanno diritto a informarsi

Che nella cella di massima sicurezza in cui è detenuto il boss barese Domenico Strisciuglio la Tv resti accesa per tutto il tempo che desidera. Anche tutta la notte. In nome del diritto ad informarsi, e anche - perché a no - a svagarsi un po’. A stabilirlo, sia pure indirettamente, è la Corte di Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato contro la decisione del Tribunale di Sorveglianza di Sassari che sostanzialmente autorizzava il boss, detenuto in Sardegna in regime di carcere duro, a tenere accese la televisione dalle 24 alle sette del mattino. La casa circondariale di Sassari, il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria e il ministero della Giustizia che avevano appellato la decisione se ne devono fare una ragione.

Mimmo Strisciuglio detto «La Luna», capo storico di uno dei clan più agguerriti di Bari, assistito dall’avvocato Massimo Roberto Chiusolo, si era rivolto al magistrato di sorveglianza di Sassari contestando il regolamento interno del carcere sardo che impediva ai ristretti come lui in regime di carcere duro di potere vedere la Tv in cella anche a notte fonda. Il magistrato di Sorveglianza gli dà ragione. La disposizione limitativa, questa è la tesi, era in conflitto con lo stesso regime del carcere duro e non era giustificata da ragioni di sicurezza. Né può essere adottata come giustificazione la circostanza che con la «tele» accesa ci fosse il rischio di disturbare gli altri detenuti. «Si trattava di un irragionevole sacrifico dell’interesse di disporre della Tv come mezzo di informazione e intrattenimento tanto più inflittivo poiché applicato a detenuti costretti dentro le celle per ben 21 ore al giorno», si legge nelle carte dove si parla di diritto all’informazione ma anche di un vero e proprio diritto «allo svago ed al relax».

Motivazioni ritenute esaurienti anche dal Tribunale di Sorveglianza sardo che ha confermato la decisione. In caso contrario, sarebbe stato «leso sia il diritto all’informazione e alla cultura, esercitabile in qualunque ora del giorno e della notte». E poi c’è anche un problema di «parità di trattamento», lì dove risulta che «le stesse limitazioni non si applicano agli altri ristretti». Se non proprio un vero e proprio «eccesso di potere», poco ci manca. Un divieto, quello della tv a tarda ora che non solo non è previsto nel decalogo del carcere duro, ma che contrasta con il 41 bis.
Carcere di Sassari, Dap e ministero della Giustizia però non ricorrono in Cassazione. Il Supremo Collegio non è neanche entrato nel merito della legittimità. Altre circolari interne al Dap, infatti, prevedono che la norma incriminata sul divieto non ha più effetto alcuno. Di qui la «carenza di interesse». Tv accesa tutta notte nella cella di Mimmo Strisciuglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie