Domenica 21 Ottobre 2018 | 13:11

NEWS DALLA SEZIONE

India, proteste parenti vittime incidente treno a Armitsar

India, proteste parenti vittime incidente treno a Armit...

 
Alba Parietti alla prima puntata Rai di Generazione Giovani

Alba Parietti alla prima puntata Rai di Generazione Gio...

 
Festa della polizia indiana a Bhopal

Festa della polizia indiana a Bhopal

 
Al via l'annuale nuotata verso l'isola di Hong Kong

Al via l'annuale nuotata verso l'isola di Hong Kong

 
A Venezia 5/a edizione regata Venice Hospitality Challenge

A Venezia 5/a edizione regata Venice Hospitality Challe...

 
Fabio Rovazzi a photocall film 'Faccio quello che voglio'

Fabio Rovazzi a photocall film 'Faccio quello che vogli...

 
Manifestazione Italia a 5 stelle al Circo Massimo, Roma

Manifestazione Italia a 5 stelle al Circo Massimo, Roma

 
Matt Dillon in posa al Seminci International Film, Spagna

Matt Dillon in posa al Seminci International Film, Spag...

 
Attivisti contro tratta esseri umani ad Atene, Grecia

Attivisti contro tratta esseri umani ad Atene, Grecia

 
Isabelle Huppert durante il Festival del Cinema a Roma

Isabelle Huppert durante il Festival del Cinema a Roma

 
Dimostranti a 'Marcia per il futuro' nel centro di Londra

Dimostranti a 'Marcia per il futuro' nel centro di Lond...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

In casa

Bari, omicidio a Carrassi: ucciso un pregiudicato

BARI - Un uomo di 33 anni, Fabiano Andolfi, agli arresti domiciliari per rapina, è stato ucciso stasera a Bari a colpi di arma da fuoco mentre l'uomo si trovava nella sua abitazione, in via Baracca, 11, nel quartiere Carrassi, a Bari.  L’omicidio è avvenuto davanti a un gruppo di parenti del 33enne. A quanto pare l’abitazione in via Maggiore Francesco Baracca, nel quartiere Carrassi di Bari - secondo le prime informazioni raccolte - è quella dei nonni della vittima dove il 33enne si trovava agli arresti domiciliari.

Secondo la prima ricostruzione si sarebbe trattato di una esecuzione ius piena regola: i sicari, infatti, avrebbero bussato all'abitazione spacciandosi, quasi certamente, per poliziotti o carabinieri che dovevano fare un controllo. Appena ha aperto la porta sono partiti i colpi in rapida successione che hanno freddato Andolfi.

Tutto ciò, come già detto, è avvenuto sotto gli occhi terrorizzati dei nonni che hanno iniziato ad urlare. Sul posto sono intervenuti anche gli operatori del 118 che hanno tentato invano di salvare la vita al 33enne raggiunto da più colpi di arma da fuoco: Fabiano Andolfi è morto poco dopo l'arrivo dei sanitari.

Nell’abitazione sono subito arrivati tutti i parenti più stretti della vittima. «Me lo hanno portato via, era troppo giovane per morire», ripete senza sosta la sorella del 33enne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400