Giovedì 17 Ottobre 2019 | 17:44

NEWS DALLA SEZIONE

Gli accertamenti
Monopoli, case vacanza non autorizzati: sequestrato bar abusivo dalla Polizia locale.

Monopoli, case vacanza non autorizzate: sequestrato bar abusivo dalla Polizia locale

 
Dai Carabinieri
Castellana, spacciavano in casa: arrestati madre e figlio

Castellana, spacciavano in casa: arrestati madre e figlio

 
Dalla Gdf
Bari, con moglie e figlio nasconde 3 chili eroina in valigia: arrestato napoletano all'Aeroporto

Bari, con moglie e figlio nasconde 3 chili eroina in valigia: arrestato napoletano all'Aeroporto

 
Agguato in serata
Bitritto, spari tra la folla: ferite due persone, grave un pregiudicato

Bitritto, spari tra la folla: ferite due persone, grave un pregiudicato Foto

 
A Bari
Canta in via Sparano per studiare in Puglia: l'odissea di un soprano russo

Canta in via Sparano per studiare in Puglia: l'odissea di un soprano russo

 
lavoro
Bitritto, sciopero Solution 30 Italia: in 99 rischiano il posto

Bitritto, sciopero Solution 30 Italia: in 99 rischiano il posto

 
nel Barese
Corato, rapinarono negozio in centro: arrestati padre e figlio

Corato, rapinarono negozio in centro: arrestati padre e figlio

 
nel Barese
Casamassima, rapina, furti d'auto ed estorsioni al centro commerciale: 51enne in carcere

Casamassima, rapina, furti d'auto ed estorsioni al centro commerciale: 51enne in carcere

 
sanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
nel primo pomeriggio
Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

 

Il Biancorosso

lega pro
Sabbione, il Bari ha un bomber «di scorta», già tre reti per lui

Sabbione, il Bari ha un bomber «di scorta», già tre reti per lui

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaStalking
Foggia, dai domiciliari continua a perseguitare la ex: in carcere 29enne

Foggia, dai domiciliari continua a perseguitare la ex: in carcere 29enne

 
TarantoLunedì
Taranto, ministro Fioramonti a inaugurazione anno scolastico

Taranto, ministro Fioramonti a inaugurazione anno scolastico

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, 3 ordinanze per dossieraggio e corruzione: in manette l'avvocato De Bonis

Potenza, corruzione e mazzette: 3 arresti, anche un noto avvocato. Preso telefono di Pittella

 
BariGli accertamenti
Monopoli, case vacanza non autorizzati: sequestrato bar abusivo dalla Polizia locale.

Monopoli, case vacanza non autorizzate: sequestrato bar abusivo dalla Polizia locale

 
BrindisiLe indagini
Brindisi, una fucilata tra i bambini prima del delitto Carvone: altri due arresti

Brindisi, una fucilata tra i bambini prima del delitto Carvone: altri due arresti

 
LecceIncidente mortale
Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

 
BatDanza
«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 

i più letti

L'inchiesta

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Scarseggia il personale e anche i posti letto: parla il direttore del Pronto Soccorso, Carlo Marzo

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Il suono di una sirena di un’ambulanza del «118» fende l’aria mentre il mezzo fa ingresso lungo il vialetto che conduce al pronto soccorso dell’ospedale Di Venere, a Carbonara. Rumori secchi e metallici delle portiere che si spalancano, volti severi degli operatori mentre la lettiga trasporta un uomo anziano che ha un collare a protezione delle vertebre cervicali. E’ la normale routine in un pronto soccorso.

Tuttavia, tra medici e infermieri lo stress è davvero palpabile. La caposala non vuole parlare, non una sola sillaba ma le si legge in viso che è stanca. Il direttore del pronto soccorso, Carlo Marzo, invece decide di interloquire col cronista. Ed è uno sfogo che somiglia alla piena di un fiume. Proprio la settimana scorsa un medico ha subito un tentativo di strangolamento in pronto soccorso da parte di un malato psichiatrico. «Con una catenina in oro tentò di strangolarlo e per fortuna la catenina si spezzò. Purtroppo, in Puglia i malati psichiatrici vengono condotti in pronto soccorso invece che, come dice la legge, nei presidi territoriali, i servizi psichiatrici di diagnosi e cura per quel tipo di patologie. Vengono abbandonati in un pronto soccorso», dice Marzo.

«Purtroppo, in base a un regolamento regionale del 2011 è previsto il trasporto presso il pronto soccorso, un regolamento che va contro la legge europea. Presenterò una denuncia alla Corte di giustizia europea dell’Aia», aggiunge. Le parole e le frasi si susseguono rapidamente. «La situazione è insostenibile. Non è il primo caso, è la regola. Solo che se una persona ti aggredisce e non è in stato di follia puoi chiamare la polizia, ma per chi è paziente psichiatrico dovremmo fare opera di prevenzione».
Poi il discorso si amplia. «Il pronto soccorso è diventato una trincea quotidiana. Non ci sono medici, scarseggia il personale, non ci sono posti letto, la gente è costretta a subire lunghe assenze e ha difficoltà nel trovare una sistemazione e soluzioni, in casi particolari sembrano perdere il controllo di sé stessi, specie se si tratta di persone un po’ particolari. La situazione sta gravemente peggiorando».

Il tono è di chi nemmeno protesta ma in modo rassegnato rappresenta solo una situazione. «Pensi che adesso i concorsi riservati a medici che vogliano lavorare nei pronto soccorsi vanno deserti perché nessuno vuole più lavorare qui. Tra 5 anni non ci saranno medici a sufficienza per i pronto soccorso. I più anziani vanno in pensione ma sarà difficile trovare medici giovani che vogliano lavorare». I motivi? «Guadagni meno dei medici di reparto per cui non c’è alcun motivo per lavorare; corri rischi di prendere botte, rischi professionali alti, hai un sovraccarico di lavoro e per giunta per 4 soldi. E chi ce lo fa fare?».

Poi una richiesta. «Scriva che è una situazione vergognosa, di mancanza di gestione della situazione a livello regionale. Chi gestisce queste situazioni non è proprio a conoscenza di queste problematiche». Tutto oggi si scarica quindi sul pronto soccorso. «La medicina di base non funziona come dovrebbe, lo stesso dicasi per le visite ambulatoriali - incalza -. Il servizio non è adeguato e sufficiente alle esigenze della popolazione. La competenza e la preparazione ci sono ma i servizi sono carenti. A quel punto, il cittadino va dove trova risposte. Se uno ha una urgenza e non trova il medico curante, se deve fare un elettrocardiogramma e ti fanno aspettare 8 o 10 mesi per una visita cardiologica che fa? Io lo capisco, va dal pronto soccorso». È una valvola di sfogo. «L’acqua va dalla montagna al mare, dove trova spazio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie