Giovedì 30 Giugno 2022 | 13:06

In Puglia e Basilicata

Vittoria

La tarantina Benny Pilato campionessa del mondo nei 100 rana: «Aver vinto è davvero sorprendente»

Pilato, nuoto femminile

Benedetta Pilato

Da sesta ha rimontato fino al primo posto nella gara a Budapest

20 Giugno 2022

Redazione online

TARANTO - Benedetta Pilato da record: a Budapest ha sbaragliato tutti nei 100 rana femminili diventando la campionessa del mondo nella sua categoria. La 17enne tarantina da sesta ha rimontato fino al primo posto, conquistando l'oro iridato. È la seconda medaglia per gli azzurri dopo Nicolò Martinenghi che ieri ha conquistato l'oro iridato nei 100 rana maschili.

LE PAROLE DI BENNY PILATO

«Era la mia prima finale mondiale nei 100 rana e già ero contenta di averla raggiunta. Aver vinto è davvero sorprendente». Così l’azzurra benedetta Pilato, oro nei 100 rana ai Mondiali di nuoto a Budapest.
«Prima della gara piangevo di gioia per Ceccon che mi ha fatto rivivere le sensazioni provate quando ho stabilito il record mondiale e adesso eccomi qua con l’oro al collo - ha detto ancora la 17enne tarantina - Sono stracontenta e soddisfatta del mio lavoro e del mio percorso. Sto crescendo anche se resto sempre la più piccola della squadra, quindi me la godo. Siamo una nazionale fortissima. Siamo uniti, vinciamo, sembra venire tutto facile».

Pilato oro ai Mondiali, Melucci: «Lei è l’emblema della nostra comunità»

«La comunità ionica manda un grandissimo abbraccio al suo gioiello, Benedetta Pilato. È veramente un momento particolare per la storia di Taranto, lei è l’emblema della trasformazione che la nostra comunità, a partire dai più giovani e a partire dallo sport, sta compiendo», così ha commentato il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci in merito alla vittoria della 17enne tarantina.
«E il nostro impegno lo rinnoviamo con lei, con tutti i giovani della sua generazione per l'impiantistica sportiva della città che si sta rinnovando in vista dei Giochi del Mediterraneo. Forza Benny, auguri e complimenti!».

LE MEDAGLIE AZZURRE

L’Italia del nuoto sincronizzato festeggia un lunedì speciale ai Mondiali di Budapest, esultando prima per l’oro di Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero nel misto tecnico e poco dopo per il bronzo conquistato dalla squadra nella combinata, la decima medaglia di sempre ai campionati del mondo, e la prima in questa specialità.
Ci sono voluti tre anni, per Minisini e Ruggiero, ma alla fine il risultato è arrivato. I due romani lavorano al progetto da settembre 2019, ma sono stati fermi, prima per la pandemia e poi perché hanno contratto loro stessi il Covid alla vigilia degli Europei. Sfruttando l’assenza dei russi, fin dal preliminare hanno staccato le coppie di Giappone e Cina, le più temibili, e nella finale di oggi sembravano danzare nell’acqua, sulle note del Requiem di Verdi. Così hanno confermato la prima posizione e migliorato anche il punteggio vincendo con 89.2685 punti. L’argento è andato al Giappone (86.5939) e il bronzo alla Cina (86.4425).
«Eravamo in pieno controllo e ho avvertito la sensazione che nessuno avrebbe potuto fermarci - le parole del veterano Minisini, al suo quarto mondiale con una medaglia d’oro, tre d’argento e due di bronzo -. Oggi festeggiamo questo bellissimo titolo e da domani si pensa al prossimo obiettivo, perché voglio sempre di più». Per Ruggiero è stato un esordio mondiale memorabile: «Sono contenta soprattutto se penso a tutte le difficoltà che abbiamo superato, per creare quel feeling indispensabile per poter esibirsi con successo».
La fatica è stata ripagata, adesso Giorgio e Lucrezia sono sul tetto del mondo, da dove hanno assistito alla prova della squadra nella combinata e a un podio del tutto inedito e meritato per la capitana, Gemma Galli, e Domiziana Cavanna, Linda Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Marta Iacoacci, Marta Murro, Enrica Piccoli, Federica Sala e Francesca Zunino. Con 92.0333 punti, l'Italia ha confermato il terzo posto ottenuto nel preliminare, con la medaglia d’oro che è andata all’Ucraina (95.0333), per un successo che sa un pò d’Italia e che vuole essere una speranza di pace, e l’argento al Giappone (93.5667 punti).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725