Domenica 24 Marzo 2019 | 16:27

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 
L'analisi
Quando a inquinare provvedevano i cavalli

Quando a inquinare provvedevano i cavalli

 
La riflessione
Un Paese tra medioevo e corti barocche

Un Paese tra medioevo e corti barocche

 

Il Biancorosso

SERIE D
Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari: segui la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl gasdotto
Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
BatIl caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

La riflessione

L’Italia a due velocità: il passato che non passa

«La nuova linea ferroviaria Torino Lione. Non serve per un collegamento essenziale, perché una linea c’è già. Ma quella nuova sarebbe utile per rendere più veloce il traffico»

L’Italia a due velocità: il passato che non passa

Converrà dire subito che, in linea di massima, le opere pubbliche vanno portate avanti, per far camminare il paese al passo coi tempi. Però anche fra le opere pubbliche occorre saper scegliere, seconda una classifica di necessità e di opportunità, avendo sempre ben chiaro che i costi, debbono all’incirca stare alla pari coi benefici. Valutazione non sempre facile. E non bisogna mai fare giochi di prestigio politici su queste valutazioni.

Per esempio, la nuova linea ferroviaria Torino Lione. Non serve per un collegamento essenziale, perché una linea c’è già. Ma quella nuova sarebbe utile per rendere più veloce il traffico, di merci e passeggeri. Questa finalità appare tenerla in considerazione. Ma a proposito di costi per nuove comunicazioni ferroviarie, ci sarebbe un’altra considerazione da fare. Quanto costerebbe rendere più umani i collegamenti ferroviari fra Bari e Potenza, per esempio? Si tratta di due capoluoghi di regione entrambi dell’Italia meridionale, che per ferrovia distano 131 chilometri. E che di benefici dal patrio governo non si può dire che storicamente ne abbiano ricevuti tanti, tant’è vero che anche la loro comunicazione stradale è in parte danneggiata. Lo sappiamo quanto tempo occorre per raggiungere Potenza da Bari con Trenitalia? L’orario ufficiale di Trenitalia dice che possiamo partire da Bari alle 7:20 e arrivare a Potenza alle 12:15: sono 4 ore e 55 minuti, con cambio di treno a Taranto (se si viaggia via Foggia, il tempo occorrente è lo stesso). Se invece partiamo da Bari alle 11:32, arriviamo a Potenza alle 15:51, stavolta con due cambi di treno e un tratto da fare in autobus. Con altri treni, la percorrenza dura anche 4 ore e 32 minuti. Se invece dovessimo recarci in treno da Bari a Catanzaro… questo lo raccontiamo un’altra volta, per non spaventare ulteriormente i lettori. E le comunicazioni in Sicilia e in Sardegna, anche quelle sono regioni che fanno parte della Repubblica Italiana, non sono congegnate con tempi analoghi, o peggiori? Difficile sarebbe il negare che questi fatti rappresentano delle vergogne nazionali.
E allora, vorrei dire agli statisti delle due formazioni che oggi tengono il governo, cerchiamo di farle tutte queste riflessioni, prima di continuare a contrapporre parole senza dati di fatto.
Ci sono però delle altre considerazioni, che nessuno dei politici sulla scena fa. A parte le dichiarazioni ai fini di cattura consensi per le elezioni europee, a proposito della Torino-Lione quali sono effettivamente i vincoli giuridici internazionali? Se esistono davvero delle scappatoie giuridiche, le si metta sul tavolo, dopo aver conciliato le opposte volontà di Salvini e dei pentastellati. Tenendo ben presente che, l’agitare questi problemi sulla base di slogan, infligge ferite alla nostra credibilità internazionale. E per ricomporre le ferite, ce ne vorranno tanti di anni.
Torniamo alla Torino-Lione. L’opera era stata progettata in due riprese: c’erano stati un primo progetto e poi un nuovo progetto del 2005 (stabilire date esatte è molto complicato, date le varianti continuamente sopravvenute). A parte la costruzione della linea ferroviaria, che in sé non presentava problemi, ardua sarà invece la perforazione, che secondo l’ultimo progetto sarebbe di 57 chilometri sul percorso da Susa a Saint-Jean-de-Maurienne. Ma si tratta di un lavoro da richiedere un tempo che mai si è riusciti a ipotizzare chiaramente? Anche questo è difficile capirlo. Per fare il canale di Suez, coi mezzi di cui si disponeva nella seconda metà dell’Ottocento, s’impiegarono dieci anni (1859-1869); per il traforo ferroviario del Frejus, chilometri 13,54, se ne andò dal 1857 al 1871; per i 15 chilometri della galleria ferroviaria del San Gottardo ci vollero dieci anni, dal 1872 al 1882. Considerati i grandi progressi della tecnologia, c’è qualcosa che proprio non quadra anche a questo proposito.

Non dimentichiamo intanto che, specialmente sul lato italiano, sono molto attivi i movimenti No-tav, verso i quali governo e magistratura hanno avuto la mano pesante, eppure anch’essi sono espressione di diritti costituzionali.
Le opere pubbliche si fanno non solo sulla base di considerazioni economiche, ma soprattutto perché servono per la vita del paese, quando si dimostri che siano indispensabili o vantaggiose. Questa certezza manca finora per la Torino-Lione.
Ci sono stati degli errori governativi italiani, precedenti rispetto all’entrata in carica dell’attuale esecutivo. All’inizio della presidenza (2017) di Emmanuel Macron, ci fu un raffreddamento francese rispetto alla Torino-Lione. Da parte italiana (governo di Paolo Gentiloni), anche per tutelare interessi italiani, non si volle cogliere quell’opportunità. Adesso tutto appare molto più complicato, perché da parte francese si mostra invece intransigenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400