Giovedì 20 Giugno 2019 | 06:53

NEWS DALLA SEZIONE

Arcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
A taranto
Poliziotti fermano 17enne senza casco, 37enne li aggredisce: denunciato

Poliziotti fermano 17enne senza casco, 37enne li aggredisce: denunciato

 
Nel Tarantino
Marina di Ginosa: ha 8 braccianti irregolari in macchina, arrestato 39enne

Marina di Ginosa: ha 8 braccianti irregolari in macchina, arrestato 39enne

 
Sport
Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

Volley, nazionale femminile sorde è oro agli Europei: tra loro una tarantina

 
Università
In arrivo a Taranto il corso di Scienze dello Sport: 60 posti disponibili

In arrivo a Taranto il corso di Scienze dello Sport: 60 posti disponibili

 
Il caso
Ex Ilva, operaio muore di tumore, un collega: «La fabbrica uccide»

Ex Ilva, operaio muore di tumore, lo sfogo di un collega: «La fabbrica uccide»

 
Il siderurgico
Ex Ilva, le vittime chiedono un nuovo giudizio alla Corte di Strasburgo

Ex Ilva, le vittime chiedono un nuovo giudizio alla Corte di Strasburgo

 
al rione tamburi
Taranto, spaccia eroina in casa: arrestato pluripregiudicato

Taranto, spaccia eroina in casa: arrestato pluripregiudicato

 
Città nostra
Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

 
Lotta alla droga
Taranto, sorpreso con un chilo di hashish: arrestato 26enne

Taranto, sorpreso con un chilo di hashish: arrestato 26enne

 
L'incidente
Grottaglie, scontro frontale tra auto: un morto e un ferito grave

Grottaglie, scontro frontale tra auto: un morto e un ferito grave

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Dazn e il Bari anche in serie CFunziona l'accordo in televisione

Dazn e il Bari anche in serie C: funziona l'accordo in televisione

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSere d'estate
Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

 
BatMaltrattamento di animali
Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

Trani, cane trascinato da un'auto, Bottaro: «Bestia non la passerai liscia»

 
PotenzaUdienza a dicembre
Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

 
BrindisiNel Brindisino
La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

La storia dell'olio evo pugliese nel museo di Torre Santa Susanna

 
FoggiaIl processo
Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

Foggia, uccise la moglie a coltellate: condannato anche in appello all'ergastolo

 
LecceEnoturismo
Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

Suoni e Sapori del Salento: a Otranto premi e degustazioni

 
TarantoArcelor Mittal
ArcelorMittal: «Se decreto crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

Ex Ilva, «Se dl crescita resta così, impossibile gestire stabilimento»

 
MateraL'operazione
Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano

Caporalato, sequestri per 7 milioni nel Materano: 4 imprenditori indagati

 

i più letti

le celebrazioni

Taranto festeggia la Marina Militare: c'è anche la Vespucci, la nave più antica

Presenti anche il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, il capo di Stato maggiore della Difesa, Ezio Vecciarelli, e il capo di Stato maggiore della Marina, Walter Girardelli

Una coreografia di venti navi schierate in Mar Grande, sorvolo a bassa quota di aerei ed elicotteri della Marina, lancio di paracadutisti: tutto questo ha fatto da sfondo alla festa nazionale della Marina militare celebrata oggi a Taranto alla presenza del ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, del capo di Stato maggiore della Difesa, Ezio Vecciarelli, e del capo di Stato maggiore della Marina, Walter Girardelli. Tra le navi ormeggiate, aperte alle visite da venerdì scorso, che hanno raggiunto la base navale, c'è anche l’Amerigo Vespucci, la più antica della Marina Militare Italiana e una delle più belle al mondo.


Il ministro Trenta è salita a bordo del veliero Vespucci, presentato con «emblema della Marina militare», e poi con una "pilotina» della Marina militare ha passato in rassegna, per gli onori di rito, le altre navi dislocate per l’occasione nella base navale di Chiapparo. Presenti alla cerimonia il comandante di Marina Sud, ammiraglio Salvatore Vitiello, il comandante della base di Taranto, Ciro Del Vecchio, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il sindaco Rinaldo Melucci, l'arcivescovo di Taranto Filippo Santoro ed altre autorità civili, militari e religiose. Oggi è avvenuta la consegna della bandiera di combattimento all’equipaggio di nave Martinengo, fregata missilistica, entrata così ufficialmente nella squadra navale e d’ora in poi di stanza a Taranto. Lo scafo è stato varato il 4 maggio 2017.

LE PAROLE DEL MINISTRO DELLA DIFESA - «Non c'è dubbio che la nostra Marina Militare sia da sempre sulla scia della costante modernizzazione. Il processo che riguarda le linee operative è iniziato con la Legge Navale del 2014 e procede secondo i programmi, nell’ottica del consolidamento della Squadra Navale nel suo complesso. Il progressivo ingresso in piena operatività di ben sette unità della classe Fremm lo testimonia, così come l'imminente varo della prima unità della nuova classe dei Pattugliatori Polivalenti d’Altura, che sarà dedicata alla memoria dell’Ammiraglio Thaon di Revel. Oggi è il tempo del fare, del costruire, del rinnovare». Lo ha sottolineato il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, intervenendo a Taranto alla cerimonia per la giornata nazionale della Marina militare. «È anche il tempo - ha osservato il ministro - delle emozioni come quelle che abbiamo vissuto a Castellammare di Stabia, al varo di Nave Trieste. O come quella della consegna della Bandiera di Combattimento al Martinengo, donata da questa città. La custodirà lo scrigno offerto dall’Associazione Nazionale Marinai d’Italia di Taranto fino a quando non sarà necessario esporla sul pennone più alto della nave».

GIRARDELLI: DUEMILA MILITARI IN MISSIONE - «Oggi duemila uomini e donne della Marina sono dislocati su quattro continenti: dall’Inghilterra a Gibuti, dagli Stati Uniti all’Afghanistan, ma soprattutto nei mari, nei cieli, negli oceani del mondo, impegnati nell’attività che il governo e il Parlamento ci assegnano, per contribuire alla stabilità e alla sicurezza nazionale». Lo ha ricordato il capo di Stato maggiore della Marina, Walter Girardelli, intervenendo alla festa nazionale della Marina militare celebrata oggi a Taranto alla presenza del ministro della Difesa, Elisabetta Trenta.
«Desidero citare - ha aggiunto - l’operazione Europea Atalanta di contrasto alla pirateria nel bacino somalo e nel Golfo di Aden condotta ininterrottamente da 11 anni, che ha assicurato la riduzione e il controllo di questo fenomeno criminoso. Fenomeno non ancora eradicato se, su 38 attacchi condotti in tutti i mari del mondo nel primo trimestre del 2019, ventidue sono stati effettuati nelle acque africane». Girardelli ha osservato che «di grande rilievo è anche l'operazione Mare Sicuro, iniziata nel marzo 2015, finalizzata a controllare e conferire certezza del diritto al libero e lecito uso a un’ampia zona del nostro Mediterraneo, garantendo la presenza, la sorveglianza, la prevenzione, la deterrenza e il contrasto ai traffici illeciti e del terrorismo. In una parola: la sicurezza marittima per la tutela degli interessi nazionali, inclusa la protezione del traffico mercantile, della quota peschereccia e delle piattaforme energetiche strategiche nazionali». 

Da agosto del 2017, ha precisato Girardelli, «l'unità logistica è dislocata in Libia, nel porto di Tripoli, con compiti di supporto ai mezzi della Marina e della Guardia Costiera del Paese facendo così riacquisire a quegli equipaggi una adeguata capacità di pattugliamento e controllo interventi nelle acque territoriali e nella zona di mare internazionale dichiarata di responsabilità da parte della Libia stessa».
A integrazione «complementare perfetta delle specifiche operazioni, mi preme evidenziare - ha puntualizzato il capo di Stato maggiore della Marina - come le unità navali impiegate in mare a qualsiasi titolo, quali campagne addestrative, esercitazioni, attività sperimentali o scientifiche, visite a nazioni estere, conducano contestualmente attività di presenza, sorveglianza e di polizia dell’alto mare, estendendo l’attività di vigilanza e protezione dello Stato sugli interessi nazionali posti al di là dei nostri confini terrestri e marittimi». Da qui consegue «la necessità di disporre - ha specificato Girardelli - di una Marina militare completata, con l’abilitante lavoro svolto dal personale delle Capitanerie di porto-Guardia Costiera, di una Marina militare capace di operare e svolgere i citati compiti di presenza, sorveglianza, deterrenza e sicurezza marittima. Disporre di uno strumento navale sì moderno ma soprattutto ben bilanciato ed equilibrato, che sia in grado di avere in inventario tutti quegli assetti in grado di intervenire a 360 gradi nelle quattro dimensioni di manovra"
«Il recente varo di nave Trieste - ha concluso - rappresenta un ulteriore passo nel progressivo rinnovamento delle linee operative finalizzato a mantenere la necessaria capacità marittima della Difesa, che deve saper condurre quanto necessario e in perfetta sinergia interforze operazioni di proiezione di capacità sul mare, dal mare e su terra, con l'impiego, tra le altre, della componente anfibia e della componente aerotattica imbarcata».

(foto Todaro)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie