Lunedì 26 Settembre 2022 | 21:17

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Il concorso di idee

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni. Sisto (FI): l'ennesima bufala

Bari, ecco il progetto della costa sud. Decaro: la sfida dei prossimi 10 anni

Un gruppo di professionisti milanesi si aggiudica il primo posto. Il coordinatore azzurro: lui ed Emiliano, coppia di parolai

21 Gennaio 2019

Redazione on line

E' andato al progetto presentato da Nicolò Privileggio (capogruppo), progettisti Manuel Clasadonte e Stefano Ivaldi, consulenti Marialessandra Secchi e Gabriele Confortola il premio quale vincitore del concorso internazionale di idee Bari Costasud. E' questo il risultato dei lavori della commissione incaricata di valutare le 32 proposte, composta da José Maria Ezquiaga, presidente dell’Ordine degli Architetti di Madrid, Arturo Lanzani, professore ordinario al Politecnico di Milano, Simone Monotti, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Terni, Michele Graziadei, componente designato dal Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori (CNAPPC), e Laura Casanova, dirigente tecnico del Comune di Bari.

Nel progetto la costruzione della città si confronta con la necessità di affrontare un cambio di prospettiva sulla struttura dello spazio urbano, proponendo una forte integrazione tra paesaggio di scala vasta e spazio urbano attraverso una proposta che pone al proprio centro lo spazio aperto e il paesaggio agricolo come elementi capaci di dare forma alla città e di regolarne i processi di costruzione.

Il progetto può essere sinteticamente riassunto in quattro azioni: creazione di sezioni di città all’interno delle quali si realizzano il completamento e la ricucitura del tessuto esistente tra l’entroterra e il mare; realizzazione di un parco litoraneo come attivatore della città pubblica che collega la campagna, lo spazio agricolo e i quartieri esistenti (a tal fine è previsto un intervento di riforestazione per una superficie pari a 240 ha); riconfigurazione della rete della mobilità con nuovi tracciati di percorsi ciclopedonali di circa 9 km, la riduzione a 6 mt della sezione della strada litoranea e il declassamento della statale 16 in una strada a carattere urbano;· definizione di un nuovo assetto del territorio rurale oltre la SS16 con microinterventi volti a favorire lo stoccaggio e la dispersione della acque per mitigare i rischi idrogeologici e la creazione di una rete di masserie 2.0.

Secondo la visione progettuale la nuova costa sud prevede una serie di sezioni edificate che scandiscono il territorio intervallandosi a fasce di suolo agricolo. Ciascuna sezione si affaccia a nord sulla nuova via pubblica che sfrutta il sedime del vecchio tracciato ferroviario ed è dotata del servizio tramviario; verso sud si estende invece fino alla Statale 16, della quale è previsto il declassamento. Le sezioni di città sono ambienti compatti ma fortemente connotati dalla presenza di una rete di spazi aperti - percorsi, piazze e giardini - che rendono l’ambiente urbano permeabile ai flussi pedonali e ciclabili e al contempo delimitano le funzioni spaziali della nuova città. Ciascuna sezione potrà esser immaginata come un’operazione unitaria di costruzione della città, accompagnata dalla riqualificazione e messa in opera del relativo spazio agricolo a garanzia della conservazione del legame tra mare ed entroterra.

DECARO: UNA GIORNATA STORICA - L’intera fascia che si trova tra la ferrovia e il mare è considerata alla stregua di un lungo parco costiero nel quale gli interventi prioritari riguardano una generale riqualificazione dell’assetto della vegetazione attraverso massicci interventi di riforestazione con la costruzione di una pineta a difesa del litorale e la riqualificazione dello spazio pubblico, anche ma non esclusivamente a servizio delle attività balneari. Al parco lineare si aggiunge un parco reticolare che collega il mare e l’entroterra, lo spazio agricolo e i quartieri nuovi ed esistenti.

Quanto alla configurazione della mobilità sono previste, oltre alla trasformazione della linea ferroviaria in un nuovo asse viario urbano servito dal trasporto pubblico, connessioni trasversali di quartiere e una rete di strade bianche a servizio delle masserie 2.0, aziende agricole che in questo scenario possono tornare a svolgere un ruolo di cura e presidio del territorio e costruire un settore di innovazione e sperimentazione economica e sociale (ricerca e start up, ristorazione a km zero, agriturismo, presidi dop, impresa sociale).

«Questa è una giornata storica - ha detto il sindaco Antonio Decaro commentando l’esito della procedura -: avevamo promesso che nel corso di questo mandato avremmo presentato uno studio, un progetto per la riqualificazione della costa a sud della città ed è quello che stiamo facendo, convinti che nella zona a sud stia il sogno di riqualificazione dell'intera città. È questa la sfida dei prossimi 10 anni».

SISTO (FORZA ITALIA): L'ENNESIMA BUFALA STORICA - «Oggi Decaro ha celebrato l'ennesima bufala storica. Ancora una volta, il re dei selfie, in compagnia di un assessore all'Urbanistica che i cittadini non ricorderanno vista l'inconsistenza del suo operato in tema di sviluppo della città, pensa di incantare la la popolazione con rendering e progetti da libro dei sogni»: così il coordinatore metropolitano terra di Bari di Forza Italia, on. Francesco Paolo Sisto: «Il progetto Costasud - precisa - è l'ennesima presa in giro di una iniziativa irrealizzabile degna del suo "tutore" politico, Michele Emiliano, che con Decaro forma l'infallibile coppia di parolai. Decaro dice che questo rappresenterà la sfida dei prossimi 10 anni: invece di pensare al futuro dovrebbe fermarsi al presente visto che del passato degli ultimi 5 anni non se ne è accorto nessuno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725