Martedì 18 Giugno 2019 | 08:46

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 
L'analisi
Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

Ripristiniamo l’autorità anche simbolica dell’insegnante

 
Il punto
Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

Cantieri da sbloccare? Tutti al Nord, nessuno al Sud

 
L'editoriale
Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

Posseduta dal premier la «Golden Share» dell'esecutivo

 
L'analisi
L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

L’italiano vuole cambiare ma preferisce lo status quo

 
La riflessione
Conquista lucana tentazione nazionale?

Conquista lucana tentazione nazionale?

 
L'analisi
È vero esiste un’altra Taranto

È vero esiste un’altra Taranto

 
La riflessione
I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

I debiti vengono da lontano ma guai a farne altri

 
L'analisi
Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

Molti nodi da sciogliere al vertice della ripartenza

 
La riflessione
Fatemi sapere quando si arriva all’ultima spiaggia

Fatemi sapere quando si arriva all’ultima spiaggia

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoCittà nostra
Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

 
HomeProcesso Pandora
Mafia, chieste 91 condanne a Bari per i clan Diomede e Capriati

Mafia, chieste 91 condanne a Bari per i clan Diomede e Capriati

 
BatArrestato aggressore
Barletta, vigilessa aggredita da ambulante: solidarietà del sindaco

Barletta, vigilessa aggredita da ambulante: solidarietà del sindaco

 
FoggiaIl rogo
Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

Incendi alle Isole Tremiti, piromane in azione: avvistato con zaino rosso

 
PotenzaRegione Basilicata
Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

Potenza, più soldi per i portaborse: il Consiglio studia una legge ad hoc

 
MateraSanità lucana
Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

Basilicata, arriva l'infermiere di famiglia: un progetto «apripista»

 
LecceIl ritrovamento
San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

San Cesario, passanti trovano gatto senza testa: è caccia ai colpevoli

 
BrindisiL'incidente
Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimbo in ospedale

Ceglie Messapica, parco giochi pericoloso: bimba in ospedale

 

i più letti

L'analisi

Amarcord Rocco e le sue esibizioni

Il punto sulle polemiche scatenate nei giorni scorsi per le sconcertanti frasi dette da Casalino su ragazzi con la sindrome di Down e anziani

Amarcord Rocco e le sue esibizioni

Dei celebri ospiti “prestati” al corso di giornalismo organizzato dalla Provincia di Milano in cui, tra l’altro, si simulava una conferenza stampa, Rocco Casalino, non suscitò in me un grandissimo interesse. Era la primavera 2004 e tra gli aspiranti giornalisti c’ero anch’io. Vivevo a Milano dove facevo l’avvocato per un importante e prestigioso studio di consulenza legale e tributaria. Il destino ha fatto sì che tornassi a Bari, la mia città, e che oggi lavori per la Gazzetta del Mezzogiorno che ospita queste righe. Le polemiche scatenate nei giorni scorsi per le sconcertanti frasi dette da Casalino su ragazzi con la sindrome di Down e anziani, mi hanno indotto a rivedere per intero il video di quella esercitazione per rinfrescare la memoria.

Non ricordavo con precisione il passaggio incriminato. L’impressione generale che ebbi all’epoca è che Casalino stesse recitando una parte. Un’esibizione forzata, quanto infelice, al netto della sofferenza di persone in difficoltà e di chi sta loro vicino che meritano solo aiuto e rispetto. Il docente del corso, Enrico Fedocci, cronista di Mediaset, collega bravissimo, mi confidò dopo l’esercitazione che era stato proprio lui a suggerire a Casalino di fare una caricatura di se stesso per disorientare noi, aspiranti giornalisti. L’obiettivo? Metterci nelle condizioni di scrivere un pezzo “croccante”, ma non di pancia. Insomma, rimanere distaccati, senza coinvolgimenti emotivi anche davanti ad un interlocutore che va sopra le righe. In quel lungo filmato, mi sono rivisto per qualche secondo. A Casalino, reduce dal Grande Fratello e che pontificava sulla tv e sui suoi personaggi, dissacrandoli, sbandierando l’ipocrisia di quel mondo, posi una sola domanda. E cioè se, lui, ospite fisso di “Buona Domenica” e di casa nei salotti televisivi, riservasse un atteggiamento così sferzante anche nei confronti del potentissimo Maurizio Costanzo che in tv lo invitava. Non un domandone, mi rendo conto, ma mi ispirò solo questo. Di quel corso, invece, ricordo molto meglio personaggi che ho conosciuto in quella occasione e “intervistato”, simulando una conferenza stampa. Ricordo ad esempio Ettore Mo, inviato di guerra del Corriere della Sera che, tra l’altro, raccontò di quando era corrispondente a Londra e non aveva nessuna intenzione di rinchiudersi in un ufficio, scappando sul luogo in cui a due ore di distanza, crollò una scuola.

“My name is Mary, please help me”, fu l’attacco del suo pezzo che riportava le lamentele della piccola sotto le macerie. Ricordo anche Luciano Lutring, il “solista del mitra”, bandito gentile (specie con le donne), divenuto artista apprezzato dietro le sbarre. Per non parlare dei suoi racconti romanzeschi. Ricordo Mario Moretti, leader storico delle Brigate Rosse. “Ex brigatista e papà di Caterina”, fu l’attacco della mia “prova”. Così cercai di sintetizzare in poche battute il dolore che aveva provocato a tante vittime e il suo ruolo di padre. Toccante il racconto del figlio del maresciallo Rosario Berardi, ucciso dai terroristi. Anche lui ospite del corso. Per ognuno di questi incontri, ho conservato qualcosa che mi resta dentro.

Per Casalino, invece, ho dovuto almeno in parte “riempire” i ricordi rivedendo, dopo quasi tre lustri, l’intera “conferenza stampa”. Intera, appunto, non limitata ai pochi secondi incriminati, oggettivamente sconcertanti specie se estrapolati dal contesto. L’impressione è che l’attuale portavoce del premier Giuseppe Conte fosse (o volesse apparire) sicuro di sé, ai limiti della strafottenza. Facendo una caricatura di se stesso, come gli era stato chiesto. Non credo, insomma, che Casalino pensasse sul serio quelle enormità. Del resto, se non si racconta la verità in conferenza stampa vere, figurarsi in quelle simulate come quella di 14 anni fa cui ho partecipato anche io. Chissà, Casalino cercava solo, anche in un’aula di aspiranti cronisti, la provocazione a tutti i costi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE