Venerdì 15 Novembre 2019 | 23:25

NEWS DALLA SEZIONE

La condanna
Bari, abusavano di 3 dei loro figli minorenni: genitori condannati a 14 anni

Bari, abusavano di 3 dei loro bimbi minorenni: genitori condannati a 14 anni

 
viabilità
Bari, via i primi tre passaggi a livello ma Palese vuole spostare i binari

Bari, via i primi tre passaggi a livello ma Palese vuole spostare i binari

 
musica
Emma Marrone: nel 2020 il «Fortuna tour» fa tappa al PalaFlorio di Bari

Emma Marrone: nel 2020 il «Fortuna tour» fa tappa al PalaFlorio di Bari

 
eccellenze
Da Casamassima alla Nasa: Pietro Milillo studia lo scioglimento dei ghiacci e vince l'Annamaria Molteni Award

Da Casamassima alla Nasa: Pietro Milillo studia lo scioglimento dei ghiacci, premiato a Washington

 
lavoro
Bari, tra moda e tradizione parla il sarto Antonio Fanelli: «Non chiamatelo mestiere perduto»

Bari, tra moda e tradizione parla il sarto Antonio Fanelli: «Non chiamatelo mestiere perduto»

 
lavoro
Noicattaro, la storia di Antonella: «Programmo robot e li chiamo con i nomi di località»

Noicattaro, la storia di Antonella: «Programmo robot e li chiamo con i nomi di località»

 
l'operazione
Disposti a uccidere pur di controllare il territorio: così i cc hanno smantellato il clan di Altamura

Disposti a uccidere pur di controllare il territorio: così i cc hanno smantellato il clan di Altamura

 
l'evento
Uniba: per la prima volta studente rifugiato si laurea in Scienze Politiche

Uniba: per la prima volta studente rifugiato si laurea in Scienze Politiche

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bari, l'ex direttore sportivo Angelozzi: «Credo nella promozione»

Bari, l'ex direttore sportivo Angelozzi: «Credo nella promozione»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccei DISAGI
Maltempo in Puglia, danni per 6 mln di euro a Porto Cesareo

Maltempo in Puglia, danni per 6 mln di euro a Porto Cesareo

 
BrindisiIl caso
Riconversione Enel Brindisi, 50 aziende al governo chiedono tavolo per crisi

Riconversione Enel Brindisi, 50 aziende al governo chiedono tavolo per crisi

 
TarantoCinema
Six Underground: ecco la locandina del film Netflix girato a Taranto

Six Underground: ecco la locandina del film Netflix girato a Taranto

 
BatLa sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
Potenzal'indagine
Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

 
Foggiacodice rosso
Maltrattamenti e stalking nei confronti di 3 donne: 3 arresti nel Foggiano e Nordbarese

Maltrattamenti e stalking nei confronti di 3 donne: 3 arresti nel Foggiano e Nordbarese

 
Materasolidarietà
Maltempo a Matera: Piccolo Teatro di Milano devolve incassi Falstaff alle popolazioni colpite

Maltempo a Matera: Piccolo Teatro di Milano devolve incassi Falstaff alle popolazioni colpite

 

i più letti

Omicidio Cammisa

Bari, pusher ucciso davanti la figlia: chiesto ergastolo per mandante omicidio

Rinaldi, ritenuto il capo dell’omonimo clan della città murgiana, sarebbe il mandante del delitto

carabinieri

BARI - La Procura di Bari ha chiesto la condanna all’ergastolo per il 59enne Donato Francesco Rinaldi, imputato dinanzi alla Corte di Assise di Bari per l’omicidio di Francesco Cammisa, ucciso ad Altamura (Bari) il 16 giugno 2014, davanti alla figlia di cinque anni. Rinaldi, ritenuto il capo dell’omonimo clan della città murgiana, sarebbe il mandante del delitto. Avrebbe ordinato al suo sodale Stefano Annoscia (28enne attualmente a processo per la stessa vicenda con rito abbreviato, in qualità di esecutore materiale) di ammazzare Cammisa per una partita di droga non pagata.

Cammisa fu ucciso in casa con due colpi di pistola mentre era sdraiato sul letto in compagnia della figlia di cinque anni: il killer, con il volto coperto da un passamontagna, si fece aprire la porta dalla moglie della vittima.

La indagini dei Carabinieri di Altamura, coordinate dai pm Renato Nitti e Marcello Barbanente, hanno consentito di ricostruire la dinamica dei fatti e le responsabilità. A Rinaldi e Annoscia la Procura contesta i reati di omicidio volontario con l’aggravante mafiosa. I due sono stati arrestati un anno fa e sono ancora detenuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie