Giovedì 21 Marzo 2019 | 08:56

NEWS DALLA SEZIONE

Cassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
A Bari
Tentò di investire condomino e lo perseguitò per anni: divieto di avvicinamento per stalker

Tentò di investire condomino e lo perseguitò per anni: divieto di avvicinamento per stalker

 
Gratuito patrocinio
Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

 
La «Rendella»
Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

Monopoli, la biblioteca è senza barriere grazie a una onlus

 
Di Corrado Veneziani
Bari, per la giornate Fai apre la Banca d'Italia con mostra 500 anni di Leonardo

Bari, per le giornate Fai apre la Banca d'Italia con mostra 500 anni di Leonardo

 
Alla Casa del Popolo di Bari
Mister Ulivieri ricorda Maestrelli e si schiera: «Voterò la sinistra del noi»

Mister Ulivieri ricorda Maestrelli e si schiera: «Voterò la sinistra del noi»

 
L'operazione dei cc
Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

 
Il caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
L'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
Operazione dei Cc
Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

la riflessione

Memoria e web, attenzione ai tanti falsi

Una chiacchierata con Carlo Spagnolo docente di storia Contemporanea all’Università di Bari che ha recentemente partecipato al convegno “Gli archivi storici tra memoria e digitale. Riflessione a partire dal una esperienza pugliese” che si è tenuto tra Bari e Conversano organizzato dalla Fondazione Giuseppe Di Vagno

memoria e web

BARI - Sempre più oggi le nuove tecnologie incidono nella trasmissione della memoria, lo possiamo toccare con mano tutti giorni, grazie al web e agli smartphone ci sembra di poter portare sempre con noi tutte le informazioni che ci possono servire, a scuola quasi più nulla si impara a memoria e anche l’insegnamento della storia cambia. Sono queste le riflessioni di base per una chiacchierata con Carlo Spagnolo docente di storia Contemporanea all’Università di Bari che ha recentemente partecipato al convegno “Gli archivi storici tra memoria e digitale. Riflessione a partire dal una esperienza pugliese” che si è tenuto tra Bari e Conversano organizzato dalla Fondazione Giuseppe Di Vagno.

ASCOLTA l'AUDIO - L'intervento integrale del prof. Spagnolo al convegno 

«Oggi la tecnologia, nel sovraccarico di informazioni che si trascina, racconta "storie" e non "la Storia" – spiega Spagnolo – così come la memoria intesa come costruzione di un’esperienza è ciò che distingue l’essere umano. Ma le memorie della società contemporanea e che troviamo nel web, non provengono da esperienze, a volte sono addirittura inventate. Nel passato, attraverso  la trasmissione orale o scritta dell’esperienza si costituivano le comunità, oggi le stesse comunità si cementano su invenzioni, dove memorie territoriali del tutto artificiali scavalcano le narrazioni delle storie nazionali».

Il processo è pericoloso perché sta portando ad una rottura tra passato e presente. Specie le nuove generazioni si trovano a non distinguere più il vero dal falso, l’artificioso dal reale. Nel giornalismo il riflesso è nelle fake news, le bufale, che vengono raccontate come verità ed invece sono ricostruzioni completamente falsate. Questo anche perché i giornalisti attingono dalla Rete web come fosse sempre fonte affidabile.

«Gli storici specie italiani usano molto poco il web per cercare e soprattutto dare informazioni storiche corrette. Non mettono in Rete le loro ricerche, mentre il giornalista usa molto di più le possibilità offerte dai sistemi digitali. Il web vive una sorta di paradosso: le storie che si raccontano in Rete sembrano avere un tempo breve ed invece, non cancellandosi mai, diventano quasi immortali. Ecco perché oggi è tanto più importante il ruolo degli archivi che possano ricostruire l’esatta struttura temporale degli eventi. Ma è fondamentale verificare come archivi non nati per il web possano e debbano essere riversati in Rete, perché si deve trovare una modalità di scrittura differente, adatta per Internet e che difenda l’integrità dell’archivio stesso».

Indispensabile è poter reperire sempre una fonte affidabile che validi la storia, con un indubbio vantaggio per chiunque faccia ricerca in Rete.

L’eterna memoria della Rete sta inoltre aprendo un dibattito sul “diritto all’oblio”. Quali sono i tempi consoni perché io, che per un qualsiasi motivo finisco con la mia storia nella rete digitale, possa chiedere di cancellare quel racconto? Le redazioni sono subissate di richieste anche per articoli che riportano fatti relativi a pochi mesi prima.

«Oggi chi si racconta sul web è perché vuole essere sulla scena – sottolinea Spagnolo – anche chi racconta direttamente una sua esperienza poi se ne pente in un tempo molto breve. Scatta allora la richiesta di rimuovere quell’esperienza. Perché nel web per essere protagonista devi essere sempre nuovo e questa soggettivizzazione estrema può portare ad un problema di identità. Tanti che scrivono sul web sono come cani sciolti senza radici».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400