Giovedì 21 Gennaio 2021 | 00:39

NEWS DALLA SEZIONE

Musica
Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

Il nuovo Anteros, un talento pronto al primo album

 
L'intervista
Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

Camerata Musicale Barese, le 80 stagioni: parla il direttore De Venuto

 
Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

Bari, con Caffellatte la psicologia si racconta anche in musica

 
La rassegna
Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

Festival della Valle d'Itria, barocco e classicismo anime della 47esima edizione

 
Inediti e rarità
Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

Vito Clemente e la Sinfonica alla ricerca dei due Traetta

 
nuove uscite
«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

«Navigare a vista»: i Salento All Stars in duetto con Cristiana Verardo, suoni caldi e atmosfere mediterranee

 
Musica
«Ora», nuovo singolo dei tarantino Revortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

«Ora», nuovo singolo dei tarantini Arevortik: «Cantiamo la voglia di evadere»

 
Musica
«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

«Pezzo di cuore»: Emma e Alessandra Amoroso in un duetto tutto salentino

 
Musica
«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

«Povera femmina», arriva il nuovo brano di Napoleone: una storia vera che dà voce a un mare in tempesta

 
Nuova proposta
Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

Vito Signorile mette in musica Bari e le sue tradizioni

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

L'INCISIONE

«Vi porto in viaggio sulle ali di Skrjabin»

Dal barese Nuccio Trotta le dieci Sonate per piano in due cd

«Vi porto in viaggio sulle ali di Skrjabin»

Se c’è uno dei compositori vissuti a cavallo tra ‘800 e ‘900, amati dai pianisti, ma mai forse davvero considerati come avrebbero meritato, Aleksandr Skrjabin (1872-1915) è senza dubbio il più geniale e affascinante.

Erede della poesia chopiniana e della tecnica lisztiana in gioventù, poi sempre più mistico e simbolista. Fino a uno stile iconoclasta e futurista. Esemplari in questo percorso le sue dieci Sonate per pianoforte, composte in poco più di vent’anni dal 1892 al 1913. Ieri è stato appena pubblicato, per la prestigiosa etichetta genovese Dynamic, un cofanetto di due cd prodotti dalla RSI (Radiotelevisione svizzera) che raccoglie l’integrale delle Sonate di Skrjabin, eseguite dal pianista barese Nuccio Trotta (www.nucciotrotta.online), che vive e lavora in Svizzera, a Bellinzona, da più di vent’anni.

«Suonare Skrjabin - spiega il pianista - non è da tutti. Bisogna avere viti smollate ed essere liberi dove altri sono imprigionati. Perché la sua musica ha degli elementi fuori dalla comune immaginazione. Se il pianista non è dotato in questo senso, è come sentire messa celebrata da un ateo». Il pensiero di Trotta ben riassume l’attrazione straordinaria che ha sempre avuto verso questa musica. Che nelle dieci Sonate cambia continuamente colore, forma, architettura e ispirazione. La stessa che il pianista traduce nelle sue interpretazioni: mai banali e convenzionali, ma anzi, dedicate a una ricerca spasmodica sul timbro e sull’intonazione. Per non parlare del fraseggio, tra «rubati» e «più mossi», in un equilibrio in apparenza sempre instabile, ma che nel profondo giunge alla scoperta di una vera e propria pietra filosofale.

Trotta ha una formazione artistica di tutto rispetto: diplomato in soli sette anni al Conservatorio Piccinni di Bari e poi perfezionatosi con maestri come Aldo Ciccolini e, alla fine degli anni ‘80, al Mozarteum di Salisburgo con Sergej Dorenski, l’allora direttore del Conservatorio di Mosca. La sua multiforme esperienza musicale spazia dal solismo all’accompagnamento di spettacoli teatrali in lunghe tournée. Senza dimenticare la musica da camera. «Quella per Skrjabin è una attrazione nata in maniera inspiegabile quando iniziai a studiare la Sonata n. 6 - prosegue il pianista -, tra indicazioni non convenzionali e frasi deliranti che leggevo. Non conoscevo allora il suo pensiero, ma la sua musica mi intrigava e la sentivo nelle mie corde. Poi ne capii il senso: il compositore russo considerava il musicista un ponte tra il trascendente e il terreno, e le sue opere musicali erano veri e propri esseri viventi. Le dieci Sonate rappresentano un viaggio, tra i suoi drammi e le domande cruciali, nei rapporti tra il divino e l’umano».

Così, Trotta diventa una sorta di traghettatore per l’ascoltatore: dal pianismo ancora tonale delle prime Sonate (con una visione in certi momenti molto originale, nel fraseggio, dei capolavori che vanno dalla Seconda alla Quinta), all’allargamento degli orizzonti sonori che disegnano uno Skrjabin altrettanto rilucente e fremente, dalla Sesta alla Decima.
La musica rappresenta un viaggio al centro di me stesso - conclude Trotta -, un viaggio che terminerà solo con il mio ultimo giorno di vita. Essa ci spoglia delle nostre meschinità, facendoci apparire nudi e puri».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie