Giovedì 27 Febbraio 2020 | 08:51

NEWS DALLA SEZIONE

gara di solidarietà
Bari, salvate 3 vite umane grazie ad un trapianto di rene in tandem

Bari, salvate 3 vite umane grazie ad un trapianto di rene in tandem

 
Il caso
«Voli dal Nord? Nessun controllo». Polemica sull’aeroporto di Bari

«Voli dal Nord? Nessun controllo». Polemica sull’aeroporto di Bari

 
udienza preliminare
Bari, uccise il marito, chiesto l'abbreviato: la difesa dell'imputata solleva questione di legittimità costituzionale

Bari, uccise il marito, chiesto l'abbreviato: la difesa dell'imputata solleva questione di legittimità costituzionale

 
la decisione
Coronavirus, Bari sospesi tirocini per studenti di Medicina

Coronavirus, Bari sospesi tirocini per studenti di Medicina

 
Controlli della Ps
Bari, a spasso con droga e pistola: arrestato nipote boss Parisi

Bari, a spasso con droga e pistola: arrestato nipote boss Parisi

 
Prevenzione
tribunale di Bari

Coronavirus, Tribunale Bari, varate 12 misure per l'emergenza da seguire in udienza e uffici

 
L'udienza
Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

 
Avviato l'iter
Polignano, ok da giunta regionale a Parco Ripagnola: la parola al consiglio

Polignano, ok da giunta regionale a Parco Ripagnola: la parola al consiglio

 
Lo stadio
Bari, la tribuna est superiore del San Nicola è biancorossa: ecco i nuovi seggiolini

Bari, la tribuna est superiore del San Nicola è biancorossa: ecco i nuovi seggiolini

 
La festa
Polignano, nonno Vitantonio compie 108 anni: è veterano della «II Guerra Mondiale»

Polignano, nonno Vitantonio compie 108 anni: è veterano della «II Guerra Mondiale»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaMaltempo
Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

 
HomeIl virus
Il Coronavirus arriva in Puglia, un caso positivo a Taranto: tornato da poco da Codogno

Il Coronavirus arriva in Puglia, caso positivo a Taranto: 33enne di Torricella tornato in aereo lunedì da Codogno.
Al Moscati isolato pronto soccorso. Scuole chiuse

 
BatL'incidente mortale
Trinitapoli, auto finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

Trinitapoli, scontro tra due auto, una finisce fuori strada sulla SS16: morta 56enne

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
LecceIsolato a Codogno
La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

viabilità

L'allarme dell'ass. Giannini: «Bari rischia di perdere i fondi per la 16»

L’assessore per i trasporti: «L’allargamento? Creerebbe contenzioso»

Bari, statale 16, restyling e percorso alternativo: stanziati 250 mln

BARI - «Ci sono 250 milioni nell’accordo Stato-Anas. Tutti, compreso il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, condividono la necessità di potenziale le infrastrutture del Sud. Si tratta di una occasione da cogliere per il tratto Bari-Brindisi. C’è il rischio di pedere i fondi»: l’assessore regionale ai lavori pubblici, Giovanni Giannini, è realista nel tracciare lo stato dell’arte sul futuro della Statale 16 che proprio a ridosso di Bari dove il congestionamento fino a Mola ha effetti nefasti sulla sicurezza. E proprio ieri la circolazione nella mattinata ha avuto più di un rallentamento a causa di piccoli tamponamenti (all’altezza di San Giorgio), a riprova della pericolosità insita in una strada che i fine settimana registra il passaggio di centinaia di migliaia di auto (nel 2018 gli incidenti registrati sono stati 209).

«La Regione Puglia - spiega Giannini - ha provato a trovare la condivisione della soluzione. La Statale 16 è la strada con la più alta intensità di traffico di Italia e, insieme alla 275, rappresenta una arteria con alta incidentalità. Si tratta di avere una attenzione particolare per il tratto barese: più fluidità del traffico, efficienza e modernità consentirebbe di avere risultati immediati per turismo ed economia».
Tra i progetti al vaglio di Anas e Ministero ci sono tre opzioni: l’allargamento dell’attuale sede stradale da quattro a sei corsie; una variante che congiunga (16 km) lo svincolo di Japigia con l’uscita Mola-Rutigliano; una bretella (di 17 km) da Mungivacca che si ricongiunga con la 16 a Mola.

La posizione di Giannini è questa: «Il sindaco di Noicattaro, a cui si è accodato il sindaco di Triggiano, pensa che la soluzione possa essere un allargamento. Questa soluzione non è condivisibile sotto diversi aspetti. La città metropolitana e i comuni di Bari e Mola si sono schierati per soluzioni alternative. L’Anas, solo quando si chiarirà il quadro, potrà iniziare al progettazione». Da qui l’auspicio: «Il tentativo di condivisione al momento non è riuscito. Speriamo che a settembre si possa trovare una convergenza superando concezioni rigorosamente campanilistiche ed elettorali, propagandistiche, mirando all’effettivo soddisfacimento del bisogno ella collettività pugliese e italiana».
La tempistica in questo contesto non è da sottovalutare: non incardinare il progetto potrebbe portare alla perdita dei finanziamenti statali: «Se sblocchiamo il quadro - argomenta ancora Giannini - e Anas parte con il progetto. Risolviamo tutto entro il 2021. La speranza è che si riesca a ragionare in maniera serena, equilibrata e imparziale». Sullo sfondo ci sono le resistenze dell’amministrazione grillina di Noicattaro, ma Giannini al riguardo è netto: «La politica non si fa con i particolarismi ma per soddisfare bisogni oggettivamente considerati». Non a caso l’assessore non sostiene il progetto di allargamento:

«L’adeguamento in sede significa chiudere la strada Statale 16 e far viaggiare su una unica carreggiata tutto il flusso di traffico. Chi conosce il delirio attuale con quattro corsie, può immaginare cosa accadrebbe in questa ipotesi. L’unico allargamento possibile sarebbe sul lato monte, e significherebbe demolire distributori, case, attività economiche, generando contenziosi tali da paralizzare il tutto».
Non c’è da perdersi in diatribe sterili e perciò Giannini ha chiare le prossime tappe: «A settembre lavorerò per riprendere la concertazione. La Regione eserciterà le sue prerogative. Chi si opporrà a soluzioni condivise dalla maggioranza si assumerà la responsabilità della perdita del finanziamento e della non realizzazione dell’opera. E dovrà rispondere alla collettività». Basta con la sindrome Nimby («Non nel mio cortile»): «Non è possibile - conclude Giannini - che ogni volta che si affronta un tema rilevante su sicurezza, persone, flussi turistici e commerciali si debba fare i conti con chi difende a parole un territorio che questo progetto non intacca affatto». Tra bollini rossi e ingorghi, il futuro della Statale 16 tra Bari e Mola giocherà una partita cruciale nel mese di settembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie