Mercoledì 22 Maggio 2019 | 14:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
La storia
Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

 
La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
Il naufragio
Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 100 nuove parti civili

Norman Atlantic: gup Tribunale Bari ammette 61 nuove parti civili

 
La sentenza
di cosola

Bari, 27 condanne clan Di Cosola: 21 anni a fratello boss

 
Sanità
Politecnico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

Policlinico Bari, scacco matto a ictus e infarti: ecco l'app per i consulti a distanza

 
L'ecomostro
Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

Bari, sì al salvataggio Sud Fondi: «Punta Perotti verrà venduta»

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 
Dopo una lite
Conversano, ha problemi economici e tenta di uccidere figlio neonato: in cella 40enne

Conversano, ha problemi economici e tenta di uccidere figlio neonato: in cella 40enne

 
Alle 10.14
Nordbarese: due scosse di terremoto, sisma avvertito anche a Bari

Terremoto in Puglia, trema la Bat. Paura e scuole chiuse FOTO
Trani, crolla timpano chiesa FOTO

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

Il retroscena

Bari: si candidano due coniugi rom, del campo di Japigia

I due sono nella lista Bari Bene Comune e vivono nell'unica area autorizzata

Bari: si candidano due coniugi rom, del campo di Japigia

A Roma divampa la violenza dopo l’assegnazione di un alloggio popolare da parte del Comune a una famiglia bosniaca di etnìa rom, da tempo in Italia. A Bari due rom che vivono nel famoso campo di Japigia, si candidano al consiglio comunale.
Dainef e Ligia Tomescu hanno raccontato la loro storia in un video realizzato con il cellulare, proprio nel loro alloggio, presentato agli elettori con gli altri 34 video dei candidati della lista civica di sinistra «Bari Bene Comune» a sostegno di Antonio Decaro. Le loro parole: «Sono Dainef Tomescu, per tutti Daniel. Sono nato in Romania nel 1966. Appartengo alla minoranza Rom. Mi sono trasferito a Bari nel 1999 con mia moglie Ligia e i miei figli per motivi di sopravvivenza economica. Vivo nel campo rom di Bari Japigia del Comune di Bari dal 2005 dove sono responsabile. Ho lavorato in questi anni per sottrarre all’ elemosina i bambini della mia comunità avviandoli all’ istruzione scolastica e per organizzare una forma di lavoro autonomo. Mi Candido al consiglio comunale di Bari per migliorare la condizione rom a partire da Bari che sento mia da tempo».


«Sono Ligia Tomescu, sono nata in Romania e vivo da 20 anni a Bari. Appartengo alla minoranza Rom e abito con la mia famiglia nel campo del Comune di Bari Japigia. Ho conseguito con orgoglio da adulta la licenza media che mi ha permesso di essere apprezzata e di diffondere la cultura rom tra gli studenti della scuola serale. Mi Candido al consiglio comunale di Bari perché sento di appartenere a questa città e desidero impegnarmi per essere al fianco delle tante donne invisibili per un loro  riscatto civile e sociale».


Secondo la rete di volontari che da anni si muove a sostegno della comunità rom di Japigia, «stupore e mutismo negli ambienti della politica barese, hanno suscitato queste candidature senza precedenti nel panorama di una competizione elettorale del capoluogo. Le candidature sono una richiesta di presa di parola di una comunità della minoranza rom in una città del sud, Bari, che dello “straniero” ha fatto il suo simbolo con la venerazione del protettore. Bari è una città dotata degli antidoti antirazzisti e antifascisti, che per le sue caratteristiche culturali di comunità aperta sancita al primo punto dello statuto comunale, ha in sé tutti gli elementi che dovrebbero lasciare spazio alla inclusione di due persone rom in una competizione elettorale».
Le candidature sono sostenute da due volontari impegnati nell’attivismo dei diritti umani, Corsina Depalo, presidente dell’associazione interculturale di volontariato Eugema, e Matteo Magnisi impegnato tra l’altro sul versante dell’inserimento lavorativo dopo aver realizzato nel 2008 la prima cooperativa sociale rom in Puglia «Artezian». «L’autodeterminazione della comunità rom stanziale di Bari Japigia trae origine da un lungo processo di inclusione che trova oggi in Ligia e Daniel Tomescu le persone consapevoli per un percorso di responsabilizzazione civica verso un nuovo progetto di vita e per un futuro migliore a partire dalla condizione abitativa che affermi: il no secco a sgomberi senza soluzioni alternative, il superamento della dimensione del campo con soluzioni diversificate e condivise».

LE OFFESE SUI SOCIAL - Sta scatenando polemiche sui social la notizia della candidatura al Consiglio comunale di Bari di due coniugi di etnia rom, Dainef e Ligia Tomescu, nella lista 'Bari bene Comunè che sostiene il sindaco uscente Antonio Decaro (Pd). Su Facebook la coppia, che appartiene alla comunità Rom del capoluogo pugliese, viene additata da alcuni come "ladri», mentre altri sostengono che «ora potranno scegliere in che casa abitare». Tra i commenti qualcuno scrive che «ora in politica ci sono cani e porci».
In seguito alle offese, questa mattina il coordinamento della lista 'Bari Bene Comune' ha depositato un esposto in Questura per «commenti calunniosi, offensivi, e minacciosi verso la comunità Rom» di Bari. Tali commenti sono «testimonianza - spiega il coordinamento - del clima d’odio razziale diffuso», e "rendono concreti i nostri timori circa l’incolumità dei nostri candidati, nonché della comunità dove essi vivono ed operano».


Nell’esposto si chiede «che vengano assunte le opportune misure a tutela della comunità».
«Candidati e simpatizzanti della lista 'Bari Bene Comune' - conclude la nota del coordinamento - vigileranno e contrasteranno in tutte le forme e in ogni luogo i comportamenti discriminatori, le intimidazioni, i fenomeni di illegalità come il voto di scambio».
«Abbiamo lavorato tanto per avviare i nostri bambini all’istruzione scolastica - hanno detto i coniugi Tomescu presentando la propria candidatura - abbiamo organizzato forme di lavoro autonomo costituendo la prima cooperativa sociale Rom in Puglia: ci candidiamo per migliorare le condizioni di vita della nostra comunità a partire dalla città di Bari, che sentiamo nostra da sempre».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400