Giovedì 21 Gennaio 2021 | 19:45

NEWS DALLA SEZIONE

Arte
Pinacoteca Bari, al via restauro opera di Cifariello

Pinacoteca Bari, al via restauro opera di Cifariello

 
La testimonianza
Molfetta, 42enne guarita dal Covid: «Si è presentato con un mal di schiena»

Molfetta, 42enne guarita dal Covid: «Si è presentato con un mal di schiena»

 
La storia
Gravina, pediatra in pensione a 73 anni si rimette il camice da volontario

Gravina, pediatra in pensione a 73 anni si rimette il camice da volontario

 
Musica
Puglia Sounds Plus, la regione sostiene 116 nuovi progetti musicali: ecco l'elenco

Puglia Sounds Plus, la regione sostiene 116 nuovi progetti musicali: ecco l'elenco

 
150 anni
Mercadante, da Altamura il vero «mago del flauto»

Mercadante, da Altamura il vero «mago del flauto»

 
In autunno in tv
Dea Lecce diventa set cinematografico per fiction «Fino all’ultimo battito»

Dea Lecce diventa set cinematografico per fiction «Fino all’ultimo battito»

 
Il bilancio del Wwf
Molfetta, recuperate e liberate oltre mille tartarughe marine in poco più di 2 anni

Molfetta, recuperate e liberate oltre mille tartarughe marine in poco più di 2 anni

 
Il libro
Carofiglio lancia Penelope: esce oggi il nuovo romanzo dello scrittore barese

Carofiglio lancia Penelope: esce oggi il nuovo romanzo dello scrittore barese

 
La curiosità
Sotto i trulli il matrimonio dura di più: ad Alberobello nozze d'oro per 27 coppie

Sotto i trulli il matrimonio dura di più: ad Alberobello nozze d'oro per 27 coppie

 
la ricerca
Università Bari studia vecchio farmaco diuretico: potrebbe essere nuova arma anti-Covid

Università Bari studia vecchio farmaco diuretico: potrebbe essere nuova arma anti-Covid

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariEmergenza contagi
Bitonto, focolaio Covid a Villa Giovanni XXIII: 110 positivi tra anziani e operatori

Bitonto, focolaio Covid a Villa Giovanni XXIII: 110 positivi tra anziani e operatori

 
Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

storia e ricerca

Ecco le borse di studio
sulla Disfida di Barletta

BARLETTA - È stato pubblicato il 13 febbraio 2017 sull’Albo pretorio del Comune di Barletta e sul sito dell'Associazione del Centro Studi Normanno-Svevi il secondo bando, relativo all’anno 2017, per il finanziamento di tre borse di studio da 2.500 euro ciascuna nell’ambito del progetto «Storia della città di Barletta».
Si tratta di una vera sfida per il territorio, e per questo per la sua pubblicazione è stata scelta la simbolica data dell’anniversario della Disfida.
Due delle tre borse sono finanziate dal Comune di Barletta, mentre la terza è stata attivata dall'Associazione del Centro Studi Normanno-Svevi. Tutte e tre sono destinate a laureati - italiani e stranieri - in discipline storiche, storico artistiche, archeologiche, del campo dei beni culturali, in possesso di laurea quadriennale o magistrale (o, per gli stranieri, titolo di studio equipollente) e che non abbiano compiuto il quarantesimo anno di età.
I candidati dovranno presentare un progetto di lavoro a tema libero, per un massimo di 10.000 battute, che abbia come oggetto di ricerca argomenti inerenti allo studio di Barletta e del suo territorio dall’età preclassica al secolo XX, realizzabile in tre mesi a partire dalla data di assegnazione della borsa.
I progetti potranno vertere su tematiche afferenti alle discipline umanistiche. Sarà possibile presentare progetti che indaghino su particolari aspetti della storia di Barletta e del suo territorio, o che si muovano nell’ottica del recupero, della schedatura, della sistematizzazione di parti di patrimonio (documentario, artistico, archeologico, letterario) della città e del suo territorio. Sarà data positiva valutazione in particolare a progetti che avranno una ricaduta concreta nell’ambito della valorizzazione del patrimonio culturale cittadino e del suo territorio.

Le candidature e i relativi progetti dovranno pervenire nella sede dell’Associazione del Centro Studi Normanno-Svevi (Palazzo Ateneo, Piazza Umberto I, 70122 Bari) a mezzo raccomandata A/R entro il 17 marzo 2017 (fa fede il timbro postale di partenza). I vincitori saranno selezionati da una apposita commissione giudicatrice e avranno tre mesi di tempo per concludere il lavoro, che sarà successivamente presentato in un seminario pubblico a Barletta, nell’autunno 2017.
«Si tratta di un risultato importante - dice Victor Rivera Magos, coordinatore del progetto - che l’Associazione spera di far crescere ancora nel futuro. Attraverso queste attività si riuscirà nei prossimi anni non solo a sostenere la ricerca e il lavoro di giovani laureati, professionalità altamente specializzate nel campo delle scienze umane che, purtroppo, in questa Italia dei giorni nostri non trovano spazi di lavoro e di valorizzazione della propria competenza maturata in anni di studio e formazione specifica. In secondo luogo perché, grazie al loro lavoro e ai progetti presentati e selezionati vincitori, è possibile iniziare il recupero di parti di patrimonio e di memoria storica dimenticati e che, per carenza di risorse, è stato impossibile, sino ad ora, valorizzare. Si pensi che con il precedente bando, grazie a una sinergia sviluppata con il Comune di Barletta, la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio Bat-Foggia e l’Arcidiocesi di Trani, è stato iniziato il recupero, in funzione della successiva musealizzazione, dei materiali archeologici rinvenuti durante lo scavo nella Cattedrale di Barletta, terminato ormai 20 anni fa. E, inoltre, si è cominciato a lavorare anche sui manoscritti inediti della Biblioteca comunale di Barletta, parte fondamentale della memoria normativa della città cinquecentesca».

Il bando è scaricabile: http://associazionecentrostudinormannosvevi.blogspot.it/2017/02/concorso-borse-di-studio-per-lanno-2017.html oppure http://albopretorio.comune.barletta.bt.it/hypersicportale/portale/albopretorio/albopretorioconsultazione.aspx?CATEGORIA_ID=6&EVENTO_ID=2.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie