Giovedì 01 Ottobre 2020 | 21:15

NEWS DALLA SEZIONE

Cinema
Puglia superstar: la cine-regione non va mai in vacanza

Puglia superstar: la cine-regione non va mai in vacanza

 
Il punto
Per il fisco parti invertite tra onesti e disonesti

Per il fisco parti invertite tra onesti e disonesti

 
Università
Il mio sogno nel cassetto dopo un anno speciale: parla il rettore dell'Uniba

Il mio sogno nel cassetto dopo un anno speciale: parla il rettore dell'Uniba

 
L'editoriale
Il Movimento 5 Stelle al bivio del futuro

Il Movimento 5 Stelle al bivio del futuro

 
La riflessione
Giovani talenti di questa terra quanti rimpianti senza impianti

Giovani talenti di questa terra quanti rimpianti senza impianti

 
L'analisi
Troppi sussidi fanno crescere malcostume e povertà

Troppi sussidi fanno crescere malcostume e povertà

 
Il punto
Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

 
il punto
Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

 
Il commento
Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

 
L'ANALISI
Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

 
Il commento
Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIL processo
Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

 
PotenzaI dati
Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

L'EDITORIALE

La riduzione del danno

La nostra vita quotidiana sta mutando ma forse ci siamo illusi che i sussidi pubblici e i sostegni all’economia possano essere illimitati. E invece dobbiamo cominciare a ragionare in termini di «nuova normalità» almeno fino a quando la scienza non sarà in grado di debellare il virus misterioso

La riduzione del danno

A colpi di decreti, poi convertiti in legge senza troppi sussulti, il governo Conte e la maggioranza che lo sostiene hanno fronteggiato con determinazione l’emergenza sanitaria portata dal Covid 19. Alla fine anche dall’Unione europea è arrivata la reazione sperata ma non per questo scontata. Ci sono opinioni discordanti sul grado di efficacia dei singoli provvedimenti nazionali ed europei, ma non si può negare che sia in corso un gigantesco sforzo economico e finanziario...

A colpi di decreti, poi convertiti in legge senza troppi sussulti, il governo Conte e la maggioranza che lo sostiene hanno fronteggiato con determinazione l’emergenza sanitaria portata dal Covid 19. Alla fine anche dall’Unione europea è arrivata la reazione sperata ma non per questo scontata. Ci sono opinioni discordanti sul grado di efficacia dei singoli provvedimenti nazionali ed europei ma non si può negare che sia in corso un gigantesco sforzo economico e finanziario proporzionato alla gravità dell’emergenza che sta cambiando il nostro modo di vivere.

Ecco, il punto è proprio questo: la nostra vita quotidiana sta mutando ma forse ci siamo illusi che i sussidi pubblici e i sostegni all’economia possano essere illimitati. E invece dobbiamo cominciare a ragionare in termini di «nuova normalità» almeno fino a quando la scienza non sarà in grado di debellare il virus misterioso. Anzi, probabilmente ulteriori risorse andrebbero indirizzate sulla ricerca di vaccini e cure.

Eppure stiamo vivendo una fase schizofrenica. Convincerci che tutto sta veramente andando bene perché l’economia non può reggere un altro lockdown ci sta portando dritti dritti dentro una seconda ondata pandemica che finirà per realizzare proprio quanto più temiamo. L’estate del finto distanziamento ne è la riprova: spiagge affollate di giorno e mascherine ignorate nei locali notturni, viaggi senza mezza precauzione «perché un po’ di divertimento ce lo siamo meritato», rientri alla chetichella e contagi allargati e ora crescenti.

Certo, la stagione turistica è meno incerottata del previsto e probabilmente il terzo trimestre ci regalerà un sussulto del pil. Ma pensare in queste condizioni di riaprire le scuole stabilmente è ancora un’idea sensata? Per non parlare di riportare i tifosi allo stadio. Inutile illudersi che imporre regole e vincoli possa servire a qualcosa. Progettare di rincorrere la normalità pre-Covid è sbagliato. Non abbiamo le risorse economiche per mettere una toppa a un secondo lockdown. A meno che non riteniamo inevitabile il dilagare di una nuova ondata di contagio e accettabile il relativo prezzo da pagare in termini di vite umane.

Allora siamo chiamati a camminare lungo lo stretto e impervio sentiero della riduzione del danno. E convincerci che costa meno programmare le perdite economiche derivanti da una inevitabile prudenza e rallentamento delle nostre attività quotidiane, piuttosto che porre riparo dopo alle rovinose conseguenze di un bis di quanto accaduto a marzo e aprile. Sappiamo che cosa significherebbe: uffici e fabbriche chiuse, invece che solo a regime ridotto, attività ferme anziché momentaneamente diradate, ospedali sommersi dalle emergenze. Situazioni che non possono essersi dissolte nelle nostre menti sotto il solleone estivo, dimenticare è da irresponsabili.

Sarebbe paradossale che proprio l’Italia, la prima nazione a reagire con vigore sfidando le ironie internazionali, adesso abbandoni la strada del buonsenso. D’altronde i dati Ocse certificano come il negazionismo e la superficialità si siano trasformati in un boomerang economico per la Gran Bretagna, l’unica ad aver toccato una flessione del pil del 20% tra i Paesi occidentali. E potremmo aggiungere anche qualche valutazione sulla Brexit, alla faccia degli antieuropeisti. Ma questo è un altro tipo di «epidemia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie