Lunedì 22 Ottobre 2018 | 08:38

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: scadono 280 contratti

Formazione professionale, Puglia verso l'emergenza: sca...

 
Protesta a Bari
Disabili, addio palestra: la squadra di basket in carrozzina in strada:«Comune Bari accontenta gli amici»

Disabili, squadra  di basket in carrozzina per strada. ...

 
In via Brigata Regina
Bari, scontro tra moto e auto: muore un ragazzo di 17 anni

Bari, terribile scontro tra moto e auto: muore un ragaz...

 
Ad Acquaviva delle Fonti (Ba)
Ruba al mercato due carte di credito con relativi pin, arrestata

Ruba al mercato due carte di credito con relativi pin, ...

 
Divisa in 50 panetti
In auto con 26kg di droga, arrestato pregiudicato a Mola di Bari

In auto con 26kg di droga, arrestato pregiudicato a Mol...

 
A Sammichele
Cede finestra a scuola, ferita ausiliaria

Cede finestra a scuola, ferita ausiliaria

 
E' ai domiciliari
Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in manette

Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in m...

 
Commercio
Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Bari, dopo 66 anni chiude storica salumeria De Carne «I...

 
Il nodo intramoenia
Ospedali, il giallo visite a pagamentodei medici: le Asl non forniscono i dati

Ospedali, il giallo visite a pagamento dei medici: le A...

 
Svolta nelle indagini
Pizzaiolo di Gravina uccisoa Ravenna: fermato straniero

Pizzaiolo di Gravina ucciso a Ravenna: fermato stranier...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

La reliquia

Il vero cranio di Sant'Oronzo è arrivato a Turi

La teca cranica partita da Nin in Croazia arriva nel paese per celebrare il giubileo indetto da Papa Francesco per i 1950 anni del martirio del santo

Teca cranica Sant'Oronzo

Facebook: Il Paese

BARI - La teca cranica del primo vescovo di Lecce, Sant’Oronzo martire, con una sua costola e l’immagine del volto del Santo, partita da Nona, a due passi da Zara, in Croazia è finalmente arrivata a Turi. La reliquia ha fatto il suo ingresso in territorio italiano dal valico di Trieste dove è stata presa in consegna e scortata da una volante della Polizia di Stato, per poi essere condotta in autostrada lungo tutta la penisola sino al casello autostradale di Acquaviva. Qui ad attenderla c'è stato don Giovanni Amodio, arciprete di Turi, che ha portato il prezioso reperto nella sua nuova casa temporanea, traslando la reliquia nella chiesa Madre dove i fedeli potranno venerarla a partire dal 15 agosto per la «Sacra undena» con apertura della porta giubilare. I festeggiamenti per il Santo, venerato anche a Lecce e Ostuni, avranno luogo proprio nell'ambito delle celebrazioni del giubileo oronziano indetto da Papa Francesco in occasione dei 1950 anni dal martirio del vescovo.

(Foto pagina Facebook: Il Paese) 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400