Domenica 27 Settembre 2020 | 06:54

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
A Bari Vecchia il cielo si riempie di ombrelli volanti

A Bari Vecchia il cielo si riempie di ombrelli volanti

 
Incontri di Dialoghi
Trani, il regista Daniele Vicari vince il premio Megamark

Trani, il regista Daniele Vicari vince il premio Megamark

 
Territorio è risorsa
L’identità di Puglia parte dai beni culturali: dagli «Exultet» alla «Gazzetta»

L’identità di Puglia parte dai beni culturali: dagli «Exultet» alla «Gazzetta»

 
la storia
Da Bari a Roma con il sogno di diventare sindaco della Capitale

Da Bari a Roma con il sogno di diventare sindaco della Capitale

 
il progetto
Archeologia, 3 Università pugliesi insieme per scavi subacquei

Archeologia, 3 Università pugliesi insieme per scavi subacquei

 
operazione Gdf
Molfetta, 20 tonnellate ortaggi sequestrati e donati a Enti caritatevoli: provenivano dall'Albania e circolavano come italiani

Molfetta, 20 tonnellate ortaggi sequestrati e donati a Enti caritatevoli: provenivano dall'Albania

 
il libro in Puglia
«F***ing Genius», Massimo Temporelli in bici lungo l'Italia per raccontare salite e discese della scienza

«F***ing Genius», Massimo Temporelli in bici lungo l'Italia per raccontare salite e discese della scienza

 
L'evento
Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

 
Sabato 25
Immigrazione, luci e ombre della sanatoria in agricoltura nel nel Foggiano: inchiesta Tv7

Immigrazione a Foggia, luci e ombre della sanatoria in agricoltura: inchiesta Tv7

 
la scoperta
Trapianti, scoperta causa più frequente rigetto rene: studio compiuto con Università Bari e Foggia

Trapianti, scoperta causa più frequente rigetto rene: studio compiuto con Università Bari e Foggia

 

Il Biancorosso

Serie C
bari calcio, mister Auteri: « A Francavilla imporremo nostro gioco»

Bari calcio, mister Auteri: « A Francavilla imporremo nostro gioco»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materaturiste minorenni violentate
Stupro a Marconia, al via incidente probatorio: una delle vittime ha riconosciuto i 4 indagati

Stupro a Marconia, al via incidente probatorio: una delle vittime ha riconosciuto i 4 indagati

 
BariIl caso
Bari, il lungomare di Santo Spirito è al buio da 2 giorni: l'allarme dei cittadini

Bari, il lungomare di Santo Spirito è al buio da 2 giorni: l'allarme dei cittadini

 
PotenzaIl virus
Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

 
TarantoA Torre Ovo
Taranto, marito e moglie entrambi poliziotti salvano anziano dalla furia del mare

Taranto, marito e moglie entrambi poliziotti salvano anziano dalla furia del mare

 
BrindisiA Punta della Contessa
Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

 
LecceControlli dei CC
Poggiadro, coppia di pusher nascondevano in casa cocaina e marijuana: due in manette

Poggiardo, coppia di pusher nascondeva in casa cocaina e marijuana: arrestati

 
GdM.TVTragedia sfiorata
Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

 

i più letti

il ricordo

Addio Leone di Lernia
«Il mio tormento
per un'intervista»

Leone di Lernia

di ALBERTO SELVAGGI

Il mio rapporto con Leone Di Lernia, al pari di tutti gli altri a pensarci, fu veramente particolare. «Liòne» (io lo chiamavo così in ode alla sua animalità popolana) mi fulminò nei Settanta quando ero un misto tra un bambino e un ragazzo, non appena lo vidi dimenarsi sulla leggendaria tivù locale Telebari in «Gaccia ad’avè» (cover pugliastra di «I’gotcha» di Joe Tex), con abominoso cinturone su trippa presleyana (alla Elvis).
Così quando attorno al Duemila incominciai a firmare sulla «Gazzetta» la serie «L’intervista della domenica», paginate intere dedicate ai pugliesi famosi, scatenando un pandemonio a settimana, il mio eroe spiccava tra i primi nel listone. Spinsi facilmente il Lione, ingenuotto, oltre il limite che già frequentava di suo. Finché, dopo aver dato della «puttanazz’» – per scherzo, ovvio - alla buona moglie, espettorò un risolutivo: «Perché tutte le femmine di Trani sono zoccole». Frase che, ligio, riportai sul giornale punto per punto.

Fu la fine. Per Di Lernia, e per me un poco pure. Le donne di Trani, sobillate da post-femministe facinorose, marciarono alla volta del Comune chiedendo la testa del cantore di tutte le cozzalitudini. Causa effetto a catena, al Leone venne stracciato il contratto del concertone che doveva tenere nella città natìa a suggello del gran ritorno. Alcuni savonaroliani affissero manifestini quali «Di Lernia vattene da Trani» e «Leone vergogna», tanto che la madre del reo, malvista per induzione, tappata in casa fu colta da malore. E da allora il tapino indirizzò la frusta sull’artefice delle afflizioni: io.

Dopo trattativa mediata da colleghi per farmi smentire ciò che avevo e ho ancora inciso su supporto, prese a chiamarmi quasi ogni giorno, tra il serio e il faceto, per due mesi, minacciando di mandarmi «in rovina, mulacchione!, visto che hai fatto pigliare l’infarto pure a mamma!», sproloquiando, modulando frasette seducenti o finto-ricchioniche, e cabrando alfine ogni volta nell’invettiva con urlo: «Albertino… Come sei carino con quel bell’occhiolino… Ma che bel visino: sei il mio ciccino..? Eh? Albertino… Mavaff… Kittemm’… La puttan’ d’ màmt’… Keddafess… Ricchionazz’ d’ mmerd…!». Eccetera eccetera.
Né lui né io sapevamo dove finisse il gioco e incominciasse lo sfogo. Lione ci aveva preso tanto gusto che ormai mi chiamava imprecando e cantandomi hit napoletane con gloglottanti gorgheggi («Te si’ fatta ‘na vesta scullàaata..!»), senza soluzione. Per me la consuetudine, quasi intesa reciproca, aveva assunto l’ovvietà del sole: «Uè, ciao Leone, beh, di’…». Più volte ho lasciato il telefono affinché parlasse con sé, da solo, o l’ho passato mentre ero alla guida ad amici e amiche: «Cavolo, ma è veramente Di Lernia! È pazzo..! Vendiamo le registrazioni?».
Ci fu una coda un anno dopo, quando mia sorella, incauta, gli si presentò a una grande fiera a Milano: «Ah… Sei parente di quel pieno di corna?! Ah, brava… Ma vaff..! Selvaggi di ‘stu c..!». Finché Lione svanì dalla mia vita, senza motivo, come adesso per sempre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie