Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 22:13

NEWS DALLA SEZIONE

La mobilitazione
Welfare, in 2mila protestano per servizi socio-sanitari davanti la Regione

Diritto cure, protesta dei sindacati alla Regione: in 2mila al sit in

 
Il rimborso
Da Milano a Bari con cinque ore di ritardo: Ryanair risarcirà 9 passeggeri

Da Milano a Bari con cinque ore di ritardo: Ryanair risarcirà 9 passeggeri

 
Il gesto estremo
Bari, uomo minaccia di buttarsi giù dal palazzo dell'Acquedotto

Bari, uomo minaccia di buttarsi giù dal palazzo dell'Acquedotto

 
L'operazione della Gdf
Porto di Bari, sequestrate oltre 4500 paia di scarpe contraffatte

Porto di Bari, sequestrate quasi 4800 paia di scarpe contraffatte

 
L'omaggio
Un violino per San Nicola: ecco il dono del liutaio barese Fortunato

Un violino per San Nicola: ecco il dono del liutaio barese Fortunato

 
Le tasse
Bari, Imu: entro lunedì sera il pagamento del saldo

Bari, Imu: entro lunedì sera il pagamento del saldo

 
Il consiglio e il «buco» di 11 milioni
Bari, la Cassa prestanza infiamma il Comune. I dipendenti: ridateci i nostri soldi

Bari, bagarre sulla Cassa prestanza in Comune. I dipendenti: ridateci i nostri soldi. Decaro ai sindacati: dite la verità

 
Cinema
Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

Red Carpet, a Monopoli arriva la multisala ipertecnologica

 
L'iniziativa
Bari riparte dai quartieri: nascono le reti civiche

Bari riparte dai quartieri: nascono le reti civiche

 
Per il pm è stato riorganizzato il partito fascista
Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari

Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari VD

 
Gruppo gestiva il porto
Mafia, Dda Bari chiede 24 condanne per clan Capriati

Mafia, Dda Bari chiede 24 condanne per clan Capriati

 

La polemica sui social

Sul web pro e contro le luminarie di Polignano: «Andate a rubare a San Nicola». «Non siete obbligati»

Commenti al vetriolo sul web. Pochissimi quelli favorevoli. Nel sondaggio sul sito della Gazzetta: l’81% boccia il ticket

Tutti contro le luminarie di Polignano, i commenti social: «Andate a rubare a S. Nicola»

BARI - Ha creato scalpore la scelta del Comune che, con l’arrivo del Natale, ha addobbato le stradine e le piazzette del borgo di Polignano a Mare, creando un’area a passaggio controllato all’ingresso per sorvegliare i flussi di turisti che riempiranno la città durante le festività. Un pedaggio (se così lo si può chiamare) che però non riguarda i residenti né chi è ospite di una struttura ricettiva. La singolare iniziativa ha armato i leoni da tastiera del web che, rispondendo al sondaggio lanciato sul sito della Gazzetta del Mezzogiorno, si sono espressi con un plebiscito: l’81% dei votanti è totalmente contrario all’idea. Solo un timido 19% si è mostrato invece a favore. Numeri che sono in continua crescita e che dimostrano come la card che sfrutta il marchio «Polignano» rischi di diventare un vero e proprio boomerang per il turismo destagionalizzato.

Non mancano nemmeno i commenti tra il serio e il faceto sulla pagina Facebook della «Gazzetta». Alla proposta di utilizzare i varchi a numero chiuso c’è chi scrive: «Certo che siete furbi, tra un po’ pure l’aria ci farete pagare!». C’è chi poi ironizza sulla somma richiesta: «Cinque euro? Rifiuto l’offerta e vado avanti, grazie». «Io con quei soldi mi compro due panzerotti e una bevanda, alla faccia loro!». E ancora: «E se mi mettessi i paraocchi per entrare nel centro storico? Tranquilli, non le voglio vedere le luminarie, mi bastano le luci di casa mia». «Ciao Polignano è stato un piacere conoscerti», commenta invece un utente con tanto di manina che saluta. «Mi sembra davvero una pagliacciata». «Vada per la tassa sul parcheggio, ma così è un vero e proprio salasso: una famiglia numerosa gli lascia un patrimonio». E infine non può mancare l’humor nostrano: «A Bari si dice, vai a rubare a San Nicola».

Ma su internet non c’è solo la sagra della lamentela, c’è anche chi, in maniera più dimessa, appoggia e difende l’iniziativa: «Si paga per entrare ovunque, solo perché si tratta di Polignano si fanno tante storie. Chi vuole va, chi non vuole si sta a casa. Facile no?», sottolineano in molti. «La decisione della smart card è stata presa dal comitato organizzatore, questa scelta potrebbe non essere condivisa da tutti ma leggere commenti molto “cattivi” nei confronti dell’evento e soprattutto su Polignano mi sembra ingiusto». «Boicottate la Puglia - scrivono - in questo periodo natalizio approfittatene e andate a Salerno. Non vi impone nessuno di visitare Polignano». «Quante rumore per 5 euro! Se fossi io l’organizzatore vi farei pagare 50 euro a persona solo per farvi dare fiato alla bocca. Prima di parlare e di giudicare, fatevi un giro a Polignano, non ve ne pentirete».
Una diatriba che continuerà fino al 6 gennaio: solo allora si potrà capire se l’idea promossa dal Comune sarà vincente o no.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400