Sabato 01 Ottobre 2022 | 11:27

In Puglia e Basilicata

Il video

Monopoli, il virus non ferma i vandali: in pieno giorno imbrattano la Cattedrale

Ad accorgersi dell'accaduto è stato il parroco don Peppino Cito, rettore della basilica

24 Marzo 2020

Eustachio Cazzorla

MONOPOLI - Due croci, anzi 3 e uno scarabocchio. Sfregio alla facciata della cattedrale. In pieno giorno. Ma all'ora del pranzo. La protesta o l'opera di uno squilibrato. Forse è una donna. Sta di fatto che la porta centrale e le due laterali del massimo tempio cittadino sono state imbrattate con vernice di colore bianco.

Ad accorgersi dell'accaduto è stato il parroco don Peppino Cito, rettore della basilica. Quando nel pomeriggio di lunedì ha riaperto la chiesa per il collegamento via social della preghiera pomeridiana. Ma la scena dell'imbrattamento è stata registrata dalle telecamere di sorveglianza a circuito chiuso della chiesa. Erano le 13.48 quando la figura vestita di nero, con stivaletti, pantaloni, mascherina sanitaria sul volto, zainetto in spalla e una busta in mano è uscita dal tunnel della cattedrale. Con fare svelto ma senza dimostrare una particolare agilità ha salito quasi a fatica gli ultimi gradini delle scale che introducono al sagrato della chiesa. Ha abbozzato due croci, con una bomboletta spray, sulle due ante del portone centrale e si è diretta inizialmente verso l'altro lato della piazza scendendo sempre con una certa indecisione le scale mentre transitavano due auto nella vicina via Padre Nicodemo Argento. Il personaggio si è girato per un attimo per vedere quanto fatto ed è ritornato nel tunnel che collega la piazza della cattedrale a piazza Manzoni.

Giusto il tempo per riattraversarla tutta, ritornare dall'altra parte, assicurarsi che nel frattempo non sopraggiungeva nessuno e quindi alle 13.50 riappare nella piazza della cattedrale e sempre con andamento sicuro ma non rapido nei movimenti, si dirige alla porta laterale sinistra. Con affanno sale soprattutto gli ultimi gradini ma disegna subito una specie di M lungo l'altezza della porta. E poi si dirige verso l'altra porta laterale, quella a destra dove segna un'altra croce prima di scomparire dallo schermo delle telecamere di sorveglianza presumibilmente scendendo la rampa per disabili che costeggia il muraglione barocco. Il parroco non commenta l'accaduto. Sulla vicenda indagano i militari della locale compagnia dei carabinieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725