Lunedì 25 Maggio 2020 | 23:36

NEWS DALLA SEZIONE

La richiesta
Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

 
La lettera
Bari, l'appello di un commerciante: «Io e la mia famiglia guariti dal Covid, ora ci ucciderà la crisi»

Bari, appello di un commerciante: «Io e la mia famiglia guariti dal Covid, ora ci ucciderà la crisi»

 
FASE 2
Bari, sui bus senza mascherina, scattano i controlli

Bari, sui bus si sale senza mascherina e scattano i controlli

 
Il caso
Mafia a Bari, uccise 16enne innocente, ora torna in cella: accusato di detenzione di armi

Mafia a Bari, uccise 16enne innocente, ora torna in cella: accusato di detenzione di armi

 
Fase 2
«A Capitolo andranno forte le pagode privé»

Prove per l'estate: a Capitolo andranno forte le pagode privé

 
La denuncia
Bari, assembramenti allo sportello Asl: interviene la Polizia. Picaro (Lega): «Situazione vergognosa»

Bari, assembramenti allo sportello Asl: interviene la Polizia. Picaro (Lega): «Situazione vergognosa»

 
TRAGEDIA SFIORATA
Molfetta, minaccia di lanciarsi dal tetto dell’ospedale

Molfetta, minaccia di lanciarsi dal tetto dell’ospedale: a salvarlo il sindaco

 
La novità
Bari vecchia, le edicole votive candidate ai Luoghi del Cuore Fai: patrimonio storico

Bari vecchia, le edicole votive candidate ai Luoghi del Cuore Fai: patrimonio storico

 
Fase 2
Ingressi contingentati, mascherine e distanza: riapre oggi il Circolo della Vela Bari

Ingressi contingentati, mascherine e distanza: riapre oggi il Circolo della Vela Bari

 
CORONAVIRUS
Bari, monopattini e bighe elettrici, la nuova mobilità post pandemia. Più piste ciclabili, isole pedonali più estese e un ripensamento dei marciapiedi, non più dedicati all’esclusivo transito delle pe

Bari, monopattini e «bighe» elettrici: ecco la nuova mobilità post-pandemia

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
BariLa richiesta
Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

 
FoggiaA Borgo Mezzanone
Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 
Batnella bat
Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

 

i più letti

L'inchiesta

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Scarseggia il personale e anche i posti letto: parla il direttore del Pronto Soccorso, Carlo Marzo

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Il suono di una sirena di un’ambulanza del «118» fende l’aria mentre il mezzo fa ingresso lungo il vialetto che conduce al pronto soccorso dell’ospedale Di Venere, a Carbonara. Rumori secchi e metallici delle portiere che si spalancano, volti severi degli operatori mentre la lettiga trasporta un uomo anziano che ha un collare a protezione delle vertebre cervicali. E’ la normale routine in un pronto soccorso.

Tuttavia, tra medici e infermieri lo stress è davvero palpabile. La caposala non vuole parlare, non una sola sillaba ma le si legge in viso che è stanca. Il direttore del pronto soccorso, Carlo Marzo, invece decide di interloquire col cronista. Ed è uno sfogo che somiglia alla piena di un fiume. Proprio la settimana scorsa un medico ha subito un tentativo di strangolamento in pronto soccorso da parte di un malato psichiatrico. «Con una catenina in oro tentò di strangolarlo e per fortuna la catenina si spezzò. Purtroppo, in Puglia i malati psichiatrici vengono condotti in pronto soccorso invece che, come dice la legge, nei presidi territoriali, i servizi psichiatrici di diagnosi e cura per quel tipo di patologie. Vengono abbandonati in un pronto soccorso», dice Marzo.

«Purtroppo, in base a un regolamento regionale del 2011 è previsto il trasporto presso il pronto soccorso, un regolamento che va contro la legge europea. Presenterò una denuncia alla Corte di giustizia europea dell’Aia», aggiunge. Le parole e le frasi si susseguono rapidamente. «La situazione è insostenibile. Non è il primo caso, è la regola. Solo che se una persona ti aggredisce e non è in stato di follia puoi chiamare la polizia, ma per chi è paziente psichiatrico dovremmo fare opera di prevenzione».
Poi il discorso si amplia. «Il pronto soccorso è diventato una trincea quotidiana. Non ci sono medici, scarseggia il personale, non ci sono posti letto, la gente è costretta a subire lunghe assenze e ha difficoltà nel trovare una sistemazione e soluzioni, in casi particolari sembrano perdere il controllo di sé stessi, specie se si tratta di persone un po’ particolari. La situazione sta gravemente peggiorando».

Il tono è di chi nemmeno protesta ma in modo rassegnato rappresenta solo una situazione. «Pensi che adesso i concorsi riservati a medici che vogliano lavorare nei pronto soccorsi vanno deserti perché nessuno vuole più lavorare qui. Tra 5 anni non ci saranno medici a sufficienza per i pronto soccorso. I più anziani vanno in pensione ma sarà difficile trovare medici giovani che vogliano lavorare». I motivi? «Guadagni meno dei medici di reparto per cui non c’è alcun motivo per lavorare; corri rischi di prendere botte, rischi professionali alti, hai un sovraccarico di lavoro e per giunta per 4 soldi. E chi ce lo fa fare?».

Poi una richiesta. «Scriva che è una situazione vergognosa, di mancanza di gestione della situazione a livello regionale. Chi gestisce queste situazioni non è proprio a conoscenza di queste problematiche». Tutto oggi si scarica quindi sul pronto soccorso. «La medicina di base non funziona come dovrebbe, lo stesso dicasi per le visite ambulatoriali - incalza -. Il servizio non è adeguato e sufficiente alle esigenze della popolazione. La competenza e la preparazione ci sono ma i servizi sono carenti. A quel punto, il cittadino va dove trova risposte. Se uno ha una urgenza e non trova il medico curante, se deve fare un elettrocardiogramma e ti fanno aspettare 8 o 10 mesi per una visita cardiologica che fa? Io lo capisco, va dal pronto soccorso». È una valvola di sfogo. «L’acqua va dalla montagna al mare, dove trova spazio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie