Mercoledì 27 Marzo 2019 | 03:25

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

Fino a quando il capitano resisterà all'ipotesi voto

 
La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

 
LecceLa sentenza
Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

Echi di canti sacri in chiese rupestri

di Giacomo Annibaldis
di GIACOMO ANNIBALDIS

Pietre che cantano. I luoghi sacri hanno una segreta vocazione alle sonorità liturgiche? È un dubbio che Marius Schneider (il noto e controverso etno-musicologo tedesco morto nel 1982) ha insinuato nelle nostre menti, quando - quasi rimproverando che «ci siamo abituati a un’arte che ignora il suono» - cercò di interpretare alcuni edifici medievali catalani come uno spartito musicale, che rimandava a melodie gregoriane.

La teoria di «acustica mistica» ora trova in Puglia una sua nuova eco, grazie alla inconsueta - quanto suggestiva - ricerca «Suoni di Pietra», condotta da docenti del Politecnico di Bari, capitanati da Ettore Cirillo, professore di Fisica tecnica. Gli studiosi pugliesi del Gruppo di Acustica (di cui fanno parte anche Francesco Martellotta e Michele d’Alba) hanno sottoposto a indagine e catalogazione alcune cripte rupestri di Puglia per comprendere quanto la sonorità delle grotte potesse favorire la giusta risonanza di melodie sacre e liturgiche.

Questo aspetto particolare della «civiltà rupestre» non era stato finora indagato. Da quando Cosimo Damiano Fonseca, nel 1970 (con il volume Civiltà rupestre in Terra Jonica) aveva posto la prima pietra per una rivalutazione rigorosa e necessaria, la «civiltà rupestre» ha conosciuto indagini sotto molteplici angolature: nell’ambito sociale e in quello religioso, nel pittorico e nell’architettonico... Ricerche che hanno confermato l’importanza di questa forma di civiltà nei secoli centrali del Medioevo, epoca in cui il rupestre ha raggiunto la più ampia e perfetta espressione nelle diverse tipologie, sia della grotta-abitazione che della grotta-chiesa, sia nell’interno del popolamento rurale che della geografia ipogeica.

Adesso finalmente la «civiltà rupestre» potrà vantare un’altra «visione», quella della efficacia acustica.

Il team barese va accumulando - a partire dal 2000 - esperienze nello studio delle caratteristiche acustiche delle chiese di ogni epoca, dal romanico al moderno: ben 60 edifici di culto perlustrati in tutta Italia. «Una cosa interessante - ebbe a dichiarare Ettore Cirillo in un’intervista all’«Osservatore Romano», nel 2007 - che abbiamo riscontrato esaminando il comportamento acustico in funzione del periodo di costruzione è che le chiese paleocristiane sono mediamente superiori rispetto a tutte le altre, probabilmente perché a questi tempi la comprensione della parola era un aspetto fondamentale dell’azione liturgica».

Con tale convinzione il gruppo è giunto a valutare le ricadute della loro indagine nelle chiese rupestri, quasi in un percorso a ritroso, facendo delle cripte un «punto di arrivo», mentre sarebbero, a rigore cronologico, un «punto di partenza». E scoprendo - sostengono - che «il contesto naturale (lame e gravine), le ridotte dimensioni che inducono forti risonanze in grado di enfatizzare i canti, l’uso di materiali duri (pietra e intonaci affrescati) e la presenza di ambienti secondari in grado di conferire un carattere riverberante al suono, malgrado la consistente presenza di aperture, contribuiscano a rendere unica l’esperienza sonora in questi luoghi».

D’altronde anche l’antica leggenda dell’«orecchio di Dionisio» lascia presupporre che le grotte (almeno alcune di esse) posseggano particolari caratteristiche acustiche, che esaltano il suono della voce, anche il sussurro: il sovrano siracusano riusciva ad ascoltare - a molta distanza e grazie alla risonanza delle cavità - le confidenze degli ignari prigionieri politici, rinchiusi nelle «latomie», le grotte-carcere situate presso l’antica città greca.

Ben cinque gli ipogei pugliesi sottoposti a indagine: San Nicola a Casalrotto a Mottola (Ta), Santi Andrea e Procopio a Monopoli (Ba), Lama d’Antico a Fasano (Br), San Michele a Gravina di Puglia (Ba), Santa Maria della Grotta a Ortelle (Le). Senza scendere troppo nei dettagli tecnici della strumentazione usata per le rilevazioni (dai particolari microfoni, ai marchingegni emittenti suoni, agli scanner laser 3D), l’indagine ha fornito risultati che confermano - sostengono i ricercatori - «come in tutti gli ambienti vi fosse una significativa riverberazione alle basse frequenze accompagnata da forti risonanze, mentre alle frequenze medio-alte (quelle più importanti per la comprensione della parola) si poteva beneficiare di un tempo di riverberazione molto più basso che contribuiva a mantenere chiari i messaggi sonori».

Cosa dedurne? Che «i canti bizantini - osservano ancora - potevano beneficiare particolarmente delle condizioni acustiche osservate, dal momento che - rispetto, ad esempio, ai canti gregoriani - sono molto più ricchi di basse frequenze, le quali risultano amplificate dalle forti risonanze indotte dagli ambienti, creando situazioni acusticamente molto suggestive».

Questi risultati di «acustica sacra» nelle cripte rupestri non possono non richiamare suggestioni bibliche e letterarie. Dalle «pietre che urlano» evocate da Gesù di Nazareth in risposta ai severi farisei che rimproveravano i suoi discepoli esultanti: «Se questi taceranno, urleranno le pietre» (Luca, 19, 40). Fino all’armonia nella cavità dei cieli con gli angeli in «perpetuo cantico di lode» davanti al trono dell’Eterno.

Di certo l’indagine degli studiosi baresi contribuisce ad accendere quella che gli antichi sapienti cinesi definivano «luce degli orecchi»: una via non visiva ma più meditativa per la comprensione della realtà. Che purtroppo la cultura occidentale moderna sembra aver del tutto smarrito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400