Sabato 16 Febbraio 2019 | 20:27

NEWS DALLA SEZIONE

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

La manifestazione

«Siamo tutti Megane», a Bari il presidio per la studentessa picchiata dall'ex

Studenti, associazioni e il rettore dell’Ateneo barese, Antonio Uricchio, si sono riuniti in un presidio di solidarietà alla 23enne originaria del Camerun

Con lo slogan «Siamo tutti Megane», questa mattina a Bari studenti, associazioni e il rettore dell’Ateneo barese, Antonio Uricchio, si sono riuniti in un presidio di solidarietà alla 23enne originaria del Camerun che nei giorni scorsi ha denunciato sul web di essere stata picchiata dal suo ex, uno studente 24enne della provincia di Bari, e ha pubblicato su Instagram le foto del proprio volto tumefatto. Al presidio è arrivata anche Megane, che all’Università di Bari studia Mediazione culturale, ma ha preferito non parlare. «E' importante rispettare il suo bisogno di stare in silenzio - ha detto Asia Iurlo dell’associazione studentesca Link - e per noi il messaggio è che occorre fare formazione nelle scuole sulla cultura della non violenza e sul rispetto delle donne». «Condanniamo qualunque manifestazione di violenza - ha detto Uricchio - soprattutto se hanno ad oggetto donne. Vogliamo affermare il valore del rispetto e delle relazioni umane che devono essere sgombre da qualunque forma di sopraffazione». Il rettore, esprimendo a nome dell’Università una «forte solidarietà a Megane», ha sottolineato che «abbiamo messo in campo con il Comune iniziative dirette a salvaguardare la sua condizione psicologica e fisica; ci auguriamo che questo possa essere l’ultimo episodio». Per Afana Dieudonne, presidente di 'Studenti stranieri Università di Barì, «la nostra dignità deve passare attraverso la dignità delle donne: nulla può giustificare la violenza». Dieudonne ha sottolineato che «le donne straniere sono più vulnerabili» e occorrono quindi "strumenti per tutelarle».

(foto Luca Turi)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400