Venerdì 26 Febbraio 2021 | 08:41

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
«Pensa! Alla salute», gli incontri online degli psicologi pugliesi per promuovere il benessere mentale

«Pensa! Alla salute», gli incontri online degli psicologi pugliesi per promuovere il benessere mentale

 
Musica
«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

«Tribù urbana», nuovo disco per Ermal Meta: «Nasce per essere cantato a squarciagola sotto il palco»

 
Voci
Savino Zaba: «Radio, famiglia, teatro, tv: non mi fermo»

Savino Zaba: «Radio, famiglia, teatro, tv: non mi fermo»

 
Nuove uscite
Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

Conte e Petrella: «Un disco per fermare le 'quarantene' della nostra anima»

 
verso il festival
«SanremoSol»: nel programma in diretta dalla città dei fiori anche due talenti da Puglia e Basilicata

«SanremoSol»: nel programma in diretta dalla città dei fiori anche due talenti da Puglia e Basilicata

 
L'intervista
Il vero professor Introna racconta come è nato il suo clone in «Lolita»

Il vero professor Introna racconta come è nato il suo clone in «Lolita»

 
solidarietà
San Severo, donna lascia fiori avvolti da nastro tricolore alla caserma CC: «Condoglianze all'Arma e grazie»

San Severo, donna lascia fiori avvolti da nastro tricolore alla caserma CC: «Condoglianze all'Arma e grazie»

 
Il ricordo
Addio Franco Cassano, un orizzonte oltre le ferite della modernità

Addio Franco Cassano, un orizzonte oltre le ferite della modernità

 
L'intervento
Cerignola, cucciolo di pastore tedesco salvato sulla A14 da agenti Polstrada

Cerignola, cucciolo di pastore tedesco salvato sulla A14 da agenti Polstrada

 
nel Barese
Bitonto, spunta antico sepolcro: scheletro di una donna, forse del VI-III secolo a.C.

Bitonto, spunta antico sepolcro: scheletro di una donna, forse del VI-III secolo a.C.

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

i più letti

il ricordo

Addio Leone di Lernia
«Il mio tormento
per un'intervista»

Leone di Lernia

di ALBERTO SELVAGGI

Il mio rapporto con Leone Di Lernia, al pari di tutti gli altri a pensarci, fu veramente particolare. «Liòne» (io lo chiamavo così in ode alla sua animalità popolana) mi fulminò nei Settanta quando ero un misto tra un bambino e un ragazzo, non appena lo vidi dimenarsi sulla leggendaria tivù locale Telebari in «Gaccia ad’avè» (cover pugliastra di «I’gotcha» di Joe Tex), con abominoso cinturone su trippa presleyana (alla Elvis).
Così quando attorno al Duemila incominciai a firmare sulla «Gazzetta» la serie «L’intervista della domenica», paginate intere dedicate ai pugliesi famosi, scatenando un pandemonio a settimana, il mio eroe spiccava tra i primi nel listone. Spinsi facilmente il Lione, ingenuotto, oltre il limite che già frequentava di suo. Finché, dopo aver dato della «puttanazz’» – per scherzo, ovvio - alla buona moglie, espettorò un risolutivo: «Perché tutte le femmine di Trani sono zoccole». Frase che, ligio, riportai sul giornale punto per punto.

Fu la fine. Per Di Lernia, e per me un poco pure. Le donne di Trani, sobillate da post-femministe facinorose, marciarono alla volta del Comune chiedendo la testa del cantore di tutte le cozzalitudini. Causa effetto a catena, al Leone venne stracciato il contratto del concertone che doveva tenere nella città natìa a suggello del gran ritorno. Alcuni savonaroliani affissero manifestini quali «Di Lernia vattene da Trani» e «Leone vergogna», tanto che la madre del reo, malvista per induzione, tappata in casa fu colta da malore. E da allora il tapino indirizzò la frusta sull’artefice delle afflizioni: io.

Dopo trattativa mediata da colleghi per farmi smentire ciò che avevo e ho ancora inciso su supporto, prese a chiamarmi quasi ogni giorno, tra il serio e il faceto, per due mesi, minacciando di mandarmi «in rovina, mulacchione!, visto che hai fatto pigliare l’infarto pure a mamma!», sproloquiando, modulando frasette seducenti o finto-ricchioniche, e cabrando alfine ogni volta nell’invettiva con urlo: «Albertino… Come sei carino con quel bell’occhiolino… Ma che bel visino: sei il mio ciccino..? Eh? Albertino… Mavaff… Kittemm’… La puttan’ d’ màmt’… Keddafess… Ricchionazz’ d’ mmerd…!». Eccetera eccetera.
Né lui né io sapevamo dove finisse il gioco e incominciasse lo sfogo. Lione ci aveva preso tanto gusto che ormai mi chiamava imprecando e cantandomi hit napoletane con gloglottanti gorgheggi («Te si’ fatta ‘na vesta scullàaata..!»), senza soluzione. Per me la consuetudine, quasi intesa reciproca, aveva assunto l’ovvietà del sole: «Uè, ciao Leone, beh, di’…». Più volte ho lasciato il telefono affinché parlasse con sé, da solo, o l’ho passato mentre ero alla guida ad amici e amiche: «Cavolo, ma è veramente Di Lernia! È pazzo..! Vendiamo le registrazioni?».
Ci fu una coda un anno dopo, quando mia sorella, incauta, gli si presentò a una grande fiera a Milano: «Ah… Sei parente di quel pieno di corna?! Ah, brava… Ma vaff..! Selvaggi di ‘stu c..!». Finché Lione svanì dalla mia vita, senza motivo, come adesso per sempre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie